L'eccellenza artigiana piemontese è in mostra a Mastro Artigiano

02/mag/2006 03.06.17 Gruppo BnP Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Mastro Artigiano:

l’eccellenza artigiana piemontese si mette in mostra

 

Al centro fieristico di Novi Ligure il 12-13-14 maggio

 

Novi Ligure, 02 maggio 2006 - Dopo il successo della prima edizione, dal 12 al 14 maggio, torna “Mastro Artigiano”, la rassegna che mette in mostra l’artigianato piemontese d’eccellenza. All’interno del centro fieristico Dolci Terre di Novi, si sono dati appuntamento 50 espositori con il meglio delle loro produzioni: ceramica, legno, restauro, stampa, sartoria e tessile, vetro, gioielleria, strumenti musicali, ferro battuto, decorazione e restauro in edilizia e ancora, gelateria, pasticceria e distillati. Le aziende sono tutte accomunate dal marchio "Piemonte Eccellenza Artigiana", riconoscimento assegnato dalla Regione in base a rigidi disciplinari e che prevede determinate caratteristiche, tra cui il richiamo alla tradizione, l'innovazione e l'aggiornamento professionale.

 

A seguito dell’inaugurazione, il 12 maggio alle 16, l’attenzione si sposterà al Museo dei Campionissimi dove alle 17,30 si terrà il convegno sul restauro e la decorazione in edilizia, attività per la quale la Regione Piemonte si appresta a predisporre il disciplinare, affinché venga inserita fra le Eccellenze Artigiane.

 

L’edizione 2006 prevede interessanti novità; tra queste “Mastro Artigiano fa… faville”, una dimostrazione di forgiatura dei maestri fabbri che si svolgerà sabato 13 maggio a partire dalle 17,30 in piazza Dellepiane, il centro commerciale naturale della città. Altri eventi collaterali interesseranno il Museo dei Campionissimi. A partire dalla serata di sabato 13 con “Mastro Artigiano in… passerella”, una sfilata di abiti sartoriali, per proseguire nel pomeriggio di domenica 14 con “Mastro Artigiano in… note”, il concerto-dimostrazione eseguito con strumenti realizzati dai mastri artigiani piemontesi. Il programma si completerà con un interessante iniziativa editoriale “Mastro Artigiano in… libreria”. Sabato 13 maggio alle 17, presso il Foyer del Teatro Marenco, verrà presentato il primo dizionario completo del gioiello italiano, a cura di Lia Lenti e Maria Cristina Bergesio.

 

Alla tre giorni parteciperanno anche quattro scuole della provincia con i loro laboratori (Agenzia Formativa For.al Scuola Orafa di Valenza, Istituto d’Arte Cellini di Valenza, Scuole Tecniche S. Carlo Centro Formazione Professionale Alessandria, Confartigianato Formazione Gabiano, Scuola Comunale di Scultura e Restauro del Legno). Si ringrazia per la collaborazione la Regione Piemonte, la Provincia di Alessandria e la Cassa di Risparmio di Alessandria. I ringraziamenti vanno anche alla Fondiaria SAI (agenzia Vittorio e Mario Stasi di corso Marenco 48) per la copertura assicurativa del materiale esposto, al Centro Danza di Roberta Borello che collabora alla realizzazione della sfilata sartoriale e alle Associazioni Confartigianato di Alessandria e CNA per la dimostrazione di arte fabbrile.

 

La mostra “Mastro Artigiano” si svolgerà a Novi Ligure (AL) presso il centro fieristico “Dolci Terre di Novi”. Orari: venerdì 12 e sabato 13 maggio dalle 16 alle 23; domenica 14 maggio dalle 10 alle 20. Ingresso libero. Per informazioni: Ufficio Commercio Comune di Novi Ligure tel. 0143-772.204.

 

Il saluto del Sindaco, Lorenzo Robbiano

“Stiamo vivendo un momento di crescita economica, dovuta essenzialmente allo sviluppo del commercio e in parte anche al buon andamento di alcune produzioni industriali, soprattutto nel settore agro-alimentare. Bisogna sfruttare questa situazione a livello di distretto e mettere in moto sinergie per attrarre investimenti sul territorio. In quest’ottica l’artigianato d’eccellenza può giocare un ruolo da protagonista. L’idea lanciata l’anno scorso, proprio in questa sede, di un incubatore di aziende di qualità trova oggi interlocutori ancora più interessati e condizioni più favorevoli per essere realizzata. Questo significa scommettere sul domani mettendo al centro dell’attenzione la ricchezza delle nostre tradizioni”.

 

Il saluto dell’Assessore al Commercio e al Turismo, Lorenza Priano

“L’obiettivo della rassegna è quello di valorizzare e promuovere le imprese riconosciute con il marchio di Eccellenza presenti in Provincia di Alessandria ed in Regione. Le imprese riconosciute offrono al mercato l’indicazione che i loro prodotti sono realizzati attraverso specifiche lavorazioni e processi che contraddistinguono la capacità del “saper fare artigianato”, una vera e propria arte che fa parte del patrimonio della tradizione italiana. L’importanza della manifestazione è testimoniata anche dal fatto che Mastro Artigiano, così come la fiera del bestiame dello scorso novembre, ha ottenuto il riconoscimento di “evento regionale””.

 

Gli interventi della Regione Piemonte

Come sottolinea l’Assessore Regionale alle Attività Produttive Gianluca Susta, la manifestazione in quanto luogo di convergenza di prodotti di qualità e innovazione, diventa un momento di particolare importanza per i nostri artigiani; un’occasione per offrire ad un pubblico sempre più esigente una panoramica ampia e variegata delle loro produzioni di qualità.

 

Caratterizzandosi per l’alto livello qualitativo, la rassegna, come fa notare il Direttore Regionale Commercio e Artigianato Marco Cavaletto vede anche quest’anno,  la partecipazione del meglio della produzione artigiana della regione rappresentata nei vari settori: dalla ceramica alla gioielleria, dal ferro battuto al legno, dal tessile al vetro e agli strumenti musicali fino ai settori alimentari del dolciario e dei distillati.

 

In quest’ottica la Regione Piemonte, precisa ancora l’Assessore Gianluca Susta, intende le manifestazioni legate all’artigianato artistico, consolidando e rafforzando il programma di “Eccellenza Artigiana” in un confronto tra un artigianato di qualità e le esperienze d’arte  e di design accomunate in un percorso ideale di dialogo e interazione, ricreando un momento di grande rilevanza.

 

 

L’intervento del Presidente Confartigianato della zona di Novi Ligure, Antonio Grasso

“L'eccellenza artigiana del Piemonte per il secondo anno è in mostra nella nostra città. Una grande soddisfazione per la nostra categoria e per il nostro territorio. Questa iniziativa consente di mettere in primo piano le aziende artigianali e dare un messaggio forte della crescita sia professionale che economica delle piccole e medie imprese. "Mastro Artigiano" consente  inoltre di poter toccare con mano la qualità del prodotto fatto a mano, costruito su misura da artigiani che giornalmente lavorano per "costruire" pezzi unici. Questa edizione è particolarmente ricca anche di iniziative collaterali molto interessanti e gradevoli per il pubblico che vorrà conoscere i prodotti delle nostra botteghe artigianali. “

 

La dichiarazione del Presidente della CNA di Novi Ligure Gianfranco Pizzorno

“In quanto novese, sono orgoglioso che la Regione Piemonte abbia scelto la mia città, anzi la nostra, per ospitare questa fiera prestigiosa ed artistica. All’interno del Centro Fieristico si potranno ammirare prodotti esclusivi dei vari settori a cui hanno attribuito il marchio di Eccellenza e spettacoli organizzati in collaborazione con gli artigiani produttori di strumenti musicali. La nostra città offrirà al pubblico 3 giorni di festa dell’Artigianato Eccellente, invito tutti a partecipare per constatare che il vero artigianato non è affatto scomparso, anzi, è più che mai presente e produttivo, nonostante abbia sicuramente risentito del rallentamento economico di questi ultimi anni. Perciò ‘Mastro Artigiano’ deve essere un esempio per i giovani perché si può arrivare in alto e sfoggiare il prestigio con questo bel marchio che è l’Eccellenza Artigiana, conferito dalla nostra Regione”.

 

MASTRO ARTIGIANO 2006 - APPROFONDIMENTI      

 

Strumenti musicali

Alla rassegna “Mastro Artigiano”, in programma dal 12 al 14 maggio e dedicata all’artigianato di eccellenza piemontese, saranno presenti alcune ditte che costruiscono e restaurano strumenti musicali. Una fra queste, proveniente dalla provincia di Torino si occupa del restauro di pianoforti, clavicembali, fortepiani ed armonium. E’ la ditta Serazio-Negro S.a.s. di Foglizzo, una presenza di altissimo livello per il particolare pregio dei pezzi che saranno esposti ; pianoforti a coda e verticali datati fine ottocento - primi novecento. Non da meno le presenze della nostra Provincia con aziende conosciute a livello internazionale. Avremo modo di ammirare gli oboi ed i clarini dell’azienda Fratelli Patricola di Castelnuovo Scrivia nonché i violini di Andrea Sibilio, liutaio in Alessandria. Per la seconda volta abbiamo il piacere di ospitare la signora Lucia Bellani della Liuteria Artigiana di Arquata Scrivia che ci meraviglierà con l’eleganza delle sue arpe e la raffinatezza dei particolari di alcuni suoi pezzi.

 

Nel pomeriggio di domenica, presso il Museo dei Campionissimi, adiacente il centro fieristico, da non perdere l’appuntamento con “Mastro Artigiano in…Note”, momenti musicali con gli strumenti dei maestri artigiani piemontesi.        

 

Arazzi

Mastro Artigiano 2006 ha il piacere di ospitare uno dei pochi laboratori operanti in Italia che si occupano di tessitura di arazzi. L’Arazzeria Scassa di Asti, da più di 40 anni si occupa della tessitura così detta ad “alto liccio” di arazzi contemporanei nonché della pulizia e restauro di arazzi antichi. Arte di avanguardia e antiche tecniche di tessitura hanno portato ad un successo documentato dai rapporti intercorsi da Scassa con artisti contemporanei come Corrado Cagli, Giorgio de Chirico, Renato Guttuso, Umberto Mastroianni e tanti altri. Anche l’architetto Renzo Piano ha fatto tradurre ad “alto liccio” alcuni dei suoi disegni. Una presenza prestigiosa a Mastro Artigiano, tenuto conto che alcuni degli arazzi di Asti hanno ornato saloni di importanti famiglie italiane come casa Rizzoli o sono oggi presenti in importanti sedi come le Gallerie Pontificie in Vaticano, la Biblioteca del Senato della Repubblica di Palazzo Minerva a Roma, l’aula della Corte d’Appello di Roma.

Negli anni ’60 l’Arazzeria Scassa ha decorato i saloni delle feste di prima classe delle navi da crociera Leonardo Da Vinci, Michelangelo e Raffaello e proprio uno di questi pezzi, tratto dall’opera di Corrado Cagli “Chimera” - collezione Museo degli Arazzi Scassa di Asti (dim. mt. 2.24 x 1.87),  sarà esposto durante la rassegna.   

 

 

Per ulteriori informazioni (segreteria organizzativa Mastro Artigiano):

 

Gruppo BnP

Eleonora Gandini

Relazioni esterne

Tel.: 0143-73.383

Email: eleonora.gandini@bnp.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl