Convegno sul Particolato Atmosferico

12/set/2006 17.01.00 Pro-Motion Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Gli effetti sulla salute e sul clima delle polveri fini presenti nell’atmosfera

PARTICOLATO ATMOSFERICO: ESPERTI A CONVEGNO

Dal 10 al 13 settembre durante il XXII Congresso Nazionale della Società Chimica Italiana

 

Uno dei momenti più significativi del XXII Congresso Nazionale della Società Chimica Italiana, in programma dal 10 al 15 settembre a Firenze, sarà il Secondo convegno nazionale sul particolato atmosferico. Numerosi ricercatori del mondo accademico e di enti pubblici e privati, anche di settori non chimici, faranno il punto sugli studi sulla qualità dell’aria sotto l’aspetto chimico, fisico, meteorologico, tossicologico e epidemiologico. In particolare, verranno analizzate le particelle aerodisperse: in ambito scientifico internazionale, infatti, le indagini sulle polveri fini costituiscono una priorità, visti gli effetti negativi - ormai certi - di questa forma di inquinamento atmosferico sulla salute umana, le implicazioni sul clima, gli effetti sui beni culturali.

Oltre 160 contributi originali in forma orale e poster rappresenteranno, dunque, lo stato della ricerca sul particolato atmosferico in Italia. Parteciperanno, con i risultati dei diversi progetti di ricerca degli ultimi anni, Università, Consiglio Nazionale delle Ricerche, ARPE regionali, ANPA nazionale, le aziende del settore, ENEA e altri Istituti.

 

Per quanto riguarda la situazione in Italia, le particolari condizioni meteo-climatiche e la varietà delle emissioni determinano, specialmente nei mesi invernali e nelle città, elevate concentrazioni di particolato atmosferico che provocano danni rilevanti alla salute umana.

 

A due anni di distanza dal primo convegno svoltosi a Milano nel maggio 2004, anche quest’anno si porrà l’attenzione al confronto tra i vari studi, nazionali, regionali e locali svolti nelle diverse realtà territoriali ponendo in evidenza sia le maggiori analogie riscontrate che le situazioni specifiche.

 

Si discuterà delle evidenze tossicologiche delle particelle attraverso l’analisi degli effetti della distribuzione dimensionale e della composizione chimica del particolato. Fondamentale quest’ultima poiché alcuni composti in esso presenti sono noti cancerogeni. Studi sulle proprietà del particolato daranno preziose informazioni per le analisi epidemiologiche destinate alla valutazione sia degli effetti diretti degli inquinanti sia dei loro effetti sinergici sulla salute della popolazione.

 

Verranno affrontati, inoltre, i temi associati ai nuovi materiali (nanoparticelle), alla riduzione dell’esposizione, alle potenzialità della ricerca e della tecnologia. Infine, una particolare attenzione verrà posta nella formulazione di raccomandazioni per indirizzare i futuri studi, la riduzione dei rischi e le iniziative politiche a supporto delle strategie per la gestione della qualità dell’aria.

 

Il Convegno sul Particolato Atmosferico si svolgerà tra l’11 e il 13 Settembre.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl