usciamo da Rifondazione

LA SINISTRA ROMANA DEL PRC ROMPE COL PARTITO DI BERTINOTTI E ADERISCE ALL'APPELLO PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVO PARTITO COMUNISTA

14/apr/2006 11.13.58 PC-ROL Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

SCISSIONE DA RIFONDAZIONE COMUNISTA:

 

LA SINISTRA ROMANA DEL PRC ROMPE COL PARTITO DI BERTINOTTI E ADERISCE ALL'APPELLO PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVO PARTITO COMUNISTA .

 

Comunicato stampa dei dirigenti romani della sinistra di Rifondazione Comunista

(area Progetto Comunista - Rifondare l'Opposizione dei Lavoratori)

 

Il PRC, accingendosi ad entrare -con la vittoria di Prodi- in un governo "anti-operaio", liberale e confindustriale, rinuncia al proprio ruolo di "cuore dell'opposizione" alle politiche padronali e si scioglie di fatto come partito comunista. Il compito che Rifondazione Comunista e i suoi ministri avranno nel governo dei grandi banchieri e dei poteri forti del Paese sarà quello di sterilizzare il conflitto di classe e contrastare, al tempo stesso, l'opposizione di sinistra ad una nuova stagione di "lacrime e sangue".

 

Questo progressivo, inesorabile (e nefasto) cammino del partito è nella più completa antitesi con la stessa ragion d'essere della "rifondazione comunista", cozzando peraltro contro il lungo percorso di lotta compiuto in questi anni dai lavoratori e dai movimenti della capitale. Dalle mobilitazioni all'Alitalia a quelle dei lavoratori precari dei call-center, dagli scioperi "selvaggi" degli autoferrotranvieri alle importanti manifestazioni degli studenti universitari, l'unica richiesta reale e matura che si è continuamente levata dallo spirito delle nuove generazioni in lotta è stata quella di un'opposizione radicale ed intransigente contro questo sistema.

 

Per garantire l'opposizione dei lavoratori al governo confindustriale che si appresta a nascere, per dare ai movimenti una direzione politica coerente e rivoluzionaria, la sinistra romana di Rifondazione aderisce all'appello per la scissione dal partito promosso nazionalmente da Francesco Ricci (membro dell'Esecutivo nazionale del Prc e presidente vicario del Collegio Nazionale di garanzia del partito) e da dieci membri del Comitato Politico Nazionale del Prc. Insieme con loro e coi compagni del PRC, dei movimenti, del sindacato che vorranno contribuire alla costruzione di una "vera, nuova, radicale" rifondazione comunista; con chi crede davvero che una seria alternativa sociale non ha da passare per il cappio della concertazione e dei patti di governo, parteciperemo all'assemblea nazionale del nuovo soggetto politico che si terrà sabato 22 aprile a Roma, presso l'Hotel Universo.

 

Roma, 14 aprile 2006

 

Roberto Angiuoni  (Comitato Politico Federale PRC - Roma)

 

Francesco Fioravanti  (Comitato Politico Regionale PRC - Lazio)

 

Andrea Spadoni  (segreteria PRC Aeroportuale - Roma; CUB Naz.Trasporti)

 

Leonardo Spinedi  (segretario circolo PRC "Pietro Tresso (Blasco) / Fidene" - Roma)

 

 

Contatti:

[ Roberto Angiuoni Tel. 347 85 09 212 - robertoangiuoni@libero.it ]

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl