Il salvataggio di Casa Siviero

10/nov/2006 09.20.00 Nicoletta Curradi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il 9 novembre è stato presentato a Casa Siviero in Lungarno Serristori 1 il piano di emergenza per la messa in sicurezza delle opere del museo in caso di allarme alluvione. Inoltre è stata inaugurata un'installazione video-sonora dal titolo "Flussi di Memoria", realizzata da Studio Ennezerotre di MIlano, la quale rimarrà visibile fino all'8 dicembre 2006 con orario 10-18 fino al 16.11 (12.11 ore 9.30-12.30), mentre dal 17.11 all'8.12 l'orario sarà sabato 10-18 , domenica e lunedì 9.30-12.30. La casa-museo Rodolfo Siviero si trova a pochi metri dll'Arno, che rappresenta pure una minaccia da cui difendersi, oltre che un elemento di tipo paesaggistico. Dopo l'alluvione del '66 Rodolfo Siviero annotò sul suo diario: "La mia casa a Firenze è andata distrutta, ho perso quasi tutto, di quel che è rimasto tutto ha bisogno di essere restaurato". In un filamto il parroco della chiesa di S.Niccolò ricorda il ritrovamento di un affresco dietro la tela raffigurante S.Niccolò, staccatasi per la forza delle acque. Gli ospiti della serata di presentazione sono stati allietati con cioccolata calda e biscotti.

Nicoletta Curradi




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl