Servizio Mailing di New Letter

26/lug/2003 07.33.12 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
----- Original Message -----
From: "Giuseppe Zecchillo *Baritono"
To:
Sent: Saturday, July 26, 2003 4:31 AM
Subject: Protesta di Giuseppe Zecchillo.


> Protesta dello Snaal.
> Possibile che alla Scala si debba sentire stonare?
> Chi scrittura i cantanti, Arcà o Muti? Chi è che fa più danni?
> Sembrerà strano, ma quando succede qualcosa di spiacevole sul
palcoscenico
> della Scala, c'è sempre qualche appassionato che telefona allo Snaal per
> fare rimostranze. Inutile dire che più di una volta l'argomento non è di
> competenza sindacale, ma, sebbene lo facciamo notare, l'interlocutore
non
si
> placa. L'ultimo reclamo si esprimeva in questi termini: "Possibile che
alla
> Scala si debba sentire stonare?"? Si riferiva, nel caso, alle deprecate
> performances dei due baritoni Andreij Dobber e Alberto Gazzale che, nel
> ruolo del "Conte di Luna, hanno fatto male. tanto da dover essere
sostituiti
> in tronco, l'ino dietro l'altro, con l'immediato soccorso di Leo Nucci.
Ne
> hanno parlato anche i critici, particolarmente Isotta, sul Corriere
della
> Sera. Sì, non è gratificante, anzi è persino doloroso sentire stonare i
> cantanti in un tempio della perfezione musicale qual'è la Scala. Ci si
> domanda se, prima di scritturare quei due baritoni, il direttore
artistico
> P. Arcà li abbiaseniti: ci si domanda e il direttore d'ochestra R. Muti,
> responsabile dei risultati dell'opera. abbia, a sua volta, sentito quei
due
> baritoni durante le prove: e, se li ha sentiti, perchè li abbia mandati
in
> scena. Le stonature di diversi cantanti, in questi ultimi anni, fanno
> serpeggiare l'opinione che si possa essere apprezzati direttori
d'orchestra,
> ma non avere un orecchio fine per i cantanti. Lungi dai paragoni, ma in
> "camera charitatis" ce lo possiamo dire, a maestri come Kleiber, Abbado
e
> Santi, quest incidenti non accadono. Forse Arcà, che non dubito abbia
> assistito alle prove, avrebbe potutto suggerire al M° Muti che ..per il
> prestigio scaligero..era il caso di non mandare in scena quei due
baritoni.
> Chissà perchè non l'ha fatto. Comunque, per salvare l'opera si è dovuto
> ricorrere alla'anziano, ma bravissimo Leo Nucci. Guarda caso, un artista
che
> ha superato la sessantina. Eppure ricordo bene che il sovrintendente
Fontana
> aveva deciso di non scritturare cantanti di una certa età. Il caso di
Leo
> Nucci è la dimostrazione lampante che, come molti sostengono, nell'arte
non
> conta l'età ma la qualità. Mi auguro, come si augurano gli intenditori e
gli
> appassionati, che non ci sia più occasione per formulare, sui cantanti
> scaligeri, giudizi di questo tipo: "volume vocale non sempre adeguato e
non
> sempre adeguatamente differenziato, non intinatissimo negli acuti,
lascia
a
> desiderare....per fonazione articolata in genere..(P.Isotta Corriere
della
> Sera) ma che l'attenzione alle voci, che sono le colonne del teatro
lirico,
> non si abbassi mai.
> Giuseppe Zecchillo Baritono
> ex consigliere d'amministrazione del Teatro alla Scala
> via Fiori Chiri 16 Milano tel. 02862868


Sito consigliato:
Corso nazionale di Web Marketing
Clicca qui: http://www.webbificio.com/adv/mail/adv.asp?id=18


Per non ricevere più aggiornamenti tramite la mailing list di New Letter
clicca sul seguente indirizzo :
http://www.webbificio.com/nomail.asp?user=korka&mail=pubblica@comunicati.net

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl