L’Isola dei Pini in Nuova Caledonia è la più vicina al Paradiso

L'Isola dei Pini in Nuova Caledonia è la più vicina al Paradiso.

Persone Ortensia, Madonna
Luoghi Vao, Francia, Nuova Caledonia, St. Joseph, Nouméa, Macenta
Organizzazioni United Press International
Argomenti idrografia, botanica, geologia, turismo

21/mag/2012 16.20.53 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

by L. J. Claude

L’Isola dei Pini è probabilmente il gioiello più brillante della Nuova Caledonia. Quest’isola, ribattezzata da un poeta giapponese “L’isola più vicina al paradiso”, si trova a circa 60 Km a Sud – est di Noumea, la capitale della Nuova Caledonia. E’ una piccola isola lussureggiante lunga 18 km e larga 14, abitata da un popolo gentile e sempre sorridente. E come dar loro torto! La loro isola è circondata completamente dalla barriera corallina e lambita da un mare dai colori incredibili, in più l’interno è ricoperto da una lussureggiante vegetazione formata da palissandro e legno di sandalo, ma soprattutto da imponenti

pini colonnari (Araucaria columnaris), che possono raggiungere i 50 metri di altezza e le danno il nome. Le attrazioni più importanti dell’Isola dei Pini sono sicuramente le sue spiagge meravigliose di sabbia fine e bianca, come quelle di Kuto e Kanumera, e i luoghi di immensa bellezza come la Piscina Naturale e la Baia interna di Upi.

SPIAGGIA DI KUTO E DI KANUMERA

Le spiagge di Kuto e di Kanumera sono tra le più belle dell’Isola dei Pini. Situate nell’estremità sud-occidentale dell’isola, sono entrambe formate da una sabbia bianca e scintillante e si affacciano su un mare turchese che degrada dolcemente. Kuto e Kanumera uniscono la penisola di Kuto al resto dell’Isola dei Pini. La spiaggia di Kuto è una lingua di sabbia lunga oltre un chilometro che forma un’ampia baia da cui si possono godere dei tramonti indimenticabili. A poche decine di metri dalla spiaggia di Kuto, si trova quella di Kanumera, con caratteristiche molto simili. Entrambe infatti sono ornate dagli alti pini colonnari, da palme ed araucarie ed offrono scenari unici. La spiaggia di Kanumera è lunga circa 500 metri ed è sovrastata dal Rocher di Kanumera, un imponente scoglio collegato alla terraferma da una fine striscia di sabbia.

BAIA DI UPI (BAIE D’UPI)

Una baia interna di immensa bellezza, situata nella costa orientale dell’Isola dei Pini. La particolarità di questa baia sono gli enormi funghi di roccia che emergono dalle acque turchesi. Per raggiungere la baia si fa affidamento alle piroghe che partono dalla baia di St. Joseph per un escursione all’insegna dell’avventura. Salendo all’estremo nord della baia di Upi e dopo una camminata di circa mezz’ora si può raggiungere forse il posto più famoso e conosciuto dell’Isola dei Pini la

BAIA D’ORO (BAIE D’ORO)

Qui si trova la famosissima Piscina Naturale, riprodotta in centinaia di foto come simbolo di quest’isola paradisiaca. La Piscina Naturale, come suggerisce il nome, è una vasca di acqua marina, circondata da migliaia di alti pini colonnari che rendono il paesaggio davvero suggestivo. Con una maschera si possono fare bagni indimenticabili ed osservare pesci e coralli. La Piscina Naturale può essere anche raggiunta tramite un sentiero che parte nelle vicinanze di un ristorante.

BAIA DI SAINT JOSEPH

Si trova tra il villaggio di Vao e la Baia di Upi. Grazie alla sua conformazione è sempre stata utilizzata come cantiere per costruire le grandi canoe a bilanciere melanesiane. Da qui partone le escursioni per la baia di Upi.

 VAO

Il capoluogo dell’isola, ubicato nella parte meridionale dell’Isola dei Pini. Qui si può visitare una chiesetta cattolica costruita nel 1860 dove sono custodite alcune sculture in legno. Sulla collinetta sopra la chiesa c’è una piccola cappella dedicata alla Vergine Maria da dove si gode una bella vista di insieme del villaggio di Vao e della costa meridionale dell’Isola.

PIC N’GA

L’isole è quasi totalmente pianeggiante e solo nella parte sud ci sono delle colline. Il punto più elevato dell’Isola dei Pini è il Pic N’ga, alto 262 metri, facilmente raggiungibile tramite un sentiero che solo nell’ultimo tratto diventa più ripido ma mai troppo difficile. Dal Pic N’ga si gode una vista di insieme dell’isola da lasciare senza fiato.

I BAGNI PENALI

Nel 1853 l’Isola dei Pini divenne un possedimento della Francia che nel 1872 la utilizzò come bagno penale dove furono deportati oltre 3mila prigionieri. I resti di quei bagni si trovano vicini all’area di Kuto andando verso nord in direzione dell’aeroporto. Oggi si possono visitare le rovine della prigione di Comagna, le cisterne d’acqua e il cimitero dei deportati (Cimetière des Déportés).

GROTTE E CAVERNE

Un’altra delle attrazioni dell’Isola dei Pini sono le suo grotte e le caverne ricche di stalagmiti e stalattiti. La più nota è quella della Regina Ortensia (Hortense) che si trova nel centro dell’isola vicino all’aeroporto, nella località di Oumagne. La grotta è attraversata da un ruscello ed è circondata da una fitta foresta.

ISOLOTTI E BANCHI DI SABBIA ESTERNI

Sono isolotti e banchi di sabbia limitrofi all’Isola dei Pini. Nelle loro acque trovano rifugio tantissime specie marine. I fondali sono ricchi di crostacei tra le quali le enormi aragoste “Porcelane”.  Molti di questi isolotti sono raggiungibili con escursioni in giornata.

Come Arrivare:

  • In aereo dall’aeroporto di Noumea (Aérodrome de Nouméa-Magenta). Due collegamenti al giorno con l’aeroporto Aérodrome de l’Ile des Pins. Il volo dura circa 25 minuti
  • In catamarano da Noumea. Durata del viaggio circa 2 ore e 15 minuti


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl