Nuova tournèe della Corale Verdi nel segno di Mozart

06/mar/2006 16.10.31 MARILENA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ostiglia: nuova tournèe per la Corale Verdi nel segno di Mozart

 

Wolfgang Amadeus Mozart, “quel tedesco - così lo apostrofava Riccardo Wagner - che portò l’opera italiana alla perfezione”, nasceva nell’anno del Signore 1756 a Salisburgo. E la storia della musica subì un’impennata dal 700 in poi, in tutti i generi: dall’opera teatrale alla sinfonia, dalla musica da camera alle forme sacre. Ora nel 2006, anno mozartiano, anche la storica Corale “G.Verdidi Ostiglia, alle soglie dei 60 anni di attività, celebra il musicista d’Oltralpe con una tournèe a far data dal 3 aprile a Bologna (Mo) con la registrazione dal vivo di brani del compositore viennese, in partnership con il “Coro Città di Mirandola” diretto sempre dal maestro Giuliano Vicenzi. Il tour toccherà 10 aprile Mirandola, il 12 aprile Ostiglia, il 28 maggio Boretto (Re) e poi S.Benedetto e Castiglione delle Stiviere. A precederlo sarà un seminario tematico a cura del prof. Giuliano Vicenzi, del prof. Moreno Piccinini e del prof. Bruno Andreoli, il 1 aprile, nella Sala Granda del Comune di Mirandola, dedicato al fiore all’occhiello del repertorio mozartiano: il Requiem di Mozart, il grande ultimo incompiuto dall’architettura palpitante,  commissionatogli da un nobile di provincia fanatico di musica, cotale Franz von Walsegg zu Stuppach. Presso la Biblioteca Musicale “Greggiati” della città di Nepote, diretta dal maestro Vicenzi, è conservata fra l’altro una partitura originale di questo Requiem. Ma torniamo ab ovo: nel luglio 1791 un incaricato del conte musicofilo aveva sollecitato questo lavoro, ancora da ultimare, ma ciò non accadde mai, in quanto il maestro di Salisburgo morì il 6 dicembre dello stesso anno. La storia tramanda di una strana clausola per tale incarico: Mozart non doveva cercare di scoprire l’identità del committente, un mandante smascherato dal vizio di usurpare le musiche altrui facendole passare per proprie. Forse accadde proprio questo il 14 dicembre 1793, quando Walsegg eseguì per la prima volta il Requiem in pubblico, nella Chiesa di Neustadt a Vienna, in occasione dell’anniversario della morte della moglie. Fiancheggiata dal Coro “Città di Mirandola”, la Corale “G.Verdi” sta approntando un altro itinerario concertistico con l’esecuzione dei “Carmina Buranadi Orff, fino al prossimo autunno, che esordirà il 13 maggio con una rassegna canora a Trento, quindi il 27 maggio a Cento (Fe) e il 18 giugno a Quistello nell’ambito delle rievocazioni matildiche.

                                                                                   Marilena Buganza

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl