Giovanni Lindo Ferretti a E'grandEstatE 2003

Allegati

10/lug/2003 21.38.00 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 

E'grandemusica

Attaranta

tradizione/tradimento

voce Giovanni Lindo Ferretti

con Ambrogio Sparagna & Bosio Big Band

in collaborazione con ATER

 

Parma, Piazzale della Pilotta,

venerdì 11 luglio 2003 ore 21.30

 

       

       

        Musica di TRADizioni e TRADimenti, nata da storie mitiche e ispirata alle forme tipiche delle Pastorali e delle Tarantelle per Attaranta, quarto appuntamento sotto le stelle di E’grandestate in Piazzale della Pilotta, venerdì 11 luglio in compagnia di Giovanni Lindo Ferretti, Ambrogio Sparagna e della Bosio Big Band. Sulla scrittura musicale, che impiega un poderoso organico caratterizzato dalla presenza di organetti (l'orchestra Bosio Big Band), zampogne, chitarre battenti, tamburelli, percussioni e arpicella (l'antica arpa diatonica popolare diffusa in tutta il meridione d'Italia), si innesta la voce di Giovanni Lindo Ferretti con le sue originali scansioni ritmiche e melodiche. Il gioco che si instaura fra gli svolgimenti poetici di Ferretti e l'incalzante sviluppo del fraseggio di questo singolare complesso orchestrale è di grande fascino e suggestione. Sull'iterativo procedere di ritmi ternari di veloci Tarantelle e larghe Pastorali la voce crea continue e moderne sovrapposizioni ritmiche e melodiche.

        “TRADizioni e TRADimenti - scrive Ambrogio Sparagna - si ispira alle forme della Tarantella: da quelle "femminili", lente e melodiche, tipiche delle Pastorali, a quelle "maschili" veloci, virtuosistiche ed aggressive, riferibili alle antiche danze processionali da guerra, come le danze delle spade. Su questo suono continuo, che utilizza, fra l'altro, anche una serie di effetti particolari fra cui cluster, armonici e colpi di mantice, ed è organizzato in forma di suite, si innestano le parti solistiche di Ferretti caratterizzate sia da veloci e lenti declamati che da sinuose ed accattivanti arie”.

Figlio di musicisti tradizionali, Ambrogio Sparagna studia etnomusicologia all'Università di Roma con Diego Carpitella con cui realizza numerose campagne di rilevamento sulla musica popolare italiana.

        Nel 1977 dà vita alla prima scuola di musica popolare contadina in Italia, presso il Circolo "Gianni Bosio" di Roma dove fonda nel 1984 la "Bosio Big Band". Da allora sono numerose e prestigiose le sue collaborazioni con importanti istituzioni musicali, l'Accademia della Canzone di Sanremo, il Festival "Musicorum tempora" di Villa Adriana, e con importanti artisti tra i quali Lucio Dalla, Angelo Branduardi, Francesco De Gregori, Teresa De Sio.

        Una sensibilità musicale e una grande attenzione per lo studio e la ricerca che non a caso lo vedono a fianco di Giovanni Lindo Ferretti, che così si racconta: “La mia vita pubblica, tra musica e comunicazione, comincia a Reggio Emilia nel 1984, con la pubblicazione di Ortodossia, 45 giri vinile rosso. Un gruppo: CCCP fedeli alla linea, sciolto, dopo i concerti di Mosca e Leningrado, durante la presentazione di Epica Etica Etnica Pathos. Continua nel 1991 con la comparsa, sull'Appennino Reggiano di Dischi del Mulo, etichetta discografica indipendente e la produzione di Ustmamò cui seguirà Disciplinatha, Afa, Estasia, Radiodervish, Wolfango. Ricomincia, in prima persona, a Prato, al Pecci, 18 settembre 1992 con Maciste contro tutti, la nascita di C.S.I/Consorzio Suonatori Indipendenti, che si intreccerà con C.P.I.! Consorzio Produttori Indipendenti, fino al viaggio in Mongolia, il conseguente T.R.E. / Tabula Rasa Elettrificata e il "mimporta'nasega tour" culminato in due concerti a Mostar, estate 1998. Prosegue "a solo" con CO.DEX, Berlino 1999 per concludersi, Firenze 2001 con "noi non ci saremo", di nome e di fatto. A lato, intorno ai dischi di cui sono il cantante, almeno due decine, i concerti, almeno due centinaia, e almeno altrettanti cui ho garantito produzione e/o assistenza, lavoro e piacere, molte e molte altre cose che mi hanno consentito di tollerare la qualifica di cantante, meritata ma non apprezzata. Se mi capita di parlarne, cosa che evito, con i vecchi che mi hanno visto crescere, mi vergogno”.

        “Per mia fortuna ci sono novità: "per Te" a Bologna, "conFusion&" sull'Appennino Reggiano, di cui sono direttore artistico. In una lunga sera della scorsa estate, sotto le stelle, alla luce delle candele, tra un palco, un pubblico, un luogo, una storia e la sua memoria, a Monte Sole, qualcosa sempre uguale sempre diverso, come un atto d'amore reciproco, l'abbiamo chiamato "per grazia ricevuta". Ho cantato, solo voce, domenica 30 settembre 2001 in Awesome Africa, Kwa Zulu Natal e, per quanto teso, sorridevo ed ero felice, sereno nel mio cantare. Obblighi e doveri nuovi in questi giorni. Ho ottimi maestri, sarò buon studente, ottimi allievi m'aspettano, voglio essere un buon maestro, di bottega, in Bologna”.

Per informazioni e prenotazioni tel.0521 039399 www.teatroregioparma.org

 

 

Sono disponibili immagini digitali ad alta risoluzione e schede approfondite su ciascuno degli appuntamenti in cartellone (queste ultime on line su www.teatroregioparma.org)
 
 
Paolo Maier
Ufficio Stampa e Comunicazione
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org

 

AVVISO IMPORTANTE:

PERMANGONO PURTROPPO PROBLEMI RELATIVI A INDESIDERATI MULTIPLI INVII DELLE NOSTRE COMUNICAZIONI. CI SCUSIAMO DEL FASTIDIOSO DISGUIDO, INFORMANDO CHE PER LA SOLUZIONE DEL PROBLEMA ABBIAMO ATTIVATO LE NECESSARIE E OPPORTUNE OPERAZIONI DI VERIFICA 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.


 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl