Anche il premier Monti sostiene #Salvaiciclisti

14/mag/2012 12.21.03 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il Presidente del Consiglio Mario Monti ha inviato una lettera a #Salvaiciclisti, il movimento che promuove provvedimenti che mettano in sicurezza le nostre strade per chi va in bicicletta. “Prima che Presidente del Consiglio – scrive Monti – sono stato un appassionato di ciclismo e cicloamatore io stesso”. Monti scrive di conoscere quindi i problemi legati alla mobilità su due ruote, di sapere che l’Italia deve fare ancora molto, e promette che il governo è impegnato su questi temi. Infine, invita il movimento a continuare ad agire ad ogni livello per la salute dei cicloamatori.

#Salvaiciclisti è un movimento spontaneo nato sul web, non legato ad associazioni e partiti, che chiede alla politica interventi mirati per migliorare la sicurezza dei ciclisti sulle strade italiane. La sua campagna è stata sposata e sostenuta da tante personalità e da molti quotidiani, tra i quali direttamente o indirettamente Gazzetta dello Sport, Fatto Quotidiano, Repubblica e Corriere delle Sera.

Il movimento ha pubblicato in particolare un manifesto di 8 punti fondamentali, che è anche stato presentato in Parlamento sotto forma di disegno di legge con il sostegno di 60 parlamentari di tutti gli schieramenti. Gli 8 punti dicono:

  1. Gli autoarticolati che entrano in un centro urbano devono, per legge, essere dotati di sensori, allarmi sonori che segnalino la svolta, specchi supplementari e barre di sicurezza che evitino ai ciclisti di finire sotto le ruote.
  2. I 500 incroci più pericolosi del paese devono essere individuati, ripensati e dotati di semafori preferenziali per i ciclisti e di specchi che permettano ai camionisti di vedere eventuali ciclisti presenti sul lato.
  3. Dovrà essere condotta un’indagine nazionale per determinare quante persone vanno in bicicletta in Italia e quanti ciclisti vengono uccisi o feriti.
  4. Il 2% del budget dell’ANAS dovrà essere destinato alla creazione di piste ciclabili di nuova generazione.
  5. La formazione di ciclisti e autisti deve essere migliorata e la sicurezza dei ciclisti deve diventare una parte fondamentale dei test di guida.
  6. 30 km/h deve essere il limite di velocità massima nelle aree residenziali sprovviste di piste ciclabili.
  7. I privati devono essere invitati a sponsorizzare la creazione di piste ciclabili e superstrade ciclabili prendendo ad esempio lo schema di noleggio bici londinese sponsorizzato dalla Barclays
  8. Ogni città deve nominare un commissario alla ciclabilità per promuovere le riforme.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl