La prima giornata sull'etica dell'informazione

La prima giornata sull'etica dell'informazione La prima giornata sull'etica dell'informazione, svoltasi all'Auditorium al Duomo a Firenze il 20 gennaio scorso, si è proposta di offrire per la prima volta un approfondimento dei principi contenuti nella "Carta Toscana dell'Informazione Bio-medica", lanciata nel 2005 per iniziativa congiunta degli Ordini dei Medici di Firenze e dei Giornalisti della Toscana.

22/gen/2007 08.10.00 Nicoletta Curradi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La prima giornata sull'etica dell'informazione, svoltasi all'Auditorium al Duomo a Firenze il 20 gennaio scorso, si è proposta di offrire per la prima volta un approfondimento dei principi contenuti nella "Carta Toscana dell'Informazione Bio-medica", lanciata nel 2005 per iniziativa congiunta degli Ordini dei Medici di Firenze e dei Giornalisti della Toscana. Essa contiene 10 principi di buone pratiche nel rapporto comunicativo tra il mondo della ricerca e della medicina e dei cittadini, i quali affrontano i temi della salute con i timori e le incertezze della vita quotidiana. La comunicazione sui progressi terapeutici è divenuta più complessa. e vede oggi più interlocutori, mentre l'informazione utilizza sempre nuove tecnologie, operando spesso ai limiti delle norme e della tutela dei diritti. I due Ordini hanno deciso di assumere un codice deontologico per dare al cittadino un'informazione corretta e trasparente. Nel corso del convegno , protrattosi per l'intera giornata, si è parlato soprattutto di comunicazione dei progressi nella lotta al cancro, particolarmente sentita dall'opinione pubblica e soggetta all'influenza dei media, ma tra i temi trattati c'erano anche le mutilazioni genitali femminili, ancora praticate in certi ambienti: occorre una mirata informazione per illuminare quei genitori che intendono sottoporre le loro figlie a tale pratica tribale. La comunicazione sull'influenza aviaria ha creato, invece, notevoli danni economici ed allarmismi spesso ingiustificati ed eccessivi. Clinici, ricercatori, giornalisti, politici e filosofi come Massimo Lucchesi, Antonio Panti, Gianfranco Gensini, Francesco D'Agostino, Sandro Spinsanti, Riccardo Nencini, Serafino Zucchelli e molti altri hanno analizzato episodi concreti, anche alla luce delle polemiche che talvolta sono scoppiate, delle distorsioni causate dal condizionamento delle regole dei media, dei comportamenti a volte scorretti nella trasmissione di messaggi.

Nicoletta Curradi


------------------------------------------------------
Vendi qualcosa? AdBoom.it pubblica i tuoi annunci su 4 siti in 45 secondi GRATIS!
http://click.libero.it/webnation22gen07


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl