Come la psichiatria influenza la medicina

Negli anni 60' R.F., era un ragazzino e aveva il problema che nei momenti di disagio soffriva di fitte alle tempie e allo stomaco, il suo medico lo curava con riposo e vitamine.

25/ago/2006 11.57.00 stampa ccdu Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Coloro che hanno subito trattamenti psichiatrici esprimono quanto poco di scientifico ci sia nella psichiatria.

Negli anni 60' R.F., era un ragazzino e aveva il problema che nei momenti di disagio soffriva di fitte alle tempie e allo stomaco, il suo medico lo curava con riposo e vitamine. In quel modo R.F. riusciva a superare bene quei malesseri.
Quando il suo medico venne a mancare, dovette cambiare medico, fu così che iniziò una terapia a base di psicofarmaci, da quel momento le fitte divennero croniche. Dall'adolescenza fino a poco tempo fa R.F., ora sessantaduenne, racconta di essere stato sottoposto a terapia psicofarmacologica, ed oltre alla cronicità delle fitte, tali trattamenti gli hanno causato sbalzi di personalità e lui sente che il proprio carattere è stato distrutto e la propria personalità annullata. R.F. ora non assume più psicofarmaci ed è giunto alla conclusione di non aver vissuto, dato che la sua vita è stata cancellata da tali sostanze e da quando a smesso di assumerle, sente di aver ricominciato ad affrontare la vita e a vivere.

Secondo il pensiero psichiatrico, la "soluzione" per ogni cosa, dal piccolo problema personale a quello più grave, è semplicemente:
1. Diagnosticare dei sintomi usando il Manuale Diagnostico e Statistico dei disturbi mentali (DSM - screditato scientificamente) usato per le diagnosi psichiatriche;
2. Etichettare qualsiasi sintomo come malattia mentale;
3. Stabilire una serie di trattamenti, di solito coercitivi e costosi.

Studi medici hanno più volte dimostrato che per molti pazienti, quelli che sembrano essere problemi mentali, sono in realtà problemi causati da una malattia o condizione fisica non diagnosticata. Questo non significa "squilibrio biochimico" o "malattia generata dal cervello". Significa che comuni problemi fisici possono influenzare il comportamento ed il punto di vista di una persona. L'ex psichiatra William H. Philpott, specialista in allergie cerebrali di origine alimentare, afferma: "I sintomi risultanti dalla carenza di vitamina B12 vanno dalla scarsa capacità di concentrazione, allo stupore melanconico, dalla grave agitazione alle allucinazioni. E' dimostrato che determinate sostanze naturali possono arrestare le reazioni nevrotiche e psicotiche e che il risultato può essere immediato":

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani ha scritto una propria Dichiarazione dei Diritti Umani nel Campo della Salute Mentale e l'Articolo 3 cita: "Il diritto ad avere un completo esame fisico e clinico da parte di un professionista medico autorizzato di propria scelta, per garantire che le proprie condizioni mentali non siano causate da una malattia fisica non individuata e non trattata, da una ferita o difetto e il diritto di cercare una seconda opinione da un medico di propria scelta".

Chiunque ritiene di aver subito danni causati da trattamenti psichiatrici può mettersi in contatto con il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani.

Per ulteriori informazioni: www.ccdu.org - www.cchr.org
Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus
e-mail linea.stampa@ccdu.org
Tel. 02.36510685


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl