iSquare - Contextual Pixel Advertising:

iSquare - Contextual Pixel Advertising:Un nuovo fenomeno, questa volta tutto italiano, cavalca l'onda delsuccesso della fortunata esperienza di Alex Tew con the million dollarpage (http://www.milliondollarpages.com).

27/lug/2006 12.29.00 iSquare - Contextual Pixel Advertising Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Un nuovo fenomeno, questa volta tutto italiano, cavalca l'onda del
successo della fortunata esperienza di Alex Tew con the million dollar
page (http://www.milliondollarpages.com). iSquare (www.isquare.it), questo
il nome del sito, nonostante riprenda l'idea base di vendere pixel,
l'arricchisce con alcune innovazioni che lo rendono unico nel suo genere,
tra cui quadrati più visibili, un migliore layout del sito, un design
accattivante, una griglia non troppo estesa e soprattutto introduce il
concetto di Contextual Pixel Advertising, ovvero lascia la possibilità ad
ogni inserzionista di inserire la propria pubblicità posizionandola in
prossimità di siti famosi già presenti nella griglia tematica in appositi
quadrati fissi. Ad esempio un musicista o chi volesse far pubblicità a
delle suonerie polifoniche potrebbe farlo nella pagina iSquare Music
(http://www.isquare.it/imusic.html) dove sono già presenti un numero
considerevole di artisti famosi che hanno la funzione di "attrarre" gli
inserzionisti.

L'autore Antonio Lupetti dice: "ho scoperto the million dollar page a metà
settembre, quando la griglia era ancora mezza vuota e mi sono stupito del
fatto che ci fossero persone disposte a pagare per una microscopica
pubblicità! Nel giro di pochi giorni sono fioriti una miriade di siti
fotocopia di The Million Dollar Page, esattamente uguali anche nella
grafica e nel testo, che però non sono riusciti ad eguagliare il successo
del loro predecessore. Questo perchè la novità era già vecchia, ma credo
che l'idea alla base sia replicabile e possa essere sfruttata positiamente
anche da altre persone. Tuttavia è necessario rilanciare l'idea con delle
novità altrimenti è ovvio che nessuna copia, potrà mai funzionare come
l'originale! Con iSquare voglio tentare di replicare nel piccolo la cosa.
Non diventerò (forse… :-)) ) miliardario come Alex, ma voglio comunque
tentare di dimostrare che l'idea funziona ma tutti i siti che
continueranno a nascere sullo stesso stile dovranno introdurre una novità
per essere realmente attrattivi. In ogni caso, continuerò, ad aggiornare
il sito con nuove griglie tematice e ad inserire ulteriori contenuti."
Inoltre è possibile fare pubblicità gratuita al proprio sito se si è una
persona fisica nella pagina iSquare Faces! un’archivio di volti aperto a
tutti senza alcun costo.

Infine, rispetto all'idea originale il sito permette di acquistare una
pagina intera per promuovere il proprio sito per i prossimi 5 anni e
dividere i ricavi generati dalle pagine web attraverso un meccanismo
estremamente semplice. Infatti ogni utente può proporre una griglia a tema
con un numero massimo di 160 quadrati vendibili e fissarne il prezzo a
piacere. I restanti quadrati dovranno essere riempiti con immagini e link
a siti web inerenti il tema della griglia, così come nello spirito del
sito. Se qualche inserzionista pubblicherà un annuncio sulla griglia i
ricavi saranno divisi al 50% tra iSquare e chi ha proposto la griglia. Per
i risultati? Nel giro di appena una settimana ha già venduto una pagina
intera e diversi tag! Staremo a vedere.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl