COMUNICATO STAMPA: I clienti adottano le soluzioni Mercury per il Service Management

27/set/2006 10.49.00 Prima Pagina Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Notizie per la Stampa

 

 

 

Per Informazioni:

Elisabetta Reato                                            Ufficio Stampa

Prima Pagina Comunicazione                      Mercury

Tel: 02/76.11.83.01                                        Tel: 02/7214261

Email: elisabetta@primapagina.it                 email: ufficiostampa@mercury-eur.com

 

 

I clienti adottano le soluzioni Mercury per il Service Management

 

Mercury continua nell’execution della strategia per l’IT Service Management grazie all’integrazione del nuovo Mercury Universal CMDB e insieme ai partner

 

Milano - 27 settembre 2006 - Mercury Interactive Corporation (OTC: MERQ), il fornitore leader per la business technology optimization (BTO), annuncia che InfoSpace, Inc. e Quixtar Inc. hanno adottato l’offerta di service management di Mercury per le iniziative di gestione dei servizi di business (BSM), dell’IT service management (ITSM), la configurazione, e la gestione del cambiamento e delle release (CCRM). Mercury ha, inoltre, annunciato che sta continuando nell’execution della propria strategia per l’IT Service Management con l’integrazione sia di prodotti ulteriormente migliorati sia di nuovi partner con Mercury Universal CMDB, il database di Mercury per il configuration management (CMDB).

 

L’offerta di Mercury per il service management consente ai clienti di ridurre i rischi di business legati all’IT, aumentare l’allineamento del business all’IT, migliorare la produttività generale e migliorare la qualità dei risultati di business dell’IT. L’offerta per il service management si basa su una potente tecnologia, tra cui Mercury Universal CMDB.

 

“In Infospace - leader nel mobile entertainment, nella ricerca private-label e nel directory online - il successo dipende dalla capacità delle applicazioni di business di fornire informazioni e servizi nel settore dell’entertainment ai clienti, creando allo stesso tempo opportunità per i partner, i pubblicitari e gli editori di contenuti,” afferma Brian Jeide, director of commercial operations di InfoSpace, Inc. “Poiché il cambiamento fa parte del nostro business, abbiamo scelto Mercury Change Control Management, costruito su Mercury Universal CMDB, per aiutarci ad valutare l’impatto di business dei cambiamenti da una prospettiva dell’utente finale per aiutarci a gestire in modo efficace tutti i cambiamenti che avvengono ogni settimana.”

 

Quixtar Independent Business Owners conta su di noi per garantire il funzionamento continuo e senza problemi delle nostre applicazioni” commenta Greg Robinson, senior system support expert in Quixtar Inc. “Mercury Business Availability Center, costruito su Mercury Universal CMDB, aiuta a individuare le relazioni dinamiche tra i servizi di business, le applicazioni e la loro infrastruttura di supporto. Questa soluzione ci permette di gestire meglio i livelli di servizio e garantire un’esperienza dell’utente positiva.”

 

Mercury Universal CMDB

Mercury Universal CMDB fornisce funzionalità avanzate di discovery per catturare, documentare e archiviare le dipendenze dei servizi end-to-end e l’infrastruttura associata che supportano i servizi di business. Mercury Universal CMDB fornisce inoltre l’integrazione di dati federati e relativa riconciliazione, per trarre il massimo vantaggio dagli investimenti effettuati nella tradizionale gestione degli asset o database per la gestione della configurazione (CMDB). Le funzionalità di visualizzazione e mappatura offerte da Mercury Universal CMDB forniscono la possibilità di vedere l’infrastruttura dei servizi di business in maniera logica e intuitiva. Basato sulla tecnologia Mercury Application Mapping, le informazioni automatizzate, aggiornate e sincronizzate di Mercury Universal CMDB sono una componente essenziale per la creazione di iniziative di service management.

 

Nuove Integrazioni di Partner con Mercury Universal CMDB

I partner del programma Mercury Alliance hanno firmato un accordo per potenziare la funzionalità di federation in Mercury Universal CMDB e per estendere la strategia ITMS di Mercury nel settore del desk service, della sicurezza, della gestione delle politiche delle infrastrutture e della gestione di nuove release. Attraverso questa funzionalità di federation, HP ha integrato Mercury Universal CMDB con il proprio software HP OpenView AssetCenter e OpenView Service Desk. Inoltre, tra i partner che stanno effettuando l’integrazione con Mercury Universal CMDB sono inclusi ArcSight per la gestione della sicurezza aziendale, Cambia CM per la gestione delle politiche per la sicurezza e dell’infrastruttura, mValent per il configuration management  e l’application release, e Telelogic per il modeling dei processi di business e dell’architettura aziendale.

 

Nuove integrazioni di prodotto potenziate grazie a Mercury universal CMDB

Mercury ha inoltre annunciato che sta continuando con l’execution della propria strategia BTO per l’IT Service Management con l’introduzione di nuove integrazioni di prodotto per supportare i clienti nelle loro iniziative BSM e CCRM. Le nuove integrazioni tra Mercury Business Availability Center, Mercury Change Control Management e Mercury Universal CMDB aiutano i clienti a:

  • Sveltire la root cause analysis nell’individuare e isolare i problemi in modo da prevenire incongruenze nel livello dei servizi stabilito: Mercury Business Availability Center migliora le informazioni all’interno di Mercury Universal CMDB per aiutare a individuare su quali applicazioni e componenti si basa ogni servizio e fornisce una storia dei relativi cambiamenti per una risoluzione più rapida dei problemi;
  • Allineare i gruppi delle operations e delle applicazioni con il change advisory board: Mercury Business Availability Center e Change Control Management potenziano Mercury Universal CMDB quale foundation comune per fornire una visione coerente dei cambiamenti approvati e dei servizi che potrebbero essere implicati per permettere una gestione del livello dei servizi di tipo proattivo;
  • Ridurre il rischio che un cambiamento possa impattare negativamente sui risultati di business: Mercury Change Control Management potenzia Mercury Universal CMDB per identificare tutti gli item di configurazione (CIs) associati a un cambiamento da poterli monitorare proattivamente durante la produzione per aiutare a prevenire il downtime e a minimizzare l’impatto sui clienti.

 

Inoltre, le integrazioni esistenti tra Mercury Change Control Management e Mercury Universal CMDB aiutano i clienti per le iniziative CCRM fornendo informazioni automatizzate e aggiornate per valutare l’impatto dei cambiamenti sul business, individuare le potenziali collisioni e minimizzare la possibilità di malfunzionamenti. Tale automazione del processo di gestione del cambiamento aiuta i clienti a ridurre il rischio che i cambiamenti delle applicazioni e dell’infrastruttura abbiano un impatto negativo sui risultati di business.

 

“Molti dei nostri clienti stanno adottando un approccio focalizzato sui servizi di business quando implementano un CMDB in modo da ottenere un rapido time-to-value per quanto riguarda le iniziative di BSM e CCRM,” afferma Robin Purhoit, vice president of application management e service management products di Mercury. “I clienti stanno utilizzando funzionalità di federation per condividere la configurazione dei dati tra CMDB multipli così da rendere ancora più potenti i service desk attualmente installati, il monitoraggio dei sistemi e i sistemi di asset management. Riteniamo che il nostro nuovo prodotto e le integrazioni con i partner aiuteranno ad accelerare la capacità dei nostri clienti di ridurre i rischi e ottimizzare i risultati di business dell’IT.

 

“La giustificazione per il business di una implementazione di CMDB è solitamente legata a progetti di elevata visibilità, così come alla verifica della sicurezza, alla gestione del cambiamento, al re-engineering dei processi (per esempio ITIL), a migliorare la disponibilità dei sistemi mission-critical, e alla configurazione di iniziative di compliance,” commenta Ronni Colville, research vice president, Gartner. “Il driver di questo ‘rinnovato’ focus sulla visione integrata è che l’IT deve definire i servizi dai dispositivi ai server, le reti, l’archivio, le applicazioni e i dati per servire meglio la natura dinamica e in continuo cambiamento delle esigenze di business.

 

 

Mercury

Mercury Interactive (OTC: MERQ), leader globale nella Business Technology Optimization (BTO), è impegnata ad aiutare i clienti ad ottimizzare il valore di business dell’Information Technology. Fondata nel 1989, Mercury è attiva in tutto il mondo ed è una delle aziende per il software enterprise con il più veloce tasso di crescita. Mercury fornisce software e servizi per gestire priorità, risorse e processi IT, distribuire e gestire business process basati su applicazioni, e ottimizzare ed integrare la relazione tra strategia ed execution dell’IT.

Clienti di tutto il mondo si affidano all’offerta di Mercury per migliorare la qualità e le performance delle applicazioni, controllare i costi e gestire rischi, e rispettare gli standard. Le soluzioni BTO vengono completate dalla tecnologia e dai servizi dei business partner di Mercury. In Italia, la società è presente a Milano e Roma.

Per ulteriori informazioni: www.mercury.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl