Terremoto M=4.3 sul Pollino

Come segnalavo nel mio post della settimana scorsa la sequenza sismica del Pollino aveva dato segni di ripresa della attivita e contempotaneamente gi epicentri stavano migrando verso Est.

Luoghi Matera, Morano Calabro, Mormanno, Monte Pollino
Argomenti sismologia

28/mag/2012 08.37.00 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Come segnalavo nel mio post della settimana scorsa la sequenza sismica del Pollino aveva dato segni di ripresa della attivita e contempotaneamente gi epicentri stavano migrando verso Est.
Questa notte si è verificato un terremoto di magnitudo 4.3, il più forte sino ad ora registrato in questa sequenza. Sono seguite numerose scosse di magnitudo 3 e 2, tutte nella nuova zona, più prossima a Morano Calabro. Nella figura sotto sono riportati i terremoti della nuova sequenza assiema a quelli superiori a magnitudo 2 di quella precedente tra Rotonda e Mormanno.

Nell’ultima settimana, come detto prima, il “grafico della febbre” ovvero il numero di scosse M>1 in 24 ore aveva iniziato a risalira, ma era ben lontano dai livelli di attività di questa notte. Poi l’evoluzione improvvisa che ha portato la sequenza in un livello nuovo di energia ed attività, superiore a quello dello scorso anno

Una buona idea di quanto un terremoto M=4.3 sia più energetico della sequenza precedente la fornisce la registrazione di questa notte alla stazione sismometrica di Matera. La scossa in blu è quella di 4.3, quella in rosso è una scossa successiva di M=3.2, quindi paragonabile ai massimi verificatisi sino ad adesso. Le numerose scosse attorno a magnitudo 2 di questa notte non sono visibili a questa scala.

L'articolo originale lo trovi sul sito di terremoti, sismologia ed altre sciocchezze


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl