Fabrizio Taranto (DESTRA PER L'ITALIA): SCONFIGGERE LA SINISTRA SULLE GRANDI QUESTIONI ETICHE E SOCIALI

335\287104 SCONFIGGERE LA SINISTRASULLE GRANDI QUESTIONI ETICHE E SOCIALI diFabrizioTaranto(Presidente NazionaleDestra per l Italia Patria e Tradizione) Archiviate definitivamente letornate elettorali, politiche e amministrative, superati gli scogli inizialidelle elezioni delle massime cariche dello Stato edella fiducia al governo di Prodi, si torna finalmente alla politica nel sensopiù ortodosso del termine.

04/giu/2006 12.46.00 Destra per l'Italia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Spett.le Redazione

Inviamo l’allegato intervento concortese preghiera di pubblicazione.

Ringraziamo anticipatamente per il rilievoche vorrete attribuire ad esso.

Distinti saluti

 

Fabrizio Taranto

Presidente Nazionale

Destra per l’Italia – Patria e Tradizione

 

www.destraperlitalia.it

www.patriaetradizione.it

 

info@patriaetradizione.it

fabrizio.taranto@argonetica.com

 

rif. 335\287104

 

 

SCONFIGGERE LA SINISTRASULLE GRANDI QUESTIONI ETICHE E SOCIALI

 

 

diFabrizioTaranto

(Presidente NazionaleDestra per l’Italia – Patria e Tradizione)

 

Archiviate definitivamente letornate elettorali, politiche e amministrative, superati gli scogli inizialidelle elezioni delle massime cariche dello Stato edella fiducia al governo di Prodi, si torna finalmente alla politica nel sensopiù ortodosso del termine.

Non c’è statal’auspicata “spallata”, né tanto meno essaverrà dall’ormai imminente consultazione referendaria in merito alleriforme istituzionali: continuare a far dipendere la sopravvivenza del centrosinistra al governo dall’esito di presunte “battagliecampali” dagli esiti determinanti è sbagliato, in quanto si continua aporre il confronto su un terreno assai più semplice per la sinistra e sul qualesi corre il rischio che energie e unità del centro destra finiscano peresaurirsi e disperdersi inutilmente.

La stessa consultazione sullacosiddetta “devolution” sembra infattinascondere insidie più per l’opposizione – che al di là deiproclami non arriverà all’appuntamento per niente coesa – piuttostoche per il neo governo.

Ciò che occorre inveceimmediatamente recuperare è un piano strategico a medio e lungo termine chetrasporti il confronto politico sui temi etici, sociali, culturali, politiciche pongono in assoluta evidenza le infinite contraddizioni della compaginegovernativa e le sue incongruenze.

E non sono poche, fortunatamente,le frecce all’arco del centro destra: dalla politica estera (Irak,Afganistan, ma anche Iran), alla questione immigrazione, ai grandi temi eticidella difesa della famiglia dalla minaccia dei pacs, della difesa della vita edei diritti dell’embrione e del nascituro, alla politica economica con lacreazione dei presupposti per rilanciare l’economia della produzione e labattaglia contro l’introduzione e la resurrezione di vecchi e nuovibalzelli, la difesa di una politica che sviluppi e non deprima come in passatoil mercato del lavoro,  il ruolo e le aspettative delle Forze dell’Ordine e delle ForzeArmate, i grandi temi dell’ordine pubblico e della lotta alla criminalitàpiccola e grande.

Non c’è tema, fra quellisopra elencati, sul quale vi sia unità nellacoalizione governativa: anzi, le discordanze appaiono in molti casi addirittura“strutturali” e per nulla secondarie.

Su queste grandi questioni ilcentro destra deve “dare battaglia”, mettendo da parteprotagonismi, delusioni e aspettative di fazioneinterna, perché solo unendo risorse, qualità, potenzialità di tutte le forze inesso presenti, dalle più rappresentative elettoralmente fino a quelle piùrecenti e solo apparentemente “minori”- ma non meno importantinella logica di un grande confronto che coinvolga tutti gli Italiani – sipuò e si deve riuscire a riportare la Nazione ad una consultazione elettoraleanticipata, che consenta di riprendere – e meglio – il cammino chesi è interrotto.

Attorno ai programmi, conattenzione alle istanze e al comune sentire di unaNazione che a più riprese ha dimostrato di non gradire l’estremismo“progressista”, ma che attende con ansia un’alternativa permeatadi saggezza e di soluzioni concrete per rilanciare l’orgoglio e le giusteaspirazioni, la serenità e il bisogno di risposte certe e chiare degliItaliani.

 

     www.destraperlitalia.itwww.patriaetradizione.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl