COMUNICATO STAMPA - EVENTO A TORINO

17/set/2006 15.49.00 stampa ccdu Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


SABATO 23 settembre 2006

Ritrovo ORE 10:00
Luogo: davanti a TORINO ESPOSIZIONI - TEATRO NUOVO
C.so Massimo d'Azeglio 17 - TORINO


CORTEO PACIFISTA CONTRO LE FALSE DIAGNOSI
NEL CAMPO DELLA SALUTE MENTALE

Dopo Verona, nel giugno di quest'anno, molte persone arriveranno da tutta Italia a Torino per protestare contro le false diagnosi psichiatriche effettuate ai danni di numerose persone, e le percentuali promosse di queste presunte malattie: come la propagnosia (o face-blindness) - un disturbo che consiste nella difficolta' a riconoscere dal volto persone gia' note -, di cui, secondo la psichiatria, soffrono milioni di persone in tutto il mondo, http://www.adnkronos.com/Speciali/P_Qv/It/76.html, mentre dal 5% al 7%sono i bambini che hanno l'ADHD (Hattention Deficit Iperactivity Disorder - Deficit dell'Attenzione e Iperattività).

Nella lunga lista dei decessi - http://www.cchr.org/files/10582/death.pdf - per trattamenti mentali da alcuni anni si sono aggiunti anche bambini, la cui vita è cessata a causa delle "cure" promosse da questa "pseudoscienza" .

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, organizzatore del corteo, invita tutti coloro che hanno a cuore i diritti umani o che hanno subito danni nel campo della salute mentale ad unirsi alla manifestazione.

Il corteo avviene in concomitanza con il congresso psichiatrico sulla schizofrenia, "malattia" che la psichiatria sta promuovendo come la causa della sofferenza di 400 mila italiani http://www.adnkronos.com/Speciali/P_Qv/It/06.html.

Mentre gli psichiatri stessi, riguardo questa "etichetta", nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM) sostengono: "Malgrado i tentativi, la Commissione non ha raggiunto un accordo i merito alle caratteristiche di questo disturbo; ha solamente concordato un nome con il quale identificarlo".

Thomas Szasz - Professore di Psichiatria emerito presso lo Health Science Center, State University di Syracuse, New York - dichiara: "La schizofrenia è definita in maniera così vaga che, in verità, è un termine spesso applicato a quasi ogni tipo di comportamento che non si ritiene accettabile".

Per informazioni:
Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus
Cell. 3356533305
email: info@ccdu.org
sito: www.ccdu.org



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl