Stagione d'Opera 2004 del Teatro Regio di Parma

Allegati

13/set/2003 21.34.00 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Teatro Regio di Parma
Fondazione
____________________
 

Stagione d'Opera 2004 del Teatro Regio di Parma:

un ponte tra passato e presente

 

Presentate la Stagione lirica 2003/04 e il Festival Verdi 2004

 

  

La grande tradizione operistica dell’Ottocento e le affascinanti partiture operistiche e sinfoniche del Novecento si danno appuntamento al Teatro Regio di Parma. Verdi, Offenbach, Puccini, Wagner, Ciaikowski, Beethoven, incontreranno Dvořák, Berlioz, Strauss e Britten. Questo il forte segno che caratterizza la Stagione d’Opera 2004 del Teatro Regio di Parma, che offre quest’anno al pubblico la possibilità di ascoltare arie amatissime interpretate da solisti di assoluto valore e di scoprire nuovi incontri musicali con opere raramente eseguite nel neoclassico teatro progettato dal Bettoli.

Quindici titoli, sei opere, ventisette recite, due nuovi allestimenti, due coproduzioni, cinque concerti, con importanti orchestre internazionali dirette da Maestri d’eccezione. Questi i numeri della Stagione Lirica 2003/04 e del Festival Verdi 2004 della Fondazione Teatro Regio di Parma.

 

 

STAGIONE LIRICA 2003/04

Inaugurazione il 23 dicembre con La traviata, l’opera che rappresenta il Verdi popolare, il più appassionato e amato dai melomani, nell’allestimento di Giuseppe Bertolucci ripreso dalla Fondazione Teatro Regio in una nuova produzione che vedrà impegnato sul podio il Maestro Renato Palumbo a dirigere l’Orchestra e il Coro del Teatro Regio di Parma, Maestro del Coro Martino Faggiani. Mariella Devia sarà una struggente Violetta, Massimo Giordano nella parte di Alfredo, Vladimir Stoyanov in quella di Giorgio Germont, che nell’ultima recita del 4 gennaio sarà interpretata da Renato Bruson. (Recite martedì 23,sabato 27, martedì 30 dicembre 2003, venerdì 2 e domenica 4 gennaio 2004)

Il nuovo anno prosegue con la ripresa dell’allestimento di Beppe De Tommasi di Les Contes d’Hoffmann di Jacques Offenbach, opera alla quale nel 1880, alla sua morte all’età di sessantun anni, il compositore tedesco stava ancora lavorando «Ho un vizio tremendo, incorreggibile, - aveva peraltro profeticamente detto di sé Jacques Offenbach - quello di lavorare senza sosta. Me ne dispiaccio per chi non ama la mia musica, perché quasi certamente morirò con un’aria sulla punta della penna». Maestro concertatore e direttore sarà Daniele Callegari che dirige l’Orchestra e il Coro del Teatro Regio di Parma mentre sul palco brilleranno le voci di Fabio Sartori e di Michele Pertusi, particolarmente amato dal pubblico di casa per le doti vocali, che gli valgono internazionali consensi nei teatri di tutto il mondo. (Recite giovedì 29 gennaio, domenica 1, martedì 3 e giovedì 5 febbraio 2004).

Il 21 febbraio il Teatro Regio si apre alla musica contemporanea di Benjiamin Britten con The rape of Lucretia, Il tema sotteso alla partitura è una riflessione sugli orrori della guerra, ai quali il coro finale tenta di dare una risposta in chiave religiosa, nello spirito della promessa cristiana della vita eterna e della redenzione: un afflato spirituale che non si limita all’epilogo, bensì pervade l’intero componimento. The Rape of Lucretia incontrò fin dal suo esordio un grande successo, e raggiunse in quattro mesi le ottanta rappresentazioni. L’Opera, tratta dal dramma Le viol de Lucrèce di André Obey, si pregia della direzione di Jonathan Webb che sul podio guida l’Icarus Ensemble, e della regia di Daniele Abbado. L’Opera, che sarà realizzata in lingua originale con sopratitoli in italiano, è coprodotta dalle fondazioni I Teatri di Reggio Emilia, il Teatro Regio di Parma e dal Teatro Comunale di Modena. (Recite sabato 21 e martedì 24 febbraio 2004).

La Stagione lirica si chiude in primavera con un’opera che da sempre commuove e rapisce il pubblico di tutto il mondo, La Bohème di Giacomo Puccini. Per questa nuova produzione dell’allestimento di Francesca Zambello e ripreso quest’anno da Marcello Grigorov la direzione dell’Orchestra e del Coro del Teatro Regio di Parma è affidata al Maestro Stefano Ranzani. Il Caffè Momus sarà animato dalle voci di Stefania Bonfadelli, Fabio Sartori, Stefano Antonucci, Maya Dashuk, Mirco Palazzi. (Recite mercoledì 24, venerdì 26, domenica 28, mercoledì 31 marzo, sabato 3 aprile 2004).

 

 

FESTIVAL VERDI 2004

Il sipario del Festival Verdi 2004 la cui direzione artistica è da quest’anno affidata al Maestro Bruno Bartoletti, si alzerà il 4 maggio con Simon Boccanegra di Giuseppe Verdi, una delle opere del Maestro che meglio esprime eleganza ed espressività della melodia. Bruno Bartoletti dirige l’Orchestra e il Coro del Teatro Regio di Parma, interpreti: Carlo Guelfi, Roberto Scandiuzzi, Riccardo Zanellato, Daniela Dessì, Fabio Armiliato, nel nuovo allestimento di cui Hugo De Ana firma regia, scene e costumi. (Recite martedì 4, giovedì 6, domenica 9, martedì 11, giovedì 13 maggio).

La seconda nuova produzione in cartellone per il Festival Verdi 2004 è Il Corsaro, opera giovanile del Maestro, composta nella capitale francese, dove soggiornava nell’inverno 1847-48, dopo avere conquistato le maggiori piazze operistiche italiane, per adempiere agli ultimi obblighi contrattuali con l’editore milanese Lucca. L’opera, poco conosciuta, presenta interessanti spunti che precorrono il Verdi del Grand-Opéra.. Il Maestro direttore Renato Palumbo è il primo dei protagonisti che questo nuovo allestimento della Fondazione Teatro Regio, in coproduzione con il Teatro Carlo Felice di Genova, presenta in locandina: Zvetan Michailov, Barbara Frittoli, Renato Bruson, Anna Caterina Antonacci abiteranno le scene di Marco Capuana, guidati dalla regia di Lamberto Puggelli. (Recite martedì 8, venerdì 11, domenica 13, martedì 15 giugno 2004).

Le due opere saranno la cornice e lo spunto di un convegno internazionale di studi verdiani.

Particolarmente importante la programmazione sinfonica e concertistica con cinque appuntamenti davvero preziosi che porteranno il pubblico del Festival Verdi nello spazio sempre affascinante dell’Auditorium Paganini.

Il 5 maggio il Maestro Zubin Mehta che dirigerà l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino nella Sinfonia n. 5 op. 67 in do minore e nella Sinfonia n. 7 op. 98 in la maggiore di Ludwig van Beethoven.

Venerdì 7 maggio il Maestro Herbert Blomstedt dirigerà la Gewandhausorchester Leipzig su impegnata nelle partiture di Richard Strauss (Don Juan, op. 20 e Till Eulenspiegels lustige Streiche, op. 28) e di Piotr Ilic Ciaikowski (Sinfonia n. 4 op. 36 in fa min.).

Il 21 e 22 maggio al Teatro Regio di Parma George Pehlivanian dirigerà un’opera da concerto che ha oramai conquistato il pubblico La damnation de Faust, op. 24 di Hector Berlioz, che egli stesso definì «leggenda drammatica», cioè un lavoro non destinato alle scene: piuttosto un oratorio profano, un’«opera da concerto», e in questa forma venne eseguita per la prima volta all’Opéra-Comique il 6 dicembre 1846.

Il 26 maggio l’Orchestra Sinfonica della Rai, diretta da Rafael Frúbeck De Burgos eseguirà i brani sinfonici del Gotterdämmerung di Richard Wagner, e Le sacre du printemps di Igor Strawinskij di certo la composizione più criticata,al momento della sua prima rappresentazione, del compositore russo.

Il Festival Verdi 2004, si concluderà il 10 giugno con lo Stabat Mater op. 58 di Antonín Dvořák che diede enorme popolarità al compositore in Inghilterra e da lì in tutto il mondo. Zoltan Pesko è il direttore dell’Orchestra del Teatro Regio di Parma mentre il coro sarà guidato dal Maestro Martino Faggiani.

 

 

ABBONAMENTI

Gli abbonati alla Stagione d’Opera 2003 potranno esercitare il diritto di prelazione e acquistare il nuovo abbonamento alla stagione d’Opera 2004 presso la biglietteria del Teatro Regio di Parma da mercoledì 1 ottobre a sabato 18 ottobre 2003. La vendita dei nuovi abbonamenti si terrà fino a martedì 18 novembre 2003 a partire dalle seguenti date:

-     sabato 25 ottobre 2003 - posti galleria numerata (limitatamente a 100 posti)

-     martedì 28 ottobre 2003 - posti poltrona e palco.

Gli abbonamenti (con l’esclusione di quelli per la Galleria numerata che potranno essere acquistati esclusivamente alla biglietteria del Teatro Regio di Parma) saranno in vendita presso:

-          biglietteria del Teatro Regio di Parma

-          agenzie di Banca Monte Parma delle province di Parma, Reggio Emilia e Piacenza.

 

BIGLIETTI

I biglietti saranno posti in vendita a partire dalle seguenti date:

-     martedì 25 novembre 2003 per tutte le rappresentazioni di La traviata

-     martedì 2 dicembre 2003 per tutti gli altri spettacoli in cartellone.

I biglietti saranno posti in vendita presso:

- biglietteria del Teatro Regio

- agenzie di Banca Monte Parma delle province di Parma, Reggio Emilia e Piacenza

- punti vendita Chartanet sul rimanente territorio italiano

- biglietteria on-line del Teatro Regio di Parma al sito www.teatroregioparma.org dal giorno successivo l’inizio delle vendite

Per ulteriori informazioni telefonare alla Biglietteria del Teatro Regio al nuovo numero 0521.039399 o navigare sul sito www.teatroregioparma.org.

 

INFORMAZIONI E BIGLIETTERIA

La biglietteria del Teatro Regio di Parma è aperta dal martedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 14.00 e dalle ore 17.00 alle 19.00, il sabato dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle ore 16.00 alle 19.00. È chiusa il lunedì e nei giorni festivi.

Nei giorni di spettacolo la biglietteria è aperta da un’ora e mezza prima a mezz’ora dopo l’inizio dello spettacolo. Nei giorni dei concerti la biglietteria è aperta anche all’Auditorium Paganini a partire dalle ore 19,30. Nel caso di spettacolo in giorno festivo la biglietteria è aperta anche al mattino dalle ore 10.00 alle 12.00

Biglietteria Teatro Regio di Parma tel. 0521 039399. Fax 0521 504224 ticket@teatroregioparma.org

Biglietteria Auditorium Paganini tel. 0521 247994 Reception Auditorium Paganini tel 0521 242943

info@teatroregioparma.org ticket@teatroregioparma.org www.teatroregioparma.org

 

 

Parma, 13 settembre 2003

 

Paolo Maier
Ufficio Stampa e Comunicazione
Fondazione Teatro Regio
via Garibaldi, 16
43100 Parma - Italia
tel +39 0521 039369
fax +39 0521 218911
www.teatroregioparma.org
p.maier@teatroregioparma.org
 

I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto della Legge 675/96. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (Privacy L.75/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo CANCELLAMI a questa mail precisando l’indirizzo email che verrà immediatamente rimosso. Abbiamo cura di evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl