IL FALLIMENTO TOTALE DELLE DROGHE PSICHIATRICHE E GLI AGGHIACCIANTI EPISODI DI CRONACA NERA

Come ammettono gli stessi scopritori non si sa come agisce, ma si pensa già di commercializzarla, e il Sunday Times ha dato notizia dei primi test clinici.

23/gen/2007 20.49.00 Davis Fiore Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La situazione nell'ambito “salute mentale” è drammatica. Il susseguirsi di fatti, come quelli degli ultimi giorni, deve destare l'interesse dell'opinione pubblica. Al Campidoglio i rappresentanti di oltre 150 associazioni (Unasam) hanno denunciano gli elettroshock, tuttora praticati in molti ospedali psichiatrici. Sono state trovate porte chiuse a chiave e pazienti legati, cui erano somministrati psicofarmaci in grandi quantità, per non parlare delle violenze fisiche.
 
Ma questa è solo la punta dell’iceberg di un’amara realtà, uno studio coordinato da ricercatori dell’Università di Kuopio (Finlandia), pubblicato dall’Archivio di Psichiatria Generale, mostra per l'ennesima volta la correlazione tra antidepressivi e suicidio. Eppure, proprio in questi giorni, la pillola miracolosa, soprannominata “viagra femminile”, è stata annunciata al mondo intero. In verità si tratta di un antidepressivo, che in via del tutto accidentale ha fatto registrare un aumento del desiderio. Come ammettono gli stessi scopritori non si sa come agisce, ma si pensa già di commercializzarla, e il Sunday Times ha dato notizia dei primi test clinici.
 
L'idea di espandere il business della “malattia mentale” non si ferma e la sorpresa è arrivata dall’America: Perché non dare gli antidepressivi anche a Fido?
"La depressione ha quattro zampe" hanno annunciano i principali quotidiani. Ma tutto questo ha del ridicolo!
 
Gli effetti collaterali degli psicofarmaci nella maggior parte dei casi sono devastanti e creano dipendenza, quindi non devono essere confusi con i farmaci per la salute. Il Ritalin, ad esempio, è un'anfetamina, i suoi effetti possono essere paragonati a quelli della cocaina, nonostante ciò viene somministrata a milioni di bambini, nell'illusione di correggere problemi comportamentali.
Si consideri inoltre che di tutti i farmaci ritirati dal commercio dal 1960 a oggi, circa una ventina, quasi un terzo erano psicofarmaci.
 
Volete sapere quali sono le pillole killer non più reperibili sul mercato? Eccovi la lista:
 
Cylert (principio attivo "pemoline") - Usato per l’ADHD e ritirato dal commercio nel 2005. Assunzione correlata a livelli di  epatossicità.
 
Adderall - Anfetamina utilizzata per l'ADHD. Ritirata nel 2005 perché causava il colpo apoplettico in molti soggetti.
 
Melleril  (Thioridazine) - Antipsicotico ritirato dal commercio nel 2005 a causa dei pericolosi effetti sul cuore.
 
Halcion (anche Novodorm e Songar) - Anno 1991 - Principio attivo Triazolam - è un derivato delle benzodiazepine, è stato ritirato nel Regno Unito, ma è ancora commercializzato negli USA.
 
Methaqualone - Anno 1984 - Sedativo ritirato perché portava alla tossicomania e all'overdose.
 
Zimelidine - SSRI ritirato nel 1983 perché causava la sindrome di Guillain-Barré (infiammazione del sistema nervoso periferico pressoché incurabile)
 
Lysergic Acid Diethylamide (meglio conosciuta col nome di LSD) - Ritirata intorno agli anni sessanta a causa della sua diffusione tra i giovani. Oggi è una delle droghe illegali più pericolose.
 
Cosa dire alla luce di fatti tanto deludenti? Beh, una cosa sicuramente si può affermare: la psichiatria non ha mai ottenuto risultati concreti ed è sempre rimasta nell'ambito delle ipotesi, perciò non si merita l'appellativo di scienza. L'incapacità di risolvere problemi sociali o individuali l'ha portata fuori strada, fino a servirsi di metodi violenti, brutali e antisociali. 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl