C.S. Prometeo: Confronto con Assofin alla Convention 2006

C.S. Prometeo: Confronto con Assofin alla Convention 2006 CREDITO: CONTINUA L'INCREMENTO DEL SETTORE Per GRUPPO PROMETEO crescita del 140%Alla sua convention confronto con ASSOFIN sul futuro del mercato.

21/set/2006 16.00.00 Gruppo Prometeo Spa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
 

CREDITO: CONTINUA L’INCREMENTO DEL SETTORE

 

Per GRUPPO PROMETEO crescita del 140%

Alla sua convention confronto con ASSOFIN sul futuro del mercato.

 

 

Milano, 21 settembre 2006

 

La tendenza positiva del comparto del credito al consumo del 2005 viene ribadita anche per i primi 6 mesi del 2006 con quasi 27 miliardi di euro di valore finanziato per prestiti finalizzati, prestiti personali, carte revolving e finanziamenti contro cessione del quinto dello stipendio; ovvero +15.1% in confronto al 2005. In modo particolare aumentano i flussi di credito connessi con l’utilizzo di carte di credito revolving (15,5%), le cessioni del quinto (41,6%) e i prestiti diretti (23,1%)*.

 

Per Prometeo il trend è ancora più favorevole: con più di 84 milioni di euro di volumi intermediati nel primo semestre del 2006 la società segna una crescita del 140% rispetto al 1° semestre 2005; tale incremento è dovuto da una parte a scelte di marketing e comunicazione, come:

- l’apertura di nuove sedi, che ha portato alla reale copertura di tutto il territorio nazionale;

- il conseguente utilizzo di campagne pubblicitarie su mezzi nazionali, che ha creato una forte visibilità.

Dall’altra parte è stata determinante la decisione, presa già sul finire del 2005, di abolire ogni commission fee per il cliente finale.

 

Le previsioni per Prometeo sono di chiudere l’anno con circa 200 milioni di volumi intermediati, posizionandosi così come società di riferimento nel mondo della mediazione creditizia in Italia. In un’ottica di benchmarking, Prometeo, oggi, si confronta direttamente con le reti di banche e finanziarie e non più con i mediatori.

 

In questo contesto di crescita, Prometeo ha organizzato quest’anno la sua convention (dal 14 al 16 settembre, a Milano Marittima), cui hanno partecipato anche alcuni esponenti del settore, come Patrizia Zambianchi CEO Italia di GE Money Bank, il cui intervento del 16 settembre ha riguardato il prodotto “consolidamento del debito” e Giuseppe Piano Mortari, direttore operativo di Assofin, che il 15 settembre, in un dibattito aperto, ha presentato lo scenario futuro del credito.

 

“La crescita del credito alle famiglie ha natura strutturale ed è destinata a proseguire anche nei prossimi anni” dichiara Giuseppe Piano Mortari, che aggiunge ”Il settore sta cambiando, anche profondamente, in termini di prodotti e di canali distributivi utilizzati. Lo sviluppo più sostenuto di prodotti di finanziamento non finalizzati ha determinato in tempi recenti, da parte di alcuni operatori, un ricorso crescente anche al canale dei mediatori creditizi. Tuttavia, a tendere, le scelte di fondo di molti intermediari sembrano fondate in buona misura sulla disintermediazione e sul potenziamento dell’offerta attraverso filiali proprie o dei gruppi di appartenenza. Per i mediatori lo scenario futuro è caratterizzato dalla sfida: il rapporto tra costo e qualità del servizio offerto sarà sempre più determinante per il successo delle reti distributive indipendenti”.

 

Una sfida che Prometeo ha colto al volo. In più di 20 anni di attività nella mediazione creditizia la società è stata testimone e in parte protagonista di un profondo cambiamento nel mondo del credito e in particolare della categoria dei mediatori, che ha visto in questi ultimi anni un periodo costruttivo e favorevole.

 

Proprio su questo tema è intervenuto alla convention, il Presidente di Prometeo, Giancarlo Cupane, che ha sottolineato le grandi potenzialità ma anche gli ostacoli con i quali i giovani mediatori si devono confrontare.

Più regole e più trasparenza fra istituti di credito e mediatori, questi i punti cardini del discorso. Fondamentale è inoltre progettare un percorso completo di formazione del personale: proprio in quest’ottica, è intervenuta alla convention la prof.ssa Consuelo Casula, docente di Comunicazione Interpersonale all’Università IULM, sul tema della comunicazione efficace con i collaboratori.

 

“La distribuzione indipendente di prodotti creditizi è decisamente in crescita in Italia ma purtroppo, ad oggi, è ancora frammentata. Da una parte ci sono poche società importanti, dall’altra tantissimi piccoli mediatori, a volte non sufficientemente preparati.” dichiara Giancarlo Cupane, “Per questo noi, in Prometeo, investiamo molto in formazione; il problema rimane per i singoli professionisti e i piccoli studi a cui un valido supporto formativo potrebbe venire dagli stessi istituti con cui collaborano; l’alternativa potrebbe essere invece quella di affiancarsi ai mediatori più strutturati”.

“Credo che il mercato abbia bisogno di forze e idee nuove: nuovi prodotti, nuove alleanze, più professionalità da parte degli operatori, per una crescita economica e maggiori opportunità per l’utente finale”.

 

La presenza di Piano Mortari (ASSOFIN) alla convention di Prometeo sta proprio a significare la volontà di collaborazione fra operatori diversi al fine di condividere visioni e valori. 

 

 


Prometeo, fondata nel 1985 da Giancarlo Cupane, è una società di mediazione creditizia iscritta all’Albo Mediatori Creditizi dell’Ufficio Italiano Cambi n° 20462.

 

 

 

* Fonte: Assofin

 

 

 

 

Per ulteriori informazioni:

 

Ufficio stampa Gruppo Prometeo s.p.a.

Letizia Pedretti [l.pedretti@prometeo.net]

tel.  02466679.1 - Corso Vercelli, 54  Milano

 

Viviana Basso - Resp. Relazioni Esterne

[v.basso@prometeo.net]

 

www.prometeo.net

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl