Se il condom può salvare le specie in via d’estinzione

24/apr/2012 16.16.23 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Usare il preservativo è un modo per salvare le specie in via d’estinzione. Questo è il messaggio scelto dal Center for Biological Diversity di Tucson, in Arizona, in occasione dell’Earth Day 2012. Una provocazione, non c’è dubbio, che serve soprattutto a far riflettere su un fatto: la sovrappopolazione mondiale è una delle cause principali del rischio di estinzione delle specie animali e vegetali. Un rischio che porta alla scomparsa, secondo le stime, circa 90 specie di esseri viventi al giorno.

La crescita della popolazione umana ha raggiunto livelli inimmaginabili fino a pochi anni fa. Basti pensare che dal 1968 al 2011 la popolazione mondiale è raddoppiata, superando quota 7 miliardi. Le Nazioni Unite stimano che possa raggiungere entro il 2050 la soglia dei 9 miliardi.

Il Centro di Tucson ha deciso di incentrare la sua attività proprio sui problemi legati alla crescita demografica. “Più persone popolano il Pianeta – sostiene Amy Harwood, responsabile della campagna sulla popolazione umana del Centro – meno risorse saranno disponibili per le specie già a rischio, come le pantere e le tartarughe marine. Se vogliamo occuparci delle specie sempre più a rischio, dobbiamo cominciare a parlare della sovrappopolazione umana”.

In occasione dell’Earth Day del 22 aprile 2012, il Centro è andato anche oltre distribuendo in tutti e 50 gli Stati Usa circa 100mila preservativi speciali, la cui confezione, raffigurante alcune delle specie a rischio, è stata disegnata dall’artista Roger Peet.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl