Come si esegue il trapianto di capelli HSD

Come si esegue il trapianto di capelli HSD.

Persone Nella
Luoghi Italia
Argomenti anatomia, chirurgia, medicina

15/mar/2012 15.24.56 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il trapianto capelli con la tecnica microchirurgica HSD (Hair Surgery Division) è una innovativa procedura  ideata in Italia, poco invasiva e discreta che promette di risolvere diradamenti e calvizie. Simile al trapianto di capelli monobulbare FUE, è una soluzione chirurgica che garantisce ottimi risultati dato che, a dispetto delle tecniche tradizionali (come il trapianto di capelli follicolare FUSS), non prevede il prelievo di una striscia di cuoio capelluto dalla nuca ma l’estrazione di singoli bulbi piliferi. In questo modo l’effetto del trapianto risulta più naturale e le eventuali cicatrici estremamente ridotte.

Nonostante il trapianto HSD sia possibile su moltissime tipologie di calvizie, questo potrà essere eseguito solo su pazienti che presentino un buon equilibrio tra la qualità e la quantità di capelli della zona donatrice e l’ampiezza della zona ricevente affetta da calvizie. In questo caso, infatti, il trapianto di capelli HSD non sarebbe conveniente dato che il paziente dovrebbe subire un numero elevato di sedute per ottenere un risultato soddisfacente.

IL PRELIEVO DELLE SINGOLE UNITA’ FOLLICOLARI

Il prelievo dei capelli nel trapianto HSD avviene asportando singole unità follicolari (contengono da uno a cinque capelli) dalla zona donatrice, utilizzando il Trilix, uno strumento chirurgico a rotazione. Il Trilix è un piccolo bisturi circolare che viene utilizzato sia per prelevare i singoli follicoli nella regione occipitale sia per creare i siti nella zona ricevente, dove verranno collocati i follicoli. Solitamente la zona da cui vengono prelevate le unità follicolari è quella della nuca dove è presente un numero maggiore di capelli e di migliore qualità. Nella nuca infatti c’è una bassa concentrazione di 5-alfa-reduttasi e quindi la trasformazione del testosterone in DHT ha una minore intensità. Con il Trilix si effettua il prelievo che avviene inclinandolo in modo da rispettare la naturale inclinazione dell’unità follicolare. Questo riduce al minimo il rischio di danneggiamento del bulbo.

TRAPIANTO DELLE  UNITA’ FOLLICOLARI

Prima di trapiantare le unità follicolari prelevate il chirurgo esegue delle micro incisioni nella zona ricevente. Queste incisioni vengono fatte seguendo il progetto di rinfoltimento ideato con il chirurgo prima del trapianto ed hanno la medesima dimensione dell’unità follicolare. La porzione impiantata è di circa 1mm di diametro e corrisponde esattamente al diametro del foro ricevente. Anche in questo caso i micro fori vengono fatti seguendo l’inclinazione del capello per rendere ancora più naturale il risultato finale. Quando il bulbo viene inserito nel micro foro, questo aderisce perfettamente evitando così il ricorso a suture e permettendo una guarigione quasi immediata.

IL POST OPERATORIO

Dopo il trapianto nella zona trattata si formeranno delle piccole crosticine che scompariranno da sole nel giro di qualche giorno. I capelli trapiantati inizieranno a ricrescere dopo circa tre mesi. A volte però i tempi si allungano leggermente ma rientro tutto nel normale iter del trapianto.

Il trapianto capelli con la tecnica microchirurgica HSD può essere eseguito anche in altri punti del corpo oltre alla testa:

  • In zone delicate come le sopracciglia;
  • Nella zona del mento e delle guance per rinfoltire la barba;
  • Sul pube;
  • Sul torace.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl