L'intervista al gestore ETF di Debitower Capital

24/apr/2006 07.43.55 Debitower Capital Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

INTERVISTA AL GESTORE ETF DI DEBITOWER CAPITAL

Ci eravamo lasciati 15 giorni fa con una previsione non troppo ottimistica.

Confermiamo la nostra view sui mercati azionari ed obbligazionari; ci aspettano degli storni nel breve periodo.

Andiamo nel dettaglio facciamo una disamina dei mercati monetari ed obbligazionari.

Fino ad adesso la Fed e le banche centrali si sono limitate ad assecondare l'economia ed ad aggiustare gli squilibri dei mercati azionari, obbligazionari ed immobiliari. Adesso la banca americana porterà i tassi al 5% o al massimo al 5,25% eppoi si fermerà a guardare. A quel punto saranno i mercati a dettare le politiche delle banche centrali. In particolar modo le curve dei rendimenti dei mercati obbligazionari saranno più in linea con le previsioni macroeconomiche, rispetto al recente passato. A nostro avviso vi sono componenti speculative sia nei mercati reali, che in quelli finanziari che hanno gonfiato a dismisura le quotazioni. Se lasciati liberi a se stessi i mercati si ridimensioneranno.

Quindi borse giù e tassi stabili?

Borse giù senz'altro, i tassi seguiranno l'evoluzione delle economie. Di quanto potrà scendere ancora la disoccupazione negli Stati Uniti, nel medio periodo? La capacità produttiva del principale mercato mondiale è quasi al limite, di quanto potrà crescere ancora senza imbarcare inflazione? Le bolle createsi nei mercati immobiliari, non si possono trasferire sic et simpliciter sui mercati azionari e la sensazione di ricchezza del consumatore medio americano (indebitatissimo) ed europeo (un po' meno indebitato) sta per venire meno.

Il petrolio, l'oro ed il rame?

Credo che i trend di fondo siano ben saldi e continueranno a crescere nel lungo periodo. Per quanto riguarda l'oro, perchè è l'altra faccia della medaglia rispetto alla massa di carta (massa monetaria mondiale) che è stata messa in circolazione negli ultimi tre anni. Il petrolio risentirà delle tensioni internazionali oltre che dell'espansione delle economie cinese ed indiana e non dimentichiamoci che 9 volte su 10, nel periodo Maggio-Ottobre sale. Il rame continuerà a salire visto che a parità di offerta (non si possono scoprire ed aprire ogni giorno delle miniere e le capacità estrattive si fanno via via sempre più costose, man mano che sisfruttano le miniere più in profondità) la domanda è in forte espansione. Una frenata al prezzo delle materie prime potrebbe arrivare solo in seguito ad un forte apprezzamento pilotato della valuta cinese. Il governo cinese è molto preoccupato dello squilibrio sociale che sta creando la forte velocità della crescita e molto presto sarà obbligato a rivalutare la moneta per calmierare l'economia.

Grazie ed arrivederci alla prossima newsletter.

Grazie a voi.

Per accedere al sito di Debitower ed iscriverti gratuitamente alla nostre newsletter, clicca su www.debitower.com Se hai domande, commenti o proposte, scrivi a info@debitower.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl