Dedicata a tutti i Migranti-22 Aprile 2006 Manifestazione Migranti a Caserta

razzismo, loro non reagiscono, ti guardano, ti osservano...

Allegati

21/apr/2006 15.35.10 redazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
  22 Aprile 2006 Manifestazione Migranti a Caserta
 
  di: "Agnese Ginocchio - Dedicata a tutti i Migranti  "
 
                 
 
 
I Migranti sono nostri fratelli e vanno rispettati e trattati alla stessa maniera di come siamo trattati noi.
Gli immigrati hanno tanto da insegnarci, si piegano a fare i lavori più umili,
quelli che non uomini e donne dei paesi ricchi, non riusciremmo mai a fare .
Preferiremmo morirci di fame piuttosto che perdere il prestigio, la falsa dignità e piegarci ai lavori umili.
Gli immigrati ci insegnano la pazienza, il silenzio...
Di fronte a molte scene di discriminazioni e di razzismo, loro non reagiscono, ti guardano, ti osservano...
In  maniera molto seria e diligente vanno via, oppure abbassano la testa per subire l'ennesimo maltrattamento, senza dire nulla.
Mi chiedo: Noi se venissimo trattati alla stessa maniera cosa faremmo?Come reagiremmo?
  Esattamente il contrario. Scoppierebbe una rissa...
Io stessa sono stata testimone da vicino di fatti di razzismo: una volta trovandomi sul treno,
contro un ennesimo atto di poca carità nei riguardi di un povero immigrato che fu costretto a scendere dal treno(...) protestai a tale gesto anch'io scendendo immediatamente (dopo l'immigrato) per dimostrare ai controlloni e agli agenti dell'ordine lì presenti, che io non ci stavo a quell'atto disumano. Ancora una volta loro avevano messo in pratica la  non carità, avevano violato il diritto a quel povero immigrato di difendersi.
I loro diritti sono i nostri diritti, sono i diritti della Pace.
Non c'è Pace senza Giustizia. Giustizia significa rispetto per la legge e diritti uguali per tutti, senza badare al colore della pelle.
Gli immigrati fuggono con dolore dalle loro terre perchè costretti dalla guerra, dalla fame, dall'estrema povertà..
Fuggono per trovare una speranza e la possibilità di realizzare un loro sogno, di ricostruire una vita.
Poi che succede?
Emigrando in occidente vengono trattati peggio dei cani, umiliati, bastonati, perseguitati, imprigionati e trattati come vili malfattori.
Ma in realtà i veri malfattori siamo tutti noi uomini e donne occidentali che di fronte a queste continue scene di razzismo, anzichè alzare forte la voce in piazza e difenderli nel nome della pace, preferiamo non esporci,
continuando ad assumere atteggiamenti poco rispettosi, ambigui e di omertà ,
Ma le loro vite, le loro storie,  sono la nostre stesse vite, le nostre stesse storie,  scorre lo stesso sangue nelle vene,
i loro  sentimenti sono i  nostri sentimenti, i loro sogni i nostri stessi sogni.
E' necessario allora fare un esame di coscienza, fare un cambio di rotta, è necessario guardare in faccia la realtà.
Non c'è tempo da perdere difendere i loro diritti, significa difendere i nostri, difendere i diritti della Pace e della Giustizia, i diritti della Vita.
E' necessario il rispetto e vedere in loro, anche se dal colore diverso, dei fratelli.
Loro sono i nostri fratelli. Ricordiamoci che su questa terra siamo tutti migranti e di passaggio.
L' Italia si è risollevata dalla crisi di povertà del dopoguerra proprio grazie a tanti italiani che sono emigrtai all'estero.
Perchè si dimentica così facilmente la storia, le radici che abbiamo in comune ?
I nostri genitori sono stati tutti immigrati.
Fra questi i genitori di tanti politici che oggi hanno fatto passare leggi contro la Pace, che violano i  diritti dei migranti.
Bisogna ricucire gli strappi, rispettare la  centralità dell'uomo ,di ogni uomo e donna , rispettare la Vita,
restituire la Speranza, vero volto della dignità perduta a causa dell' arroganza dell'uomo potente!
Giustizia chiediamo nel nome della Pace. Giustizia che richiama il valore del Perdono e della Riconciliazione.
Giustizia che significa Uguaglianza e Diritti per ogni uomo sulla terra !
La vera scelta dunque non  e'  tra  nonviolenza  e  violenza,  ma  tra  nonviolenza  e  non  esistenza...
Se non riusciremo a vivere come fratelli moriremo tutti come stolti
   Diceva Martin Luther King:
" Io ho un Sogno ..che  un giorno ogni  nero della nostra patria,
ogni uomo di colore di tutto il mondo, 
sarà  giudicato sulla base del suo carattere
piuttosto  che  su  quella  del  colore  della sua  pelle, 
e ogni uomo rispetterà la  Dignità e il valore della  personalità  umana. 
Ho ancora il Sogno: che un giorno la Giustizia  scorrerà come  Acqua e la Rettitudine come una corrente poderosa. 
Io ho davanti a me un sogno, che un giorno  i figli di coloro che un tempo furono schiavi e i figli di coloro che un tempo possedettero schiavi,
sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza...
E’ questa la nostra speranza.../ Risuoni la libertà...Risuoni la libertà ....Risuoni la libertà .....
E quando lasceremo risuonare la libertà, quando le permetteremo di risuonare da ogni villaggio e da ogni borgo, da ogni stato e da ogni città, acceleremo quel giorno in cui tutti i figli  bianchi, ebrei e gentili, cattolici e protestanti, sapranno unire le mani e cantare con le parole del vecchio spiritual:
"Liberi  finalmente, liberi  finalmente...siamo liberi finalmente.."
Libertà, Speranza, Giustizia , Diritti senza confini  e Pace per tutti senza se e senza ma
nel segno dell' Arcobaleno! Shalom..."
 
 
Di Agnese Ginocchio-cantautrice per la Pace (www.agneseginocchio.it)  Scritto del 21 aprile 2006A.M.
Scritta  in occasione della Manifestazione antirazzista a Caserta del 22 Aprile 2006  promossa dall' Ex Canapificio.
dedicata a tutti gli immigrati
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl