scissione da Rifondazione Comunista

12/apr/2006 10.26.47 PC-ROL Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

SCISSIONE DA RIFONDAZIONE COMUNISTA:

 

LA SINISTRA INTERNA E' PRONTA A ROMPERE COL PRC GOVERNISTA DI BERTINOTTI E LANCIA L'APPELLO PER LA COSTRUZIONE

DI UN NUOVO PARTITO COMUNISTA

 

GIOVEDI' 13 APRILE CONFERENZA STAMPA A ROMA

 

Comunicato stampa di undici dirigenti nazionali di Rifondazione Comunista

(area Progetto Comunista - Rifondare l'Opposizione dei Lavoratori)

 

L'imminente ingresso del Prc nel governo Prodi segnerebbe la conclusione del ciclo di Rifondazione come "cuore dell'opposizione" alle politiche padronali e il suo scioglimento di fatto come partito comunista. Il governo che si prepara, infatti, è un governo anti-operaio, con il sostegno della Confindustria. Prodotto di una vittoria elettorale effimera che non ha sconfitto il radicamento reale del centrodestra: a dimostrazione che non si battono i liberali reazionari in alleanza con i liberali confindustriali. La destra si batte nelle lotte, nell'autonomia di classe del mondo del lavoro: come dimostra la grande lezione francese.

Chiediamo ai parlamentari eletti per il Prc di non votare la fiducia al governo Prodi, di non permettere la nascita di un altro governo basato su un programma "lacrime e sangue. Che se ne vadano tutti: Berlusconi e Prodi! Serve un'alternativa dei lavoratori, serve un programma operaio per fare pagare la crisi economica, politica e sociale ai padroni.

 

Se nelle prossime ore il Prc non farà passi indietro e non dichiarerà esplicitamente che non sosterrà in alcun modo il governo Prodi, la sinistra di Rifondazione promuoverà la scissione da Rifondazione comunista, per garantire l'opposizione dei lavoratori.

L'appello alla scissione e alla costituente di un nuovo partito comunista è promosso nazionalmente da Francesco Ricci (membro dell'Esecutivo nazionale del Prc e presidente vicario del Collegio Nazionale di garanzia del partito) e da dieci membri del Comitato Politico Nazionale del Prc. All'appello di Progetto Comunista - Rifondare l'Opposizione dei Lavoratori (la maggioranza della vecchia area di Ferrando, che ha sfiduciato Ferrando in occasione della sua candidatura al Senato -poi ritirata da Bertinotti) stanno già aderendo in queste ore, in tutte le federazioni d'Italia del Prc, centinaia di dirigenti e di militanti non disponibili a seguire Bertinotti nel governo dei banchieri. Questa scissione è l'inizio della disgregazione del partito di Bertinotti.

 

Se non ci saranno passi indietro da parte della direzione del partito, con centinaia di dirigenti e militanti del Prc lanceremo la costituente del nuovo partito in una assemblea nazionale che si terrà sabato 22 aprile a Roma, proprio mentre Bertinotti deciderà i nomi dei ministri del Prc nel Comitato Politico Nazionale convocato in quelle stesse ore.

 

Per fornire alla stampa maggiori informazioni sulla scissione da Rifondazione e sul percorso di costruzione del nuovo partito, è organizzata

giovedì 13 aprile, alle ore 14, presso l'Hotel Universo

a Roma (via Principe Amedeo, 5/b ; zona Termini) una conferenza stampa.

 

Roma, 12 aprile 2006

Francesco Ricci

 

(portavoce di Progetto Comunista - Rifondare l'Opposizione dei Lavoratori,

sinistra del Prc che promuove la scissione da Rifondazione)

 

Per ogni contatto: Francesco Ricci Tel. 347 69 21 939

informa@progettocomunista.org ; www.progettocomunista.org

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl