Comunicato LAV, Sei mila euro di multa per maltrattamenti animali. Il Tribunale penale di Verona condanna un uomo per il maltrattamento delle sue cavalle.

09/feb/2007 15.49.00 LAV - Ufficio Stampa nazionale Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

ANIMALI:TRIBUNALE PENALE DI VERONA CONDANNA UN UOMO A  SEI MILA  EURO DI MULTA PER ILMALTRATTAMENTO DELLE SUE CAVALLE.

RICONOSCIUTEALLA LAV, PARTE CIVILE, LE SPESE DI CUSTODIA DEGLI ANIMALI, 5800 EURO, E LACONFISCA DELL’UNICA CAVALLA SUPERSTITE.

 

Tre Cavalle sottoposte agravi maltrattamenti, hanno avuto giustizia da parte del Tribunale penale diVerona che stamattina, accogliendo la richiesta di patteggiamento, ha condannato M.M, 60enne diGrezzana-Stallavena (VR), a sei mila euro di multa. L’uomodoveva rispondere del reato di maltrattamento di animali “perché senza necessità, tenendole rinchiuse in unambiente buio e malsano, e non provvedendo alla loro pulizia ed al loroadeguato nutrimento, sottoponeva tre cavalle a comportamenti insopportabili perle loro caratteristiche etologiche”.

 

Alla LAV, costituitasi parte civile, e assistitadall’Avv. Emanuela Pasetto cui vanno i più sentiti ringraziamenti, sonostate riconosciute le spese di custodia delle cavalle, a suotempo affidatele, nella misura di 5800 euro, chel’imputato è stato condannato al pagarea titolo di risarcimento.

 

“Sitratta di una condanna importante, che finalmente rende giustizia agli animali perché è stato contestato il delitto di maltrattamento di animali, in luogodella contravvenzione prevista per chi detiene animali in condizioniincompatibili con la loro natura. commenta Ciro Troiano,responsabile SOS Maltrattamenti della LAV – Sebbene ilresponsabile non estinguerà la pena  a causa del recente indulto, è sicuramenteun evento importante per la giustizia nei riguardi degli animali perché crea unprecedente;  il fatto è ancora più importante se si pensa che gli animalicoinvolti hanno corso il pericolo di essere macellati abusivamente”.

 

I fatti risalgono almarzo 2006 quando la LAV ha ricevuto una segnalazione anonima concernente lasituazione di gravissimo maltrattamento in cui versavano i cavalli detenuti daM. M., in seguito alla quale la responsabile della sede territoriale della LAV,professoressa Lorenza Zanaboni, ha organizzato un sopralluogo con una guardiazoofila dell’Enpa.

 

La situazione che si è presentataera ai limiti della sopravvivenza per gli animali: tre cavalle erano recluse albuio, tra escrementi e carne marcia, e una delle cavalle era scheletrica. Èstato quindi richiesto l’intervento dei Carabinieri e di veterinariesperti di cavalli, ma le operazioni per sequestrare gli animali, a causa diproblemi tecnici, sono durate diversi giorni, durante i quali le cavalle sono statenascoste dal proprietario, correndo il rischio di essere macellate, e solograzie alle indagini dei Carabinieri di Grezzana, sono state ritrovate aPovegliano (VR),  dove sarebbero state macellate il giorno successivo.

 

Siamo molto soddisfatti per la decisione delTribunale di Verona: ora Stella, l’unica cavalla superstite, c’èstata assegnata definitivamente e potrà sperare in un futuro sereno, lontano dachi le ha procurato tanta sofferenza  – conclude LorenzaZanaboni, della LAV di Verona – rimaneil dolore per la perdita delle altre due cavalle che, nonostante le curericevute, non ce l’hanno fatta”.

 

Dopo il sequestro,infatti, gli animali furono presi in custodia dalla LAV, ma per due di loro lasituazione era disperata: una era in uno stato di grave sofferenza, magrissima,affetta da forma grave di laminite, e con numerose piaghe da decubito e la secondaera affetta da atassia, sottopeso e molto sofferente.

 

Disponibilifoto delle cavalle.

 

9 febbraio 2007

Ufficio Stampa LAV tel.06.4461325 – 329.0398535 – www.lav.it

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl