Incontro tra Letizia Moratti e CNA Milano

Incontro tra Letizia Moratti e CNA MilanoLetizia Moratti ha accolto la proposta della Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa di Milano di costituire un Dipartimento Artigianato e Servizi strutturato come un laboratorio permanente di analisi e proposta che abbia al centro la realtà della PMI milanese, strettamente legata al contesto metropolitano.

17/mag/2006 10.07.59 marcorelations Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Letizia Moratti ha accolto la proposta della Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa di Milano di costituire un Dipartimento Artigianato e Servizi strutturato come un laboratorio permanente di analisi e proposta che abbia al centro la realtà della PMI milanese, strettamente legata al contesto metropolitano. "E' importante per l'artigianato e la pmi milanese avere un punto di riferimento all'interno del comune, una realtà a disposizione per snellire gli adempimenti burocratici, ma soprattutto per rendere possibile un dialogo costruttivo e orientato ad azioni concrete" - ha affermato Letizia Moratti.

Questa iniziativa, di fondamentale importanza per il mondo dell'artigianato e della pmi, è stata presentata oggi nel corso di un incontro tra il candidato sindaco di Milano, Letizia Moratti e i rappresentanti del gruppo dirigente di Cna Milano presso la sede dell'associazione milanese. Oggetto del dibattito il confronto con le problematiche e le aspettative della categoria, raccolte in un documento presentato dal presidente di Cna Milano, Maurizio Calzolari.



"Una grande città agile come una piccola impresa", questo è il tema che i piccoli imprenditori affidano ai candidati sindaco (ricordiamo il confronto già avvenuto con Bruno Ferrante).



I punti cruciali discussi:



- L'artigianato e la pmi offrono servizi fondamentali per la città di Milano, è necessario tutelare il lavoro di queste piccole e medie realtà garantendo loro la possibilità di essere competitive sul mercato.

"Il lavoro della pmi va sicuramente salvaguardato e valorizzato, bisogna quindi creare i presupposti per una leale concorrenza attraverso molteplici iniziative: di sicuro interesse per gli imprenditori, l'abolizione dell'ICI sulla prima casa una delle misure principali nelle politiche a sostegno del reddito; l'istituzione di bandi comunali per mettere anche le micro imprese nelle condizioni di competere; l'inserimento delle piccole imprese nelle attività formative organizzate sul territorio; l'analisi delle difficoltà oggettive legate alla ricerca del parcheggio e all'accesso in alcune aree della città per gli artigiani che vi prestano servizio, un problema importante che coinvolge anche altre categorie come quelle dei medici, ad esempio; la creazione di un "brand Milano" per valorizzare il territorio e i suoi attori."



- Alla luce del cambiamento in atto con Basilea 2 nel sistema creditizio internazionale è importante che il Comune si renda garante del rispetto delle regole unendo strutture confidi delle associazioni con istituti bancari, sostenendo la concessione di credito e di finanziamento alle pmi milanesi.

"E' comprensibile che la piccola impresa tema di essere danneggiata da decisioni internazionali. Non è ancora possibile dare risposte concrete ma l'impegno è quello di lavorare insieme per capire e risolvere le difficoltà."



- A Cna aderisce il Satam, il maggiore sindacato dei tassisti milanesi; in questa categoria si ritiene necessario l'avvio di un processo di liberalizzazione nel comparto raggiungibile attraverso lo sviluppo della collaborazione familiare, l'adozione di sistemi automatici della regolazione dei turni alla domanda di servizio, l'attenuazione del principio della guida personale, l'eliminazione di ogni vincolo temporale all'espletamento del servizio in determinate situazioni e in determinati punti di carico.

"Si concorderanno modifiche al principio della guida personale per consentire la guida ai collaboratori familiari e modalità per eliminare i vincoli temporali, si introdurranno meccanismi di diversa regolazione dei turni in relazione alla domanda. Si costituirà, inoltre, una Commissione composta dal Comune e dai rappresentanti dei tassisti per monitorare offerta e domanda nella città, si realizzeranno interventi per migliorare la viabilità dei taxi nei percorsi urbani".



Milano, 17/05/2006



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl