Comunicato Stampa - Maselli espone a Maddaloni

In questi giorni è ancora possibile visitare, fino al 25 giugno 2006, la mostra "Ombre del Sacro" dell'artista cosentino Massimo Maselli, curata da Guglielmo Gigliotti.

19/giu/2006 11.50.00 Associazione Barchetta, Biblioteca Comunale, etc. Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato Stampa


Massimo Maselli espone a Il Castello di Maddaloni


 


Continuano gli eventi culturali caratterizzati la città delle due torri: Maddaloni.


In questi giorni è ancora possibile visitare, fino al 25 giugno 2006, la mostra “Ombre del Sacro” dell’artista cosentino Massimo Maselli, curata da Guglielmo Gigliotti.


La mostra è stata organizzata presso la Galleria d’Arte contemporanea “Studio Il Castello”, diretto dal poliedrico Angelo Pagliaro, fratello del noto pittore Roberto.


La mostra inauguratasi sabato 27 maggio ha visto ospiti illustri, oltre la cittadinanza e le scolaresche locali, come Sandra Lonardo, Presidente del Consiglio Regionale della Regione Campania, nonché consorte del neo  Ministro della Giustizia Clemente Mastella.


Volendo dare qualche dato biografico sull’artista in esposizione bisogna dire che Massimo Maselli è nato a Cosenza il 28 settembre del 1961, ed attualmente vive a Roma. E’ dottore in giurisprudenza e abilitato alla professione di avvocato, docente presso l’ITC “Sandro Pertini” di Roma in discipline giuridiche ed economiche, mentre in pittura è autodidatta e dal 1990 vi si dedica abitualmente. Va segnalato che il suo esordio espositivo è avvenuto con la partecipazione nel 1996 al XXIII Premio Sulmona - Rassegna internazionale d’arte contemporanea. Nel 2005 partecipa alla I Biennale Internazionale di Ankara e alla III Biennale della Magna Grecia di S. Demetrio Corone (CS) dove risulta tra i premiati.


Intervenuto a Maddaloni l’artista ha dichiarato “Ripercorrere le tappe fondamentali della mia ricerca pittorica, in occasione della personale a Maddaloni, equivale al tentativo di fare chiarezza sulle ragioni di artista e di uomo del nostro tempo, posto che le due  condizioni trovano nel mio modo di essere e di sentire una commistione profonda. Nel 1990 a Roma - ha continuato l’artista -  dopo la pausa universitaria e la pratica forense, ritrovo l’urgenza prepotente di dipingere. Questa nuova stagione ha un volto e un colore in un dipinto poi riproposto in chiave minimalista in una serie dedicata a “Roma”. C’è in questa ricerca l’avversione per un certo sviluppo economico, per una concezione della vita oltremodo antropocentrica”.


Entusiasta è stato Angelo Pagliaro, unico promotore di un polo “culturale” a Maddaloni, basato sulla volontà e disponibilità di persone amanti dell’arte e non già da enti, magari con accesso a finanziamenti dedicati,  nel poter offrire al pubblico maddalonese, come a quello casertano e beneventano accorso, un personaggio che è impegnato in un azione “politica”, nel senso nobile del termine, attraverso la pittura.


“La pittura è anche pensiero, è ragionare per immagini - ha dichiarato nel corso della presentazione Guglielmo Gigliotti - Massimo Maselli dipinge il suo pensare, dà forma e colore  alle sue considerazioni e percezioni, conferisce materia pittorica al suo stare qui, ora, in quanto pittore, uomo, cittadino ed essere pitto-pensante”.


La mostra, fino al 25 giugno 2006, resterà aperta presso “Lo Studio Il Castello” in Corso I° Ottobre a Maddaloni, dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 20.00


 


Maddaloni, lì 19 giugno 2005


 


 


 


Con Preghiera di Pubblicazione.


 


La ringraziamo per la preziosa collaborazione


 


Addetto Stampa 


 


Questa e-mail informativa circolare, inviata in Ccn alle redazioni o a persone a scopo puramente informativo circa eventi culturali, politici, del territorio, non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale. Coscienti che e-mail indesiderate possono essere oggetto di disturbo, La preghiamo di accettare le nostre scuse, se la presente non dovesse essere di Suo interesse. A norma della Legge 675/96, abbiamo reperito il Suo indirizzo di posta elettronica navigando in rete o da e-mail che lo hanno reso pubblico. Questo messaggio, inoltre, non può essere considerato spam poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendesse ricevere altre comunicazioni, può chiedere la cancellazione del Suo nominativo inviando una e-mail allo stesso indirizzo. Grazie per la preziosa collaborazione


 


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl