scissione dal PRC: esito conferenza stampa

13/apr/2006 08.32.44 PC-ROL Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

SCISSIONE DA RIFONDAZIONE COMUNISTA:

 

IN UNA CONFERENZA STAMPA LA SINISTRA INTERNA ANNUNCIA LA SCISSIONE DAL PRC E LANCIA UN APPELLO PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVO PARTITO COMUNISTA

 

MIGLIAIA DI DIRIGENTI E MILITANTI DEL PARTITO SOSTENGONO L'APPELLO DI PROGETTO COMUNISTA-RIFONDARE L'OPPOSIZIONE DEI LAVORATORI

 

Comunicato stampa di undici dirigenti nazionali di Rifondazione Comunista

(area Progetto Comunista - Rifondare l'Opposizione dei Lavoratori)

 

 

Si è svolta oggi a Roma una conferenza stampa cui hanno partecipato undici dirigenti nazionali di Rifondazione comunista, membri del Comitato politico nazionale del Partito. Francesco Ricci (membro dell'Esecutivo nazionale del Prc e presidente vicario del Collegio Nazionale di garanzia del partito), portavoce della sinistra del Prc (la maggioranza della vecchia area di Ferrando, che ha sfiduciato Ferrando in occasione della sua candidatura al Senato, poi ritirata da Bertinotti), ha dichiarato: "Chiediamo ai parlamentari eletti per il Prc di non votare la fiducia al governo Prodi, di non permettere la nascita di un altro governo basato su un programma "lacrime e sangue". L'auspicio è che perlomeno i parlamentari delle minoranze interne raccolgano quest'invito e facciano mancare i numeri per la fiducia a Prodi. Occorre salvaguardare l'opposizione comunista al governo Prodi, voluto e sostenuto da Confindustria: per questo, se non ci saranno immediatamente passi indietro da parte di Bertinotti, promuoveremo fin da subito la scissione da Rifondazione comunista".

 

Come ribadito anche dagli altri dirigenti dell'area pronti a rompere con il Prc, l'annunciato ingresso di Rifondazione nel governo Prodi significherebbe la cancellazione delle ragioni per cui Rifondazione è nata. "Non abbiamo dubbi che una parte significativa dei militanti del partito - in particolare molti sostenitori delle minoranze interne (il 40% del partito) -, la gran parte dei giovani del Prc così come tanti attivisti sindacali e di movimento accoglieranno il nostro appello a salvaguardare l'opposizione comunista in Italia", hanno dichiarato i dirigenti di Progetto comunista - rifondare l'opposizione dei lavoratori.

 

Tanti dirigenti locali del Prc hanno aderito all'appello lanciato da Ricci. Se Bertinotti non ritirerà il sostegno al governo Prodi, verrà lanciata la costituente di un nuovo partito comunista in una assemblea nazionale che si terrà sabato 22 aprile a Roma, proprio mentre Bertinotti deciderà i nomi dei ministri del Prc nel Comitato Politico Nazionale convocato in quelle stesse ore.

 

Roma, 13 aprile 2006

Francesco Ricci

 

(portavoce di Progetto Comunista - Rifondare l'Opposizione dei Lavoratori, sinistra del Prc che promuove la scissione da Rifondazione)

 

Per ogni contatto: Francesco Ricci Tel. 347 69 21 939

informa@progettocomunista.org ; www.progettocomunista.org

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl