Osservatorio Buon Viaggio Network sul Turismo - Gennaio/Febbraio 2006: Gli italiani tornano a preferire i tropici

16/mar/2006 10.34.16 AIDA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Osservatorio Buon Viaggio Network sul Turismo

Gennaio/Febbraio 2006

 

 

Gli italiani tornano a preferire i tropici

 

 

Nel primo bimestre del 2006 il mercato dei prodotti turistici ha visto la crescita delle preferenze per le mete esotiche e, in particolare, per le destinazioni più pregiate dell’Oceano Indiano (+4,6% vs. febbraio 2005). In evidenza anche la netta ripresa dell’area Africa e Mar Rosso che, con un incremento di preferenze del 2,5% sul totale rispetto all’analogo periodo del 2005, dimostra di aver ritrovato lo smalto e l’appeal dei giorni migliori. Tutte le nuove destinazioni entrate nel ranking confermano che la fascia altospendente dei turisti italiani torna ad investire senza remore pur di garantirsi un posto in prima fila.

 

Milano, 16 Marzo 2006 - Secondo i dati raccolti dall’Osservatorio Buon Viaggio sul Turismo, che monitora i flussi turistici nelle circa 260 agenzie di viaggio del network Buon Viaggio, il mercato italiano dei prodotti turistici ha iniziato il 2006 consegnandoci un primo bimestre che mitiga le note recessive ereditate dal 2005 con una interessante redistribuzione dei flussi in favore di mete prestigiose e con elevata spesa media.

 

Macroaree

Com’è tradizione, le scelte dei turisti italiani a gennaio e febbraio sono state dominate dal desiderio di sfuggire ai rigori invernali per accomodarsi al sole dei tropici. Per questo motivo non stupisce che l’incremento più consistente abbia riguardato l’area dell’Oceano Indiano, che ha chiuso gennaio facendo segnare un lusinghiero +4,1% di preferenze rispetto all’analogo mese del 2005; percentuale ulteriormente ritoccata a febbraio, dove l’aumento ha toccato quota +4,6%.

La palma del bilancio positivo più significativo spetta, però, all’area Africa e Mar Rosso, che si è messa alle spalle l’handicap terrorismo che l’ha penalizzata per tutto il secondo semestre 2005, migliorando addirittura in percentuale le prestazioni fatte segnare nei primi 2 mesi dell’anno scorso.

Infatti, a gennaio 2006 l’area che vede come destinazioni di richiamo Sharm el Sheikh e Marsa Alam ha fatto segnare un importante +2,98%, bissato a febbraio con un +2,56%.

 

In generale, si conferma il trend positivo per il lungo raggio evidenziatosi nel corso degli ultimi mesi del 2005, sebbene con incrementi percentuali di modesta entità. Rispetto al primo bimestre 2005, l’America Latina ha fluttuato tra il +0,6% di gennaio e il +0,28% di febbraio, mentre l’America del Nord non è andata oltre il +0,07% di preferenze registrato a gennaio.  Analogamente, l’area dell’Asia ha superato a febbraio il mezzo punto percentuale d’incremento (+0,68%).

In controtendenza solo i Caraibi (-1,5% a gennaio, -2,26% a febbraio), mentre l’area Australia e Pacifico rimane sostanzialmente stabile.

 

Il predominio delle mete esotiche si riflette anche sui risultati del corto/medio raggio, dove l’Europa perde quote consistenti (-5,23% di preferenze sul totale dei partenti a gennaio, -4,77% a febbraio), pur confermandosi al primo posto come percentuale complessiva di partenze e potendo contare sull’immutato appeal delle capitali e delle città d’arte. Anche il bacino del Mediterraneo ha subito una flessione, mantenutasi nell’ordine di poco più di 1 punto percentuale.

 

Destinazioni

Il quadro di riferimento tracciato in sede di Macroaree trova puntuale conferma nel ranking delle destinazioni, dove l’Egitto balza in testa alle preferenze sia a gennaio che a febbraio con aumenti rispetto al primo bimestre 2005 che sfiorano l’1%. A farne le spese è soprattutto l’Italia, che scivola in seconda posizione lasciando sul terreno a gennaio il 3,14%.  La voglia di sole e di mare premia pressoché tutte le destinazioni esotiche a cominciare dagli atolli delle Maldive che, dopo il +2,5% di gennaio, hanno chiuso febbraio con un +2,79%.

A “far corona” alle Maldive figurano le new entry Mauritius, Brasile e Kenya, ma anche destinazioni più vicine come Tunisia, Gran Bretagna e Austria.

Buoni risultati anche per Cuba, Santo Domingo e le Canarie, che nel bimestre hanno fatto registrare lievi incrementi rispetto alle rilevazioni d’inizio 2005 dell’Osservatorio Buon Viaggio Network.

 

Località

Il ranking delle località vede Sharm el Sheikh riprendersi d’autorità la leadership sia a gennaio sia a febbraio 2006. Per il resto, i primi due mesi dell’anno presentano forti disomogeneità nelle preferenze, con un gennaio che ha fatto segnare saldi positivi alle città europee presenti in forze nelle prime 10 posizioni. Oltre a Parigi (+1,3%), infatti, si piazzano onorevolmente, nell’ordine, Roma, Barcellona, Madrid e Vienna. In controtendenza la sola Londra (-0,22%).

 

A febbraio, invece, la presenza del Vecchio Continente si riduce alle sole Parigi e Roma, pressoché stabili rispetto alle percentuali sul totale registrate nel corrispondente mese del 2005. Nella top ten entrano, invece, ben 5 nuove mete che fanno pendere la bilancia verso il turismo d’élite: Atollo di Ari, Zanzibar, Gran Canaria, Playa del Carmen e Ilha do Sal.    

 

Analizzando i dati dell’Osservatorio è possibile notare la sostanziale tenuta delle città europee, sempre ben frequentate dai nostri connazionali,” commenta Fausto Meneghetti, Amministratore Delegato di Buon Viaggio Network. “Dato atto che è venuto meno l’allarme terrorismo che contingentava forzatamente l’afflusso verso i resort del Mar Rosso, va segnalata l’escalation di alcune mete esotiche particolarmente pregiate che finora, proprio per via delle loro quotazioni, non generavano volumi tali da essere inserite in classifica. Pur con tutte le cautele del caso, questa novità può essere interpretata come il segnale che il segmento alto e medio-alto della clientela torna a privilegiare le proposte al top e non ha remore nell’investire cifre importanti per assicurarsi ogni comfort.”

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl