Comunicato stampa LAV: Palio di Buti (Pisa): ennesimo incidente mortale per un cavallo. La LAV: denunceremo i responsabili per maltrattamenti. Urgente l'approvazione di una legge che vieti i Palii.

La LAV annuncia una denuncia permaltrattamenti, ai sensi dell'art. 544 ter del C.P. conl'aggravante della morte, nei confronti di coloro che saranno individuaticome responsabili della morte del cavallo Board Thems (della contrada Pievana)e del ferimento di Buffanti (della contrada San Nicolao), avvenuti durante ilrecente Palio di Buti (Pisa).

22/gen/2007 15.10.00 LAV - Ufficio Stampa nazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

PALIO DI BUTI(PISA): ENNESIMO INCIDENTE MORTALE PER UN CAVALLO. LA LAV ANNUNCIA UNA DENUNCIAPER MALTRATTAMENTI E SOLLECITA L’INIZIATIVA LEGISLATIVA ASSICURATA DALSOTTOSEGRETARIO ALLA SALUTE PATTA.

 

 

La LAV annuncia una denuncia permaltrattamenti, ai sensi dell’art. 544 ter del C.P. conl’aggravante della morte, nei confronti di coloro che saranno individuaticome responsabili della morte del cavallo Board Thems (della contrada Pievana)e del ferimento di Buffanti (della contrada San Nicolao), avvenuti durante ilrecente Palio di Buti (Pisa).

 

La LAV ha chiesto anche diaccertare le eventuali omissioni da parte di Sindaco e Servizi Veterinari dellaAsl, deputati per legge al controllo del rispetto delle norme di protezione edi benessere degli animali.

 

Questo episodio segue di pochianni un analogo incidente, avvenuto a Buti durante la corsa del 2004, che causòanche in quell’occasione la morte di un cavallo e il ferimento di unaltro. Ancora una volta, quindi, un Palio funestato dalla morte, che potremmodefinire “annunciata”, di un cavallo. Anche quest’anno,infatti, la LAV attraverso la sua sede di Pontedera (Pisa), aveva rivoltonumerosi appelli al Sindaco e agli organizzatori, segnalando come il tracciatodella corsa fosse inadatto a una gara di velocità, a causa delle curve troppo strettee del fondo costituito da uno strato di terra troppo sottile.

 

La LAV chiede l’approvazionedi una legge che vieti definitivamente le gare di Palio, riconoscendo gliequini come animali d’affezione: “se il Ministero della Saluteavesse emanato l’iniziativa legislativa in tempi rapidi, annunciata dalSottosegretario Gian Paolo Patta in aula alla Camera dei Deputati, lo scorso 12ottobre in risposta a un’interrogazione parlamentare – dichiaraGianluca Felicetti, presidente della LAV – probabilmente oggi non piangeremmol’ennesima vittima di un Palio, la cui morte è resa ancor più assurda dalfatto che la corsa di Buti è intitolata a S.Antonio Abate, protettore deglianimali”.

 

 

22.01.2007

Ufficio stampa LAV Onlus06.4461325 – 339.1742586  www.lav.it

 

Maria Falvo

Resp.le Ufficio Stampa LAV

LAV - Via Piave 7 - 00187 Roma

tel. 06.4461325 - 339.1742586 - fax 06.4461326

ufficiostampa@infolav.org

www.lav.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl