Com stampa/ Sanremo: Di Silvestri, Cristicchi, Concato, Mazzocchetti e Stadio, i testi più belli e "letterari, secondo il "Premio Lunezia"

Com stampa/ Sanremo: Di Silvestri, Cristicchi, Concato, Mazzocchetti e Stadio, i testi più belli e "letterari, secondo il "Premio Lunezia" COMUNICATO STAMPA SANREMO: DI SILVESTRI, CRISTICCHI, CONCATO, MAZZOCCHETTI E STADIO, I TESTI PIU' BELLI E "LETTERARI", SECONDO IL "PREMIO LUNEZIA" DA MONTALE E PALAZZESCHI A UNGARETTI E SERENI: SONO VARI GLI ACCOSTAMENTI E LE CITAZIONI FATTE DALLE CANZONI DI SANREMO Il "Lunezia", famoso premio al "valore musical-letterario" della canzone italiana, dà i voti ai versi del Festival Il "Premio Lunezia", che nelle sue 11 edizioni ha premiato - tanto per fare dei nomi - Fabrizio De Andrè, Vasco Rossi, Claudio Baglioni e Ligabue, commenta le canzoni di Sanremo.

26/feb/2007 10.49.00 Daniele Mignardi promopressagency Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

 

SANREMO: DI SILVESTRI, CRISTICCHI, CONCATO, MAZZOCCHETTI E STADIO, I TESTI PIU' BELLI

E "LETTERARI", SECONDO IL "PREMIO LUNEZIA"

 

DA MONTALE E PALAZZESCHI A UNGARETTI E SERENI: SONO VARI GLI ACCOSTAMENTI E LE CITAZIONI

FATTE DALLE CANZONI DI SANREMO

 

Il "Lunezia", famoso premio al "valore musical-letterario"

della canzone italiana, dà i voti ai versi del Festival

 

Il "Premio Lunezia", che nelle sue 11 edizioni ha premiato - tanto per fare dei nomi - Fabrizio De Andrè, Vasco Rossi, Claudio Baglioni e Ligabue, commenta le canzoni di Sanremo.

 

"Anche se il merito "Musical-Letterario" delle canzoni, così coniato e celebrato dal Premio Lunezia", dice il patron, Stefano De Martino, "non può prescindere dal magico sodalizio fra musica e parole - in questo vive la letterarietà della canzone -, possiamo però esprimerci sui testi, già resi pubblici, delle canzoni di Sanremo. È come osservare una faccia della medaglia, prima di vedere l'altra. Perchè la canzone, soprattutto quella italiana, è come una moneta".

 

Ed ecco il commento di Stefano De Martino e Paolo Talanca della redazione letteraria del "Premio Lunezia".

"Tra i testi più belli delle Canzoni del 57° Festival di Sanremo, una citazione speciale merita il brano "La paranza", di Daniele Silvestri. Con l'incedere sornione e ironico che gli è consueto, il cantautore romano presenta un testo in cui dimostra di padroneggiare alla perfezione parole e sensi di espressioni anche trite, ma che assumono significati ulteriori, se inseriti in determinati contesti. Si prende la paranza come un argomento per distrarre, che permetta di temporeggiare così da non dover dare troppe spiegazioni in merito ad una personale latitanza: è un po' come un procedimento caro alla poesia di Palazzeschi o dei poeti comico burleschi, in cui ciò che è "non detto" o anche solo intuito gioca un ruolo fondamentale nella resa artistica.

 

Si può citare, inoltre, la canzone di Fabio Concato: in "Oltre il giardino", il cantautore usa il mezzo artistico come arma per rivendicare la dignità umana, ed è un metodo caro a molta letteratura del Novecento - da Montale a Sereni.  Concato, servendosi dell'analogia, di un fiore e del mestiere del giardiniere, usa la parola come rivelatrice di significati "altri", parlando di "fiori nuovi" e di speranze come qualcosa di fiducioso che sboccia e che ha dentro il segreto della vita.

 

Merita un occhio di riguardo, inoltre, l'atmosfera della canzone "Schiavo d'amore", di Piero Mazzocchetti (il testo è stato scritto da Guido Morra, ndr) in cui la disperazione d'amore arriva a caricarsi addirittura di compiacimento: la malinconia di una mancanza che "riempie l'anima" si colora di una "tristezza dolce", fino a trovare in versi come "Eppure quanta bellezza/ perfino dentro il dolore" un certo masochismo caro, ad esempio, all'Ungaretti di "Auguri per il proprio compleanno", dove il poeta celebra i propri dolori nel grido "Non mi lasciare, resta, sofferenza!", simbolo di consapevolezza di esaltazione di ogni vitalità e irruenza.

 

Interessante anche il testo di "Ti regalerò una rosa", di Simone Cristicchi. Il contenuto è carico di significati aggiuntivi, che derivano dall'urgenza dell'artista di dipingere i pensieri di chi è afflitto da malattia mentale, di tutta la solitudine che è forse l'unico vero e inconsolabile tormento di queste persone. Un male assurdo, emblematico in versi costruiti come aforismi, come "I matti sono punti di domanda senza frase", in cui prende corpo tutta l'illogicità di una situazione degradante: i cosiddetti "matti" non hanno una consolatoria espressione nelle parole che compongono la frase di una domanda, ma rappresentano solo l'inflessione, l'urgenza principale dell'atto comunicativo, forse la disperata necessità di instaurare un contatto col mondo esterno. Ecco che Cristicchi, in versi come questo o "I matti sono apostoli di un Dio che non li vuole", riesce a descrivere un'emozione, dentro una cornice ad ogni modo narrativa come la  forma epistolare.

 

E come esempio di un testo in cui la narratività è un elemento fondamentale si fa notare la canzone degli Stadio, "Guardami", in cui si parte da una situazione dimessa e di quasi rassegnazione, per poi prendere piede - dietro domande incalzanti e continue - una speranza tra due amanti. È un chiaro esempio di come sia importante l'emozionalità di una canzone che "si compone" sotto i nostri occhi, che cresce e sposta punti di vista tramite il susseguirsi dei versi".

 

"Secondo noi, sono questi i testi i più belli", concludono De Martino e Palanca, gli esperti del "Lunezia". "Sugli altri, attendiamo l'eventuale emozione poetica, figlia di quella magica alleanza che solo la canzone sa darci: l'alchimia fra parole e musica".

 

 

 

 

Ufficio Stampa nazionale "Premio Lunezia 2007":

Daniele Mignardi Promopressagency

tel. 06.32651758  info@danielemignardi.it - www.danielemignardi.it

 

 

 

 

 

 

 

DanieleMignardi promopressagency
Via G.Nicotera, 29
00195 ROMA  Italy
tel/fax  +39 6 32651758 (5 linee) r.a.
info@danielemignardi.it
on web: www.danielemignardi.it

Il trattamento dei suoi dati viene svolto all'interno del nostro ufficio,
nel rispetto di quanto stabilito dal Decreto Legislativo n. 196/2003.
Le nostre comunicazioni (comunicati stampa, informative, rettifiche, ecc.)
le vengono inviate per la sua utile attività giornalistica, nell'ambito dei
media, e non sono da considerarsi oggetto di "spamming".
Nel caso le dovesse giungere una serie di una stessa comunicazione, la
preghiamo di segnalarcelo.
In qualsiasi momento, potrà chiedere la modifica dei propri dati o,
addirittura, la cancellazione scrivendo all'indirizzo sopra indicato, se non
ritenesse di sua pertinenza le nostre comunicazioni.

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl