Messaggio di cordoglio su attentato ai militari italiani Iraq (di Agnese Ginocchio-cantautrice per la Pace)

28/apr/2006 17.10.00 redazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Caserta, Campania (Italy) 28 Aprile 2006
 
 
Messaggio di cordoglio che perviene dalla cantautrice per la Pace Agnese Ginocchio (www.agneseginocchio.it),
per il vile attentato che ha provocato la morte dei connazionali militari italiani in Iraq.
 
       
 
Esprimiamo indignazione per l'ennesimo e vile attentato a danno dei nostri militari italiani in Iraq: Nicola Ciardelli, Franco Lattanzio e Carlo De Trizio e a Enrico Frassinito ferito nello stesso attentato. Profondo cordoglio e solidarietà alle loro famiglie, all' Esercito italiano e all' Arma dei Carabinieri. L'Italia che si è tinta ancora di sangue e di lutto, ora si stringe ancora intorno a voi, per fare memoria di tutte le vittime delle stragi ingiuste. Abbiamo osservato un momento di silenzio nel rispetto di questi figli che per noi rappresentano i nostri fratelli, le nostre famiglie. Quanto durerà questo scontro di incivilità e di intolleranza fra i popoli? Quando si riuscirà a scorgere un raggio di Speranza oltre l'abisso, perchè l' Alba abbia a sorgere e a prevalere sopra le tenebre del terrore, dell'implacabile sete di avidità e di potere che genera l'odio? No, non si possono ne si potranno mai giustificare i morti, come neanche si possono giustificare le guerre.
 A Voi  grandi della terra, a voi politici che governate vi supplichiamo e vi chiediamo nel nome della Pace: Ritirate le truppe militari dalle zone di guerra prima che sia troppo tardi! Tolleranza, Rispetto, Dialogo, Riconciliazione, Perdono, Nonviolenza e Pace. Sono queste le uniche armi da usare, che restano al mondo per il recupero delle coscienze e la rinascita dell' umanità. Siamo chiamati tutti alla responsabilità,  a non essere complici di omicidi e di sangue innocente.
Giorno verrà che la GIUSTIZIA ci chiederà conto e che dovremo rispondere a tutte le nostre azioni!
Noi osiamo davvero sperare che mai più accadino violenze, stragi e attentati. Mai più guerre! Domani sarà un altro giorno. Domani sorgerà il Sole della Speranza e della Fratellanza universale senza confini nel segno dell'Arcobaleno. Domani ogni pianto, ogni lacrima e ogni ingiustizia cesseranno d'esistere e ci sarà Pace. Si, domani...ma è necessario cominciare a lavorare già ora per il cambiamento di rotta, perchè domani sia realmente il futuro di Speranza e di Pace!Shalom
Agnese Ginocchio-cantautrice per la Pace (www.agneseginocchio.it)
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl