SMI-LAZIO: URGE SEMPLIFICAZIONE PER LA SCELTA DEL MEDICO DI BASE PER I CITTADINI DOMICILIATI NEI DISTRETTI DELLA ASL ROMA B

04/ago/2014 16:20:22 Smi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

 

SMI-LAZIO: URGE SEMPLIFICAZIONE PER LA SCELTA DEL MEDICO DI BASE PER I CITTADINI DOMICILIATI NEI DISTRETTI DELLA ASL ROMA B

 

 

(Roma, 4 agosto) - «E’ necessario semplificare le procedure per la scelta del medico di medicina generale per i cittadini domiciliati nei distretti della Asl RmB, così come in tutte le Aziende sanitarie della regione Lazio  in cui vi é un’alta percentuale di cittadini immigrati o domiciliati per vari motivi», afferma Pina Onotri, segretario organizzativo Smi-Lazio, che aggiunge: «Per effettuare tale scelta, infatti, i Cup richiedono una serie di motivazioni che non vanno sicuramente nella direzione delle semplificazione; così come espresso, invece, nell’Accordo Collettivo Nazionale (Acn - Comma 12 dell’Art. 40). 

 

Secondo Pina Onotri, tale Comma, «permette di effettuare una scelta a tempo determinato del medico di base, da un minimo di tre mesi ad un massimo di un anno. Tale scelta risulta ulteriormente prorogabile effettuando semplicemente la cancellazione del nominativo del medico dell’Azienda di provenienza del cittadino».

 

Altra problematica quella relativa ai cittadini ricoverati presso le Rsa, Hospice o Case Famiglia che, per svariati motivi, non hanno un riferimento familiare che possa scegliere per loro il medico di base rimanendo, di fatto, senza assistenza.

 

«Tale inconveniente potrebbe essere superato facilmente»,  aggiunge Angelo Filardo, delegato regionale Cure Primarie, «emanando una disposizione che permetta al Dirigente della struttura sanitaria di fare la scelta del medico di medicina generale in nome e per conto dell’assistito che, per motivi familiari o clinici, non è in grado di delegare». 

 

Quindi il Sindacalista conclude auspicando «una soluzione a tali criticità, affinché tutti possano usufruire del Ssn ovunque si trovino, così come deliberato dalla Giunta regionale, attenendosi ai principi di equità e solidarietà, per tutti i cittadini extracomunitari (regolari e non) iscritti o meno nell'anagrafe regionale».

 

 

 

 

Ufficio Stampa Smi-Lazio

Elisabetta Menga

349/ 21.19.335

elisabettamenga@gmail.com

www.smilazio.org





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl