Laurie Anderson a E'grandEstatE 2003

Allegati

16/lug/2003 23.04.12 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 

Evento Speciale

Laurie Anderson

Songs and Stories

 

Skuli Sverrisson basso

Peter Scheler tastiere

Ben Wittman percussioni

 

Fondazione Culturale Edison, Comune di Parma,

Provincia di Parma, Regione Emilia Romagna

in collaborazione con Fondazione Monte di Parma, Ministero per i Beni e le Attività Culturali

 

Parma, Piazzale della Pilotta,

venerdì 18  luglio 2003 ore 21.30

        

       

       

        Tra i più importanti artisti teatrali al mondo, Laurie Anderson ha saputo continuamente affascinare, divertire e sfidare il pubblico con le sue rappresentazioni multimediali. La sua carriera artistica le ha di volta in volta assegnato i ruoli più vari, da visual artist, a compositore, poeta, fotografo, regista, ventriloquo, cantante, strumentista, fino a mago dell’elettronica. Il suo straordinario, versatile talento creativo terrà la scena del teatro sotto le stelle di Piazzale della Pilotta venerdì 18 luglio, per Songs and stories, affiancata dalla sua band (Skuli Sverrisson, basso, Peter Scheler, tastiere, e Ben Wittman, percussioni), evento realizzato da Fondazione Culturale Edison, Comune di Parma, Provincia di Parma, Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Fondazione Monte di Parma e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, evento speciale di E'grandestatE, la rassegna di musica, teatro, danza della Fondazione Teatro Regio di Parma.

        Laurie Anderson ha portato in tournée in tutto il mondo spettacoli che dalla semplice oralità della parola detta, raggiungono la vertigine dei più elaborati eventi multimediali. Il brano O Superman lanciò la sua carriera discografica, balzando al secondo posto in Inghilterra nella classifica dei dischi pop e fu successivamente inserito in Big Science, il primo di sette album per l’etichetta Warner Bros., inclusi Mister Heartbreak, United States Live, Strange Angels, Bright Red, e la colonna sonora per il film Home of the Brave. Nel 1998 ha registrato per l’etichetta Nonesuch Records Moby Dick, e viene ri-pubblicato dalla Voyager il suo CD-ROM Puppet Motel.

        Nel giugno del 1998 i suoi lavori come visual artist sono stati esposti con il titolo Dal Vivo alla Galleria Prada di Milano e successivamente anche al Museo Guggenheim di Soho e in molte città europee. La prima retrospettiva sulla sua opera nel campo delle arti visive viene pubblicata in volume dall’editore Abrams nel 2000.

        Laurie Anderson ha realizzato numerosi video e film, ed ha contribuito alla colonna sonora di film di Wim Wenders e Jonathan Demme e per coreografie di Bill T. Jones, Trisha Brown, Molissa Fenley ed altri. Ha realizzato inoltre brani per la National Public Radio, la BBC e per l’Expo ’92 di Siviglia. Nel 1997 ha curato il Meltdown festival alla Royal Festival Hall di Londra.

Riconosciuta a livello mondiale come leader nell’uso innovativo della tecnologia nelle arti, Laurie Anderson ha anche collaborato con la Interval Research Corporation, un laboratorio di ricerca e sviluppo fondato da Paul Allen e David Liddle, nella sperimentazione di nuovi strumenti creativi, inclusi i “Talking Sticks” (letteralmente “Le bacchette parlanti”) visti e sentiti in Songs and Stories from Moby Dick by Laurie Anderson, la sua ultima produzione teatrale multimediale basata sul romanzo omonimo di Herman Melville e che ha toccato le più importanti città italiane del 1999. Appena prima della produzione di Moby Dick, Laurie si è esibita in un tour mondiale presentando sia il suo solo recital The Speed of Darkness, sia la sua principale produzione multimediale The Nerve Bible.

Nell’ottobre 2001 la Anderson torna in Italia con Life on a string, il primo album di musica davvero nuova, dopo Bright Red del 1994. Prodotto da Laurie Anderson e Hal Wilner (Marianne Faithful, Lou Reed), l’album comprende la partecipazione speciale di Bill Frisell, Dr. John, Lou Reed e Van Dyke Parks.

        Musicalmente, Laurie Anderson ha indugiato con intensità sull’energia emotiva degli archi, compreso il brano strumentale Here with you.  Ha detto: "È la prima volta che suono il violino in un disco, dopo il mio primo album ‘Big Science’. È proprio il suono predominante del disco".

Laurie Anderson ha composto tutte le dodici canzoni dell’album, collaborando, in My Compensation con il bassista Skuli Sverrisson, veterano di Moby Dick, e che ha ricoperto anche il ruolo di direttore musicale del disco.

L’intensità di Life On a String è sostenuta dal un suono scarno. “Il mio esercizio principale in questo disco era tenere fuori tutto il possibile”, spiega. “Dicevo a me stessa: ‘Non hai bisogno di questo, via questo, via quest’altro, fino a quando non era sufficientemente spoglio. Avevo davvero bisogno che ci fosse più aria”.

        Nel descrivere il suo accostarsi al testo, Laurie ha detto “Ho tentato di rendere il linguaggio piano e didascalico. Ho tentato di essere semplice. Solo dicendo cosa avevo visto. È oscuro. Ma ne sono contenta, perché in giro è pieno di canzoni leggere”.

Nell’estate 2002 Laurie Anderson torna in Italia al fianco di Lou Reed in Words & Music, a special evening with Laurie Anderson and Lou Reed.

Molti testi delle canzoni di entrambi recitati con la musica pronta a riempire i silenzi, un supporto, un tappeto per i versi: brani di intenso lirismo ai confini con la poesia e accompagnati da melodie per chitarra e violino. L’intento: fondere due strade espressive diverse per raggiungere un risultato comune; la scelta dello spettacolo in forma di reading è dettata dall’intento di cercare strade diverse, non per interpretare le cose, ma guardarle obiettivamente e con distacco. Testi crudi, ricchi di ansia e disperazione, provocatori ma strettamente legati alla brutalità della vita reale quelli di Lou; delicati e surreali, descrittivi e densi di malinconia quelli di Laurie. I riferimenti letterari sono principalmente Burroughs, Withman e Poe. Il tema è la comunicazione tra voci differenti. New York, gli angeli, la politica, i disastri e il piacere. Approcci che partono da lontano  e si incrociano.

        I biglietti sono acquistabili presso i punti vendita autorizzati (“Mistral Set” a Parma, tel. 0521 238863, “Tosi Dischi” a Reggio Emilia, tel. 0522 541600, “Disc Jockey 70” a Fidenza, tel. 0524 524309  e “Disc Jockey 70” a Piacenza, tel. 0523 331710). Il prezzo è di 30 Euro per il I settore e 22 Euro per il II settore più diritti di prevendita.

Per informazioni sul circuito di distribuzione e sui punti vendita in tutta Italia visitare il sito www.ticketone.it Per ulteriori informazioni contattare lo 0521 967088, e-mail info@edisonline.org

 

 
Paolo Maier
Ufficio Stampa e Comunicazione
Fondazione Teatro Regio di Parma
via Garibaldi, 16
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org

 

 

AVVISO IMPORTANTE:

PERMANGONO PURTROPPO PROBLEMI RELATIVI A INDESIDERATI MULTIPLI INVII DELLE NOSTRE COMUNICAZIONI. CI SCUSIAMO DEL FASTIDIOSO DISGUIDO, INFORMANDO CHE PER LA SOLUZIONE DEL PROBLEMA ABBIAMO ATTIVATO LE NECESSARIE E OPPORTUNE OPERAZIONI DI VERIFICA 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.


 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl