Comunicato LAV. NATALE, LA LAV PROPONE MENU VEGETARIANO. RICETTE GUSTOSE DALL'ANTIPASTO AL DOLCE.

15/dic/2006 14.00.00 LAV - Ufficio Stampa nazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

Comunicato stampa LAV 15 dicembre 2006

 

NATALE, LA LAVINVITA A PREFERIRE UN MENU VEGETARIANO ALMENO PER UN GIORNO: SCELTA ETICA ESANA PER SALVARE MILIONI DI VITE, UMANE E ANIMALI. RICETTE GUSTOSEDALL’ANTIPASTO AL DOLCE.

 

Per un Natale etico e di pace contutti i viventi, la LAV invita gli italiani ad essere vegetariani almeno perun giorno, perché anche attraverso i nostri consumi alimentari èpossibile celebrare il Natale e la sacralità della vita che nasce.

 

La LAV propone un menu gustoso enutriente, ma alternativo alle tradizionali tavole imbandite con pesce,agnello, maiale e altri animali: crudité di verza e carote, gnocchetti al ragù di tofu etartufo, bastoncini di falafel con sughetto all’origano, panettone vegancon gelato di soia e cioccolato (segue testo ricette). Queste le propostedella LAV per risparmiare il sacrificio di animali, tradizionalmente in aumentonel mese di dicembre, in contraddizione con una festività religiosa che civorrebbe tutti più buoni e generosi.

 

Chi sceglieun’alimentazione vegetariana - il 9,5% degli italiani, secondo l’ultimo censimento ACNielsen - ogni anno risparmia torture e mortealmeno a 20 animali, guadagnandoci anche in salute.

Se si confrontano i dati annualiforniti da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare) cheha elaborato i dati Istat, si registra un aumento del 2% delle macellazioni di suini nel 2006 rispetto all’annoprecedente. Allarmante poi il dato dell’importazione di maiali vivi: più35% rispetto all’anno precedente; e un incremento del 2,3% ha registratoanche l’importazione di carni suine già macellate, per un aumento delconsumo pro capite dell’1,4%, corrispondente a circa 38,2 kg di carne dimaiale a testa consumati nel 2006 (stima Ismea). Aumentano anche lemacellazioni di ovicaprini: più0,6%, con un aumento del 3,7% delle importazioni di carne macellata e dello0,2% del consumo pro capite.

Gli acquisti domestici di prodotti ittici, nel 2005, hanno inveceraggiunto le 423.977 tonnellate: ogni famiglia ha mediamente acquistato 19,9 kgdi prodotti ittici, per un consumo pro capite di 7,3 kg. La spesa sostenuta haoltrepassato i 174 euro, con un esborso medio per singolo individuo di 64 euro(Ismea).

 

Questo lo scenario italiano,mentre ogni anno nel mondo perl’alimentazione umana almeno 1 miliardo di animali viene ucciso,senza alcuna reale necessità, ma esclusivamente per assecondareun’abitudine culturale e per sfamare solo le popolazioni“ricche” che pensano ad ingrassare gli animali continuando così asottrarre utili risorse al Sud del mondo. Con il raccolto ottenuto da unappezzamento di terra necessario a nutrire 1 persona onnivora potrebbero esserenutriti 20 vegetariani, mentre da un terreno coltivato a soia si ottiene 30volte il quantitativo di proteine che si otterrebbe se il raccolto del terrenovenisse destinato all’alimentazione di animali allevati per la lorocarne.

 

LaLAV ricorda, inoltre, che verdura, frutta elegumi sono ricchi di importanti principi nutritivi: pomodori,peperoni e carote sono ricchi di vitamina C e A, fondamentali per la salutedella pelle e per mantenere una buona vista. Gli oli vegetali, i semi digirasole e i peperoni contengono un elevato contenuto di vitamina E,dall’azione antiossidante. I vegetali a foglia verde, come insalate espinaci, sono ricchi di ferro e calcio, ma anche vitamina A e del gruppo B, e,come la frutta, contengono preziosi sali minerali. I legumi sono ricchi diproteine e ferro, il cui assorbimento è aumentato se abbinati a cibi ricci divitamina C, e contengono inoltre amido, ovvero carboidrati, indispensabili perfornire l’energia necessaria affinché l’organismo utilizzi almeglio le proteine dei legumi senza affaticare reni e fegato.

L’alimentazione vegetarianaè adatta a tutte le fasce di età e di attività, e protegge da numerose malattie(patologie cardiovascolari, alcuni tipi di cancro, ecc.) causate direttamente oindirettamente dal consumo di carne e grassi animali.

 

Seguono  ricette menu di Natale LAV

 

15.12.2006

Ufficio stampa LAV Onlus 06.4461325 – 339. 1742586     www.lav.it

-----------------------------------------------------------

 

MENU DI NATALE

Proposto dalla LAV Onlus www.lav.it

 

 (N.B.ingredienti per 8 persone)

 

Cruditè di verzae carote (antipasto o contorno)

(Per meglio gustarne gli aromi,consigliamo di preparare questo piatto almeno tre ore prima di presentarlo atavola)

 

1 verza di mediedimensioni

3 carote

2 cucchiai dicapperi

olio extravergine di oliva, sale, aceto balsamico

 

Dopo aver mondato e lavato la verdura,affettare le carote alla julienne e la verza a listarelle sottili. Mettere iltutto in un contenitore e condire con i capperi sminuzzati (se sono sotto salenon ci sarà bisogno di aggiungerne altro), olio e aceto balsamico. Se voletepotete aggiungere un cucchiaino di origano.

Coprire e riporre in frigo percirca tre ore, e togliere dal frigorifero mezz’ora prima di servire, dasolo o accompagnato da fette di pane tostate.

 

 

Gnocchetti alragù di tofu e tartufo

800 grammi dignocchetti

250 grammi ditofu

100 gr ditartufo nero pulito

1 tazzina diolio extra vergine di oliva

1 spicchiod’aglio piccolo

½ cucchiaino disale

pepe quantobasta

 

Per la salsa al tartufograttugiare il tartufo lavato e asciugato, scaldare l’olio in una padellacon l’aglio schiacciato e quando è caldo, ma non bollente, versarvi iltartufo. Amalgamare bene e scaldare per 3-4 minuti, quindi toglierel’aglio e aggiungere sale e pepe. (In alternativa potete utilizzate unbicchierino di salsa al tartufo nero giù pronta).

A parte far rinvenire il tofulasciandolo bollire per 5 minuti in un pentolino pieno d’acqua; scolare,metterlo su un piatto e schiacciare con una forchetta, quindi versarlo nellapadella con la salsa di tartufo e mescolare bene. Spegnere il fuoco.

Far cuocere la pasta e versarlasul condimento; servire caldo aggiungendo del prezzemolo fresco tritato e unfilo di olio.

A piacere possono essere aggiuntifunghi porcini trifolati.

 

                             

Bastoncini difalafel con sughetto all’origano

Per i falafel: 600 grammi di ceci secchi (che avremolasciato in ammollo almeno 24 ore)

1 cipolla di medie dimensioni

1 ciuffo abbondante di prezzemolo

1 spicchio di aglio tritato

2 cucchiaini di semi di cumino

1 cucchiaino di coriandolo in polvere

pangrattato, sale e pepe

 

Scolarei ceci lasciati in ammollo il giorno prima e privarli della buccia (più è lungoil periodo di ammollo più la buccia si toglie facilmente). Frullare i ceci insiemea cipolla, aglio e prezzemolo fino ad ottenere un impasto omogeneo, versare inuna ciotola, aggiungere il coriandolo e il cumino e aggiustare di sale.Lasciare riposare in frigo per 1 ora, quindi prelevare l’impasto con uncucchiaio e formare dei bastoncini rettangolari, rigirandoli nel pangrattato.Friggerli nell’olio bollente da ambo le parti (è preferibile usare unolio specifico per fritture). Quando i bastoncini sono ben coloriti, toglierlie asciugarli con carta assorbente. Disporli su un piatto di portata benseparati tra loro e versarvi sopra la salsa all’origano.

 

Perla salsa:

2 bicchieri di passata di pomodoro

1 cucchiaino diorigano

olio extra vergine dioliva, sale, pepe.

Versare la passata in unapadellina a fuoco vivo finché non è appena ristretta. Aggiungerel’origano, il sale, il pepe e l’olio.

 

 

Panettone vegancon gelato di soia

Un panettonevegan

Gelato di soia

Cioccolatofondente

 

Tagliare il panettone vegan(reperibile nei negozi di alimentazione naturale) trasversalmente in almenoquattro fette omogenee. Alternare le fette di panettone con il gelato di soia(secondo i proprio gusti) e riporlo nel freezer per almeno un’ora,togliendolo un quarto d’ora prima di servire.

Secondo i propri gusti e lapropria fantasia, si possono aggiungere gocce di cioccolato fondente tra glistrati, sul gelato spalmato, oppure versare del cioccolato fondente fuso sulpanettone appena tolto dal freezer, e servire subito.

 

LAV Onlus www.lav.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl