comunicato stampa evento a Ferrara

La scelta di Ferrara quale sede di questo importante appuntamento è da ricercare nella storia che la città ha intrecciato per oltre otto secoli con quello della sua comunità, oltre che dai suoi nomi illustri nelle arti: Giorgio Bassani, Ciro Contini, Roberto Melli, Arrigo Minerbi, Vittore Veneziani.L'evento si svolgerà nelle vie dell'ex ghetto ebraico, nel centro di Ferrara, dando nuova dimensione a questi preziosi e suggestivi luoghi.

15/giu/2006 16.13.00 Doppiospazio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

1° Festival delle Arti Ebraiche
Ferrara - 22 - 28 giugno 2006




Si apre a Ferrara giovedì 22 giugno 2006 la prima edizione di FestAè -
1° Festival delle Arti Ebraiche.

L’evento nasce con l’intento di far meglio conoscere la cultura ebraica
attraverso la cucina, la musica, l’arte e lo spettacolo, con
particolare riguardo al suo aspetto gioioso e partecipativo.

La scelta di Ferrara quale sede di questo importante appuntamento è da
ricercare nella storia che la città ha intrecciato per oltre otto
secoli con quello della sua comunità, oltre che dai suoi nomi illustri
nelle arti: Giorgio Bassani, Ciro Contini, Roberto Melli, Arrigo
Minerbi, Vittore Veneziani.

L’evento si svolgerà nelle vie dell’ex ghetto ebraico, nel centro di
Ferrara, dando nuova dimensione a questi preziosi e suggestivi luoghi.

FestAè - 1° Festival delle Arti Ebraiche sarà un incontro di culture ed
esperienze, e il ricco programma prevede concerti, letture, mostre,
spettacoli, performarce artistiche e incontri culinari che animeranno
la città per una intera settimana fino al 28 giugno.

L’organizzazione dell’evento è stata resa possibile grazie
all’importante sostegno della Comunità Ebraica di Ferrara, alla quale
si sono uniti successivamente la Provincia di Ferrara, il Comune di
Ferrara e la Regione Emilia-Romagna che hanno conferito il patrocinio
alla manifestazione.

Coordinatore del progetto è Doppiospazio, l’agenzia di comunicazione e
architettura con sede a Modena, la quale ha offerto la propria
esperienza nella comunicazione, con l’ideazione del nome, del logo
della manifestazione e degli altri strumenti di comunicazione; e
nell’architettura, allestendo le mostre e le vie della città.

L’organizzazione dell’Associazione Culturale Ponte Azzurro ha permesso
la piena realizzazione del Festival garantendo un supporto costante.

Fondamentale il contributo del fotografo Paolo Zappaterra che ha messo
a disposizione le sue opere fotografiche per allestire le vie del
ghetto con la mostra en plein air: “I Luoghi Ebraici
dell’Emilia-Romgna” che creano un percorso nel percorso, per scoprire i
più importanti luoghi ebraici nella regione.
Inoltre nelle serate di sabato 24 e domenica 25 giugno sarà proiettata
in esclusiva, nell’androne dell’ex scuola ebraica, la sua video
installazione dedicata a Giorgio Bassani.

Le altre mostre a supporto dell’evento portano a Ferrara artisti
giovani e altri di fama internazionale.

Tobia Ravà e Hana Silberstein sono i protagonisti di 2 personali,
“Codice Binario” e “Prime Gioie”, realizzate grazie all’impegno della
curatirce Maria Luisa Trevisan della’Associazione Culturale Concerto
d’Arte Contemporanea di S. Elena (PD).

“Torah: Immagini”, mostra del fotografo Manfredi Bagnai, sarà ospitata
all’interno della splendida cornice di “Casa di Stella dell’Assassino”,
e permetterà di percepire attraverso le immagini il particolare
rapporto tra l’Uomo ebreo e la sua cultura.

Le serate di sabato 24 e domenica 25 giugno si animeranno con 2
importanti appuntamenti.
Sabato sera l’artista di fama mondiale Gabriele Amadori realizzerà dal
vivo, accompagnato da una band di musicisti, una performance di action
painting convertendo le astrazioni musicali in materia, movimento,
colore, strato su strato, realizzando la trasformazione della tela
sotto le pennellate successive che diventano movimento, accompagnato da
onde melodiche.
Domenica dalle 21,30 invece l’appuntamento è con il concerto di Enrico
Fink, il giovane, “grande” musicista capace di accompagnare con
passione lo spettatore dentro ogni suo pezzo, corredandolo dalla
"genesi" culturale e liturgica, permettendo così di partecipare con
maggiore coscienza allo spettacolo e scoprire, l'atmosfera e lo spirito
che impregna la cultura ebraica.


FestAè - 1° Festival delle Arti Ebraiche significa anche scoprire I
sapori tradizionali con menu ispirati alla cucina ebraica, preparati e
offerti dai ristoranti convenzionati che hanno deciso per l’occasione
di preparare piatti e portate tradizionali o rivistati.

E gli eventi continuano con presentazioni di libri, incontri con
personaggi di fama internazionale presso la Biblioteca Ariostea,
letture per bambini, lezioni in piazza di danze ebraiche…

FestAè - 1° Festival delle Arti Ebraiche nasce da una grande passione e
con una precisa missione: la conoscenza di un mondo più vicino di
quanto si possa pensare.




Con il patrocinio di: Comunità Ebraica di Ferrara, Regione
Emilia-Romagna, Provincia di Ferrara, Comune di Ferrara.
Main Sponsor: GranBon, Mel Bookstore
Progetto, immagine e ufficio stampa: Doppiospazio (Modena),
Collaborazione all’organizzazione: Avital Sharf (Ferrara) e Paolo
Zappaterra (Ferrara)
Realizzazione: Ponte Azzurro (Milano)
Sponsor tecnici: Maimeri, Carige Assicurazioni, Sergio Tacchini,
Elettrica Neon.
Si ringrazia: UGEI, Associazione Culturale Concerto d’Arte
Contemporanea, Libreria Le pagine dei Ragazzi, Abbigliamento Stefano
Cervi, Farmacia Maga, Ottica Dieci Decimi, Gioielleria Acquamarina, M3
Computer.




______

ALESSANDRO CATELLANI
alessandro@doppiospazio.com
www.doppiospazio.com
http://doppiospazio.blogspot.com/

doppiospazio snc
via A. Allegri, 59_41100 Modena
t. 059 2929400_f. 059 2929408
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl