Nextime Ensemble all'Auditorium Paganini di Parma

Allegati

20/mag/2003 20.19.25 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Teatro Regio di Parma
Fondazione
____________________
 

Nextime Ensemble

esegue musiche di Arnold Schönberg,

Franco Donatoni, John Adams

Per la Stagione Concertistica 2002 - 2003 del Teatro Regio di Parma

Auditorium Paganini, Mercoledì 21 maggio 2003, ore 20.30

 

   

        Il programma della serata propone l’esecuzione di brani di tre tra i più importanti compositori del 900. A cominciare dall’innovativa Kammersymphonie Sinfonia da camera n. 1 op. 9 composta nel 1906 da Arnold Schönberg che segnò il passaggio dalla grande orchestra ottocentesca ad una formazione di più ridotto organico e che rappresenta l’inizio di una nuova modalità espressiva. Opera risalente al limite del primo periodo del compositore, questo “Solo” per quindici elementi consta di un solo movimento da eseguirsi senza interruzione, benché al suo interno è pur possibile individuare almeno cinque parti rilevanti (esposizione, scherzo, sviluppo, adagio, riesposizione, finale) in una correlazione formale che ancora risente dello schema classico della sinfonia in quattro movimenti e della forma-sonata ma che già mostra il raggiungimento dei limiti estremi del sistema tonale, ad un passo ormai dal suo progressivo disfacimento.
        Secondo pezzo in programma è Hot di Franco Donatoni, compositore tra i più significativi della “Nuova Musica” italiana. L’opera di Donatoni ha di fatto segnato il panorama musicale degli anni ‘70 e ‘80, forse più in sordina rispetto ai colleghi Berio e Nono (anche se nei conservatori più d’una volta le sue intuizioni erano oggetto di studio) ma sicuramente con innegabile originalità. Hot, per sax sopranino/tenore e sei strumenti rivela l’interesse che Donatoni riservava al genere jazz, non in forma di una marcata imitazione stilistica, ma nell’intento di raggiungere per via speculativa  una specie di swing “virtuale”.
        Sentito omaggio alla omonima sinfonia di Schönberg, di rado presente nei programmi concertistici italiani, è la Chamber Symphony per 15 strumenti scritta nel 1992 dal compositore statunitense John Adams, uno tra i più importanti esponenti del minimalismo che rappresentò la completa rottura con il pensiero seriale del dopoguerra, il ritorno alla tonalità, movimenti armonici “essenziali”, ostinati ritmici e melodici. In particolare, la musica di John Adams ha saputo distinguersi nel tempo per quella costante patina di marcato lirismo, fatta di suggestivi paesaggi sonori e coinvolgenti modulazioni ottenute mediante la tecnica del gating, cambiamenti di tonalità ottenute con la tecnica del “pedale” armonico.
        Il Nextime Ensemble, formazione strumentale variabile nell’organico in relazione alle musiche da eseguire, nasce nel 1998 per iniziativa di Danilo Grassi ed è ospite, in residenza, presso la Fondazione Teatro Due di Parma. Obiettivo dell’Ensemble è proporre musiche che vadano oltre l’abituale spazio del teatro classico, superando le barriere dei convenzionali concerti. L’organico dell’Ensemble è composto di solisti che abitualmente suonano il repertorio classico nelle più importanti formazioni orchestrali a livello italiano ed internazionale.
Non badiamo a schemi, preconcetti, condizionamenti, scuole o altro- come afferma Danilo Grassi - che non sia il libero arbitrio nello scegliere gli autori e le pagine che suoneremo davanti agli spettatori. E che sia la strada giusta lo constatiamo ogni volta dalla reazione del pubblico. Credo che la musica debba essere un veicolo di emozioni fra chi suona e chi ascolta. Vedo con sospetto la produzione musicale troppo specializzata poiché spesso nasconde un difetto nelle idee di base. Vogliamo fare musica che comunichi, che abbia molta energia. Lo ripeto sempre: non ci sono confini fra le musiche. C’è musica bella e musica brutta e questo vale per il nostro tempo come per il Settecento o l’Ottocento. L’approccio non cambia sia che si tratti di Beethoven o di Cage” .

        Sono ancora disponibili presso la biglietteria del Teatro Regio alcuni biglietti di ingresso; per informazioni tel. 0521.039399

 

programma 

 

ARNOLD SCHÖNBERG

Kammersymphonie

Sinfonia da camera n. 1 op. 9

 

* * * * *

 

FRANCO DONATONI

Hot

Per sax sopranino/tenore e sei strumenti

 

* * * * *

 

JOHN ADAMS

Chamber Symphony

 

_______________________________

 

Nextime Ensemble
Direzione Danilo Grassi


ARNOLD SCHÖNBERG
Kammersymphonie
Sinfonia da camera n. 1 op. 9

Flauto / Ottavino            Andrea Oliva
Oboe                    Fabrizio Oriani
Corno Inglese                Stefano Rava
Clarinetto / Cl. piccolo        Giovanni Picciati
Clarinetto                Corrado Giuffredi
Clarinetto basso            Massimo Ferraguti
Fagotto                Rino Vernizzi
Controfagotto                 Alessio Pisani
Corno                    Natalino Ricciardo
Corno                    Ettore Bongiovanni
Violino                 Alessandro Milani
Violino                 Silvio Bresso
Viola                     Francesco Lattuada
Violoncello                 Stefano Guarino
Contrabasso                Giuseppe Ettorre

* * * * *

FRANCO DONATONI
Hot
Per sax sopranino/tenore e sei strumenti
Clarinetto / Cl. piccolo        Giovanni Picciati
Tromba                Francesco Tamiati
Trombone                Floriano Rosini
Pianoforte                 Folco Vichi
Percussioni                Athos Bovi
Contrabbasso                Giuseppe Ettorre
Sax Sopranino/Tenore solista    Pietro Tonolo

* * * * *

JOHN ADAMS
Chamber Symphony
Flauto/Ottavino            Andrea Oliva
Oboe                    Fabrizio Oriani
Clarinetto / Cl. piccolo        Giovanni Picciati
Clarinetto / Cl. basso            Massimo Ferraguti
Fagotto                Rino Vernizzi    
Fagotto / Controfagotto        Alessio Pisani
Corno                    Ettore Bongiovanni
Tromba                Francesco Tamiati
Trombone                Floriano Rosini
Tastiera                Folco Vichi
Percussioni                Paolo Pasqualin
Violino                 Silvio Bresso
Viola                    Francesco Lattuada
Violoncello                Stefano Guarino
Contrabbasso                Giuseppe Ettorre

 

 

Paolo Maier
Ufficio Stampa e Comunicazione
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org

 
 

AVVISO IMPORTANTE:

PERMANGONO PURTROPPO PROBLEMI RELATIVI A INDESIDERATI MULTIPLI INVII DELLE NOSTRE COMUNICAZIONI. CI SCUSIAMO DEL FASTIDIOSO DISGUIDO, INFORMANDO CHE PER LA SOLUZIONE DEL PROBLEMA ABBIAMO ATTIVATO LE NECESSARIE E OPPORTUNE OPERAZIONI DI VERIFICA 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl