Comunicato LAV. Festa di Eid el Kebir, la LAV: strage di animali, illegale. Allerta per Prefetti, Carabinieri e Asl

27/dic/2006 12.00.00 LAV - Ufficio Stampa nazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Comunicato stampa LAV

FESTA MUSSULMANA DI EID EL KEBIR CHE SI CELEBRAFRA SABATO E DOMENICA, LA LAV: “UNA STRAGE DI ANIMALI, ILLEGALE. CHIEDIAMOALLERTA A PREFETTI, CARABINIERI E ASL”

 

Per la festa mussulmanadi Eid el Kebir vengono uccise pecore, montoni o capre. Tale ricorrenza, acadenza variabile, quest’anno si svolgerà fra sabato 30 e domenica 31dicembre.

Inquesto periodo festivo, e per di più con il 31 dicembre che cade di domenica, i mattatoi non sarannoaperti. E’ quindi prevedibile che i fedeli mussulmani che vorrannorispettare il precetto, opereranno illegalmente l’uccisione di talianimali

 

“Abbiamo chiesto a Prefetti, Carabinieri e Asl diallertarsi per evitare il più possibile sgozzamenti illegali chequest’anno potranno essere la normalità in case, garage, giardini –ha detto Gianluca Felicetti, presidente dellaLAVLanormativa impone infatti che la macellazione rituale, senza stordimento, anchese per consumo familiare, possa essere eseguita solamente nei macelli, e inparticolare in quelli specificatamente autorizzati, poco più di un centinaiosecondo i dati del Ministero della Salute”.

 

“Invitiamo tutti i credenti mussulmani a pensare didiventare vegetariani come già hanno fatto anche loro fratelli, e tutti i cittadini che dovessero averenotizia o essere testimoni di uccisioni improvvisate a chiamare immediatamente ilnumero di qualsiasi forza di polizia per un pronto intervento – ha concluso il Presidente della LAVAl Parlamento e al Governo,benché la LAV sia contro tutte le macellazionidi animali, chiediamo di seguire l’esempio normativo di Paesi comeSvizzera, Svezia, alcune regioni dell’Austria e la Malesia, Paese questoa stragrande maggioranza mussulmana, che non permettono la macellazione senzastordimento, ritenendo preminente la pur relativa protezione degli animali suprecetti religiosi confliggenti con la morale pubblica”.

 

                      Seguono riferimenti legislativi relativi alla macellazione rituale.

                       

                       27.12.2006

                       Ufficio stampa LAV 06.4461325 – 339.1742586 www.lav.it

 

 

RIFERIMENTI LEGISLATIVI

-L’uccisione dianimali con macellazione rituale, ai sensi dell’articolo 2 comma 1 lettera h) e dell’articolo 5comma 2 del Decreto Legislativo 333 del 1998 deve avvenire solo inmacelli autorizzati all’effettuazione della macellazione rituale, conesclusione assoluta – a prescindere dal consumo familiare o a finicommerciali – della possibilità di procedere al di fuori di questiimpianti dove, ai sensi dell’articolo 9comma 2 del Decreto Legislativo citato, la macellazione è permessasolo per consumo familiare ma con stordimento obbligatorio per le specie ovinae caprina e, quindi, non per la macellazione rituale.

-L’articolo 20 del Decreto Legislativo 286 del1994 prevede che chiunque proceda alla macellazione degli animali,al sezionamento o al deposito delle carni in stabilimenti non riconosciuti onon autorizzati è punito con la pena dell’arresto fino a due anni o conl’ammenda fino a 60mila euro.

-L’articolo 544 ter del Codice penalesanziona con la reclusione da tre mesi a un anno o con la multa da 3.000 a 15.000 euro,aumentata della metà nel caso di morte, chiunque utilizzi animali in attivitàche provochino lesioni o sevizie così come è l’utilizzo di animali per lamacellazione al di fuori della normativa speciale di tutela degli animali perla macellazione

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl