comunicato stampa

25/giu/2003 18.32.08 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Si terrà dal 10 al 13 luglio nella suggestiva cornice del Monastero di Colonna
Tolkien e il Signore degli Anelli
A Trani l'Hobbiton del Mezzogiorno d'Italia

In quattro giorni, le proiezioni dei due episodi, conferenze, concerto e mostra


Letteratura, cinema, arte, tradizione e folklore. Tutto in un'unica manifestazione, che si terrà dal 10 al 13 luglio a Trani (Ba), nella suggestiva cornice del Monastero di Colonna. E' "Verso la Contea - Sotto il segno di Tolkien", evento organizzato dalla Società Tolkieniana Italiana in collaborazione con il Comune di Trani.
E' un appuntamento unico per il Mezzogiorno d'Italia. La più grande manifestazione italiana legata a Tolkien, l'Hobbiton, quest'anno giunto alla sua decima edizione, si tiene a Udine, per il resto, qualche mostra e tante conferenze in ogni regione, ma mai una manifestazione come quella programmata a Trani. "Diventerà l'Hobbiton del Sud Italia", dice Oronzo Cilli, ideatore dell'evento e responsabile delle relazioni estere della STI. "Questa manifestazione nasce dalla volontà di rendere il dovuto omaggio al grande intellettuale del '900 e all'opera cinematografica del regista neozelandese Peter Jackson. Sarà un vero e proprio viaggio nella Terra di Mezzo, un viaggio che alla fine ci ricondurrà nell'amata Contea. Una festa che non è riservata ai soli amanti di Tolkien: cercheremo di contagiare ogni fascia di età ed ogni tipo di lettore".

Per quattro giorni sarà allestita una mostra composta da un centinaio di opere tra quadri originali e stampe e da alcune centinaia di oggetti legati al mondo creato da Tolkien e al film, la più grande mostra tolkieniana mai portata nel Sud Italia. Nel cortile esterno del Monastero saranno, inoltre, proiettati, all'aperto, i primi due episodi del film, "La Compagnia dell'Anello" e "Le due torri", mentre il terzo giorno si terrà un concerto di musica celtica. Ma il vero piatto forte sono le conferenze, che si terranno ogni giorno nel salone del Monastero. Vi parteciperanno, fra gli altri, il presidente della Società Tolkieniana Italiana, Paolo Paron, due dei principali doppiatori italiani del film, l'attore Pino Insegno (Aragorn) e Francesco Vairano (Gollum), importanti giornalisti e scrittori, un funzionario della Medusa Film, che annuncerà in anteprima nazionale una novità sul terzo episodio del film, e in ultimo, ma non certo per importanza, l'Ambasciatore della Nuova Zelanda in Italia, Peter Bennett, che parteciperà ad un incontro incentrato proprio sull'affascinate paese oceanico (set del film, dove è stata scenografata la famosa Terra di Mezzo) e coglierà l'occasione per avviare contatti di carattere economico e turistico con istituzioni e operatori commerciali della Puglia, al fine di avviare una proficua collaborazione con la Nuova Zelanda (in programma ci sono anche una visita al Presidente della Regione Puglia Raffaele Fitto e al presidente della Fiera del Levante Luigi Lobuono). "E' un grande onore per la nostra città ospitare una manifestazione di questa portata ed un Ambasciatore di un Paese importante come la Nuova Zelanda", commenta il sindaco di Trani, Giuseppe Tarantini. "Siamo certi della rilevanza culturale dell'evento e ci auguriamo che altrettanto importanti e proficui possano essere i risvolti dell'incontro fra i nostri imprenditori locali e l'Ambasciata neozelandese. Per l'occasione a Trani ci sarà anche un funzionario dell'Istituto italiano per il Commercio con l'Estero. Per le nostre imprese è un'occasione ghiotta, che non bisogna lasciarsi scappare".


Società Tolkieniana Italiana
La Società Tolkieniana Italiana (STI) è stata costituita nel 1992 in occasione del centenario della nascita di J. R. R. Tolkien ed è stata subito riconosciuta dalla Tolkien Society Inglese. Il principio fondamentale che ha mosso i fondatori dell'Associazione è stato senz'altro il desiderio di dare testimonianza, attraverso l'attività culturale, della gran mole di tradizioni, miti e leggende che l'uomo moderno va rapidamente obliando. Tolkien e le sue opere sono stati la grande porta attraverso cui far passare questo messaggio di riscoperta, di rivivificazione, di riattualizzazione delle narrazioni europee: dal gelido nord del mondo, fino al caldo Mediterraneo.
La Società Tolkieniana Italiana fin dalla sua nascita si è sempre impegnata non soltanto in un'azione di diffusione delle opere Tolkieniane, ma anche e soprattutto nella riscoperta di miti e leggende di tutta Europa, nelle ricerca di antiche tradizioni locali delle varie zone d'Italia, scavando tra le pieghe della memoria dei nostri vecchi, spulciando nei libri dimenticati e riproponendo sotto forma di pubblicazione o conferenza quanto si è riusciti a salvare dall'oblio del tempo.


Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa: Antonio Procacci, tel 347/9716355 · e-mail: antonio.procacci@t-press.it
Robert Bernocchi, Addetto Stampa STI, tel 338/3872012 · e-mail: r.bernocchi@caltanet.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl