DIS320Articolo contrario direttive europee

01/gen/2007 19.57.00 Disvastigo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

DISVASTIGO

www.disvastigo.it       DIS320 28/12/06

                                                                                                                                                                

 

 

Chieti 28/12/06

                                                                               On  RomanoProdi

                                                                                Presidenzadel Consiglio

                                                                               Palazzo Chigi

                                                                               00100 ROM A

 

                                                             p.c.           On Marcella Lucidi

                                                                               Sottosegretario per l'Interno

                                                                               Ministero perl'Interno

                                                                               Viminale

                                                                               00100 ROM A

 

 

Ogg. : Status stranieri cittadini Ue- Articolo contrario direttive europee

 

 

Signor Presidente,

 

a nome dell'associazione di difesa dellelingue e delle culture Allarme Lingua Le segnalo che il decreto legislativorecante "Attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto deicittadini dell'Unione e dei loro famigliari di circolare e di soggiornareliberamente nel territorio degli Stati membri ", licenziato con parerefavorevole dalla Commissione affari Costituzionali nella seduta 64 del19/12/06, contiene all'articolo 20 comma 7 una disposizione illegittima allaluce della direttiva europea sfuggita all'esame dei deliberanti.

 

Mentre infatti l'art. 30 delParlamento Europeo e del Consiglio Europeo 2004/38/CE del 29 aprile 2004 recita:"Ogni provvedimento adottato a norma dell'art.27,paragrafo 1 (limitazioni alla libertà di circolazione) è notificato periscritto all'interessato secondo modalitàche consentano a questi di comprenderne il contenuto e le conseguenze, l'articolo20 comma 7 del decreto licenziato prevede che l'eventuale provvedimento diallontanamento di una persona dal territorio sia "tradotto in una lingua comprensibile al destinatario ovvero ininglese", rendendo in tal modo la lingua inglese comprensibileda tutti per legge. Il diritto europeo riscritto in chiave italiana, quasiparodistica,

 

in barba ai diritti linguistici e aldiritto, riconosciuto dall'art. 24 della Costituzione, di agire in giudizio perla tutela dei propri diritti che sottintende la piena comprensione delcontenuto di un provvedimento, che il legislatore non può dare per scontato seil testo è in inglese.

 

Se si fosse scritto "oppure in italiano" (lalingua cioè dello Stato a cui si riferisce il decreto)non si sarebbe ugualmente rispettata la direttiva europea ma almeno non avremmoavuto questo ennesimo cedimento dei politici italiani verso l'angloamericano.

 

Che poi tra i senatori che hanno esaminato il decretovi siano alcuni dei più accesi promotori di iniziative a favore della linguaitaliana, come il DDL per l'istituzione del Consiglio Superiore della LinguaItaliana, che non sono saltati sulla sedia alla lettura di "ovvero ininglese" resta inspiegabile se non con un momento di stanchezza e didisattenzione.

 

Nella fiducia che la segnalazione di Allarme Lingua venga presa nella dovuta considerazione porgo i miei ossequi

 

GiorgioBronzetti Presidentedell'ass. Allarme Lingua

 

In allegato due degli articoli usciti nella stampa sutale tema per

iniziativa di Allarme Lingua:

L'inglese?Comprensibile per legge di Carlo Sarandrea pubblicato

da Cronaca d'Abruzzo del 9/12/06

Limitialla libertà di circolazione dei cittadini, il diritto europeo

riscritto in chiave italiana di Giorgio Bronzetti pubblicato da

Cronaca d'Abruzzo il 20/12/06

 

 

 

 


Disvastigo

Agenzia di stampa per la diffusione di notizie,articoli e documenti sui problemi della comunicazione

Servizio gratuito Registrazioneal Tribunale di Chieti n.1/02del 5.2.02

Viale A.Moro 37 66013 Chietitel. 0871561301

Direttore responsabile: Mario D’Alessandro

Direttore editoriale: Giorgio Bronzetti

Questo comunicato viene inviato agli abbonatidi DISVASTIGO. Ulteriori informazioni nonché l’iscrizione e lacancellazione si possono ottenere scrivendo all’indirizzo info613@disvastigo.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl