*Surina vecchia fa cattivo brodo (non che prima...) *

*Surina vecchia fa cattivo brodo (non che prima...) *

Allegati

14/mar/2006 14.49.33 http://digilander.libero.it/kunt_a_kinte/ Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Articolo consultabile gratuitamente sul magazine satirico di comunicazione televisiva http://digilander.libero.it/kunt_a_kinte/
 
 
Fermate i deliri mediatici di Giorgia Surina.
In un'intervista rilasciata all'ar-rivista glam, "Vanity Fair", minaccia di lasciare le scene con un appello intimidatorio: un altro anno e mollo tutto.
Innanzitutto, saremmo sopravvissuti comunque anche senza il suo preavviso. Poi, verrebbe da chiedersi, perchè farne un caso di stato quando avrebbe dovuto accorgersene da un pezzo?
La vee-jay più altezzosa di Mtv dice di essere diventata troppo vecchia per arrivare ai giovani e comunicare con il loro linguaggio - non che prima brillasse di spontaneità -.
La presunta maturità artistica a cui sarebbe giunta - avvalorata, in realtà, da uno dei flop più colossali del cinema come Una Talpa al Bioparco e dal ruolo di co-conduttrice anonima a Zelig Off - le impedirebbe di proseguire sul filone del videoclip. Insomma, la Surina è alle prese con una vera e propria crisi di identità (se mai ne è avuta una) che rischia di rovinarne l'immagine per sempre. Per questo, ritiene saggio da parte sua allontanarsi per un po' dai riflettori, capire cosa vuole dalla vita, congedarsi spontaneamente, insomma, prima che lo faccia qualcun altro per lei.
La vee-jay esprime il bisogno di difendere la sua credibilità ma, verrebbe da chiedersi, a che pro se risulta non pervenuta?
E non dipende dall'etichetta di Mtv, visto che volti più brillanti della rete giovanilista hanno trovato la loro strada senza fare troppe storie (Victoria Cabello ne è la riprova con uno show serale che le calza a pennello e l'approdo a Sanremo, Camila Raznovich è la regina dei talk show sul sesso con risultati pregevoli, Enrico Silvestrin si è dato al cinema impegnato).
Giorgia Surina, invece, viene da anni di Trl che l'hanno vista, priva di personalità, mantenere costantemente un certo distacco dal pubblico. Il suo presunto talento non è mai particolarmente emerso e ha finito per piegarsi alla trasmissione-contentino del momento, della serie "tiriamo a campare".
Ammesso questo presupposto, che senso ha salvarsi la faccia tirando in ballo l'ennesima scusante del maschilismo, sentenziando che su Canale 5 la condannarono al ruolo della civetta e che, ai tempi del suo fidanzamento col capo Antonio Campo dell'Orto, tutti pensavano che fosse raccomandata? Non sarà che tutto questo mettere le mani avanti è di per sé un segno di insicurezza? Nel piccolo schermo, infatti, il motto "gallina vecchia fa buon brodo" è pieno di conferme. Basti pensare al dominio incontrastato di Simona Ventura nel panorama televisivo o all'esempio di Federico Moccia, diventato alla sua veneranda età icona dei giovani con il suo "3 metri sopra il cielo".
L'importante per fare brodo in tv, insomma, è non essere vecchi (e rosiconi) dentro.

Lucas

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl