Telefonino: a qualcuno piace."caldo"!

Allegati

18/mag/2006 07.44.13 Buongiorno V. Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

L'indagine internazionale sui servizi digitali per la telefonia mobile realizzata da Buongiorno conferma che l'acquisto di suonerie, loghi, wallpaper e giochi multimediali è considerato un investimento del tutto legittimo e gratificante, terzo per importanza tra le attività preferite dopo le telefonate e gli sms. Il 20% degli utenti italiani dichiara di acquistare 1 servizio di sms infotainment la settimana, molto più della media europea, a dimostrazione che il Bel Paese detiene il primato mondiale nell'uso relazionale e "caldo" delle tecnologie.

 

Milano, 18 Maggio 2006 - Oggi è oggettivamente difficile trovare in commercio telefonini che offrano unicamente l'indispensabile per effettuare e ricevere chiamate. Anche i modelli più economici, infatti, incorporano una ricca dotazione di funzioni e accessori idonei a personalizzarne l'uso.

Tuttavia, l'indagine internazionale sulla percezione dei servizi digitali per la telefonia mobile condotta da Buongiorno su un campione di 5000 possessori di cellulari in Europa, Stati Uniti e Sudafrica dimostra che il business dei servizi ad alto valore aggiunto (VAS) viaggia più che mai con il vento in poppa.

Infatti, con il 68% delle indicazioni, l'acquisto di suonerie, loghi, sfondi, effetti sonori e giochi multimediali si colloca al terzo posto tra le attività preferite da quanti possiedono un cellulare, ex equo con l’uso della fotocamera digitale integrata e superato in popolarità solo da telefonate (98%) e messaggini (98%).

 

Come si spiega quest'apparente contraddizione? Cosa spinge gli utenti mobili a rivolgersi al mercato dei VAS e a destinare una quota crescente del budget di spesa legato all'utilizzo del telefonino alla personalizzazione e al "potenziamento" dell'apparecchio?

 

Dalla ricerca internazionale di Buongiorno emerge immediatamente l’impressione che, ovunque nel mondo, i consumatori cerchino - e sempre più spesso ottengano - dall’offerta di servizi per il cellulare le stesse sensazioni di arricchimento, gratificazione personale ed esclusività ottenute dall’acquisto di accessori o capi moda.

1 utente mobile su 2, infatti, si è dichiarato soddisfatto dei servizi acquistati, giudicandoli coinvolgenti, alla moda e, soprattutto, aderenti alla propria personalità.

 

In una fase di generale contrazione dei consumi, dove tecnologia e beni-esperienza gratificanti sono gli unici comparti a non subire ridimensionamenti perché vissuti come acquisti fortemente legittimi, i VAS si dimostrano vincenti proprio per la loro peculiare capacità di incorporare la natura di beni tecnologici e di beni-esperienza. In altre parole, gli accessori digitali rappresentano la tecnologia che aiuta a non sentirsi esclusi, a non restare indietro, a rappresentare e proiettare convenientemente l'individualità nel sociale, ma anche beni-esperienza perché consolatori, gratificanti, percepiti come fortemente adatti a sé.

Pertanto, oggi la suoneria, il logo, il wallpaper  non sono più il gadget, il passatempo, ma qualcosa che si vuole, si cerca e si sceglie come elemento che fa diventare il cellulare una protesi magnificante del sé, quasi un essere organico che diventa autenticamente personale nella misura in cui racconta e esprime chi lo possiede.

 

A riprova che i VAS sono prodotti di massa vissuti ed esibiti come espressione di individualità, la ricerca internazionale di Buongiorno mette in risalto la tendenza a non scambiare ciò che si acquista per personalizzare il telefonino.

Mentre in passato i servizi ad alto valore aggiunto erano frequentemente oggetto di scambio e di condivisione - anche un po’ piratesca - oggi ciò che si scarica legalmente sul cellulare è considerato a tutti gli effetti di proprietà esclusiva.     

 

Un altro aspetto che traspare dalla ricerca è che i possessori di cellulari si rapportano all'offerta di servizi come opportunità di ottenere una sorta di lifting per il loro cellulare. In pratica, con un investimento contenuto è possibile ringiovanire il telefonino e farlo vivere in un rapporto di costante organicità con l'universo del possessore.

 

Un ulteriore elemento per comprendere la crescita esponenziale del business dei VAS è dato dalla soddisfazione degli utenti per le caratteristiche dell’offerta, che si riflette in un incremento nella frequenza e nella quantità di servizi acquistati. Il 30% del campione dichiara, infatti, di scaricare circa un prodotto al mese, mentre il 14% arriva ad acquistare un prodotto alla settimana.

Inoltre, rispetto al recente passato è cresciuta la disponibilità di spesa per i servizi di valore medio-alto (da 5 ad oltre 15 Euro). L’upgrade verso i servizi a maggior alto valore aggiunto è trainato dalla suonerie: sia quelle polifoniche, che raccolgono il 22% delle indicazioni d’acquisto, sia quelle basate su file audio ad alta qualità (True Tones), che oggi si attestano intorno al 10%. 

Proporzionalmente all’aggiornamento del parco telefonini, infine, è in rapida crescita il nuovo segmento delle suonerie videoringtones.

 

Spostandoci sulle inclinazioni specifiche degli utenti mobili italiani emerge l'ultimo, ma non meno essenziale fattore per comprendere le fortune dei servizi a valore aggiunto: l'elemento relazionale.

Innanzitutto, i servizi di sms infotainment figurano al secondo posto tra i prodotti più scaricati in Italia, contro la quarta posizione a livello continentale.

Allo stesso modo, gli italiani sopravanzano gli europei per l’utilizzo di MMS info (6% vs. 2%) e videoringtones (4% vs. 2%), mentre la situazione si ribalta nell’ambito delle suonerie True Tones (5% vs. 10%).

Gli utenti italiani dichiarano una minore disponibilità di spesa per i servizi mobili; in compenso, però, fanno un ricorso più intensivo al download: Il 21% degli intervistati italiani ha dichiarato, infatti, di acquistare 1 prodotto la settimana per arricchire il suo cellulare contro il 14% del campione paneuropeo.

 

Queste peculiarità vanno lette come l'ennesima conferma della speciale attitudine degli italiani all’uso relazionale della tecnologia.

In nessun altro Paese europeo, infatti, il telefono fisso, il telefonino e internet vengono utilizzati pressoché esclusivamente per le comunicazioni personali come avviene in Italia. Gli italiani, pertanto, si dimostrano maestri nello “scaldare” la tecnologia che vuol dire relazione.

In questo senso, i VAS possono essere legittimamente considerati come forme di esperienza gratificanti che aiutano a far vivere la tecnologia in modo caldo ed emozionale; sono una sorta di punto di congiunzione fra l’hand-set tecnologico (freddo, razionale, funzionale) e le sue forme d’uso (calde, relazionali, coinvolgenti).  

 

 

 

 

 

 

Informazioni su Buongiorno S.p.A.

Buongiorno S.p.A. (MTAX STAR, Borsa Italiana: BVIT) è una multinazionale attiva nel mercato dei contenuti multimediali per la telefonia e i canali digitali. Tra i primi gruppi a livello mondiale nel settore dei servizi mobili a valore aggiunto, Buongiorno è market leader in Europa e ricopre un ruolo di rilievo negli Stati Uniti e in America Latina. Buongiorno è attiva in Russia e in Asia Pacifica attraverso una joint venture con il gruppo giapponese Mitsui & Co., Ltd. Buongiorno articola la propria attività su due linee di business: i servizi a valore aggiunto per gli utenti di telefonia mobile e fissa  (Consumer Services) distribuiti con il brand BLINKO e attraverso partnership con i maggiori gruppi media e operatori telefonici, e i servizi di marketing relazionale (Marketing Services) per le aziende, le cui sinergie valorizzano le competenze di un team di oltre 600 professionisti di 20 diverse nazionalità, nella produzione e aggregazione di contenuti, nella consulenza di marketing digitale e nella gestione della tecnologia.

 

 

Ulteriori informazioni su Buongiorno SpA sono disponibili sul sito Internet www.buongiorno.com o contattando

Monica Montefusco,                                                             Monica Cipparrone, Roberta dal Verme

PR Manager & Global PR Coordinator                                 Ufficio Stampa Aida Partners

Tel. +39 02 5821351                                                             Tel. +39 02 89504650 fax. +39 02 89511499

Email: monica.montefusco@buongiorno.com                       Email: monica.cipparrone@aidapartners.com

                                                                                              roberta.dalverme@aidapartners.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl