Glande Fratello: niente di nuovo negli interni-coscia.

La prima edizione del GF è stata veramente divertente: i concorrenti non avevano idea di cosa li aspettasse fuori o se il programma fosse realmente seguito(non si erano preparati copioni), non avevano contatti con l'esterno ed erano stati raccattati per strada (e si vedeva).

26/feb/2007 17.30.00 http://digilander.libero.it/kunt_a_kinte/ Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Tratto da http://digilander.libero.it/kunt_a_kinte/ , settimanale satirico di comunicazione di massa.
 
 
Paola Perego imita la De Filippi e Buona Domenica ci spiega tutto sul “bacio a stampo”.
Buona Domenica ormai poggia quasi esclusivamente su gieffini vecchi e nuovi che raccontano le proprie performances pseudo-erotiche, inscenate come da copione, durante il reality più irrealiti e spaccamaroni della tv italiana.
La prima edizione del GF è stata veramente divertente: i concorrenti non avevano idea di cosa li aspettasse fuori o se il programma fosse realmente seguito(non si erano preparati copioni), non avevano contatti con l’esterno ed erano stati raccattati per strada (e si vedeva). Nella storia pruriginosetta tra Cristina Plevani e Pietro Taricone non ci fu “dolo” né premeditazione e la conduzione era stata affidata a una vera testa, quella di Daria Bignardi (ora conduttrice del programma cult “Le invasioni Barbariche” in onda su La7). Quella avrebbe dovuto essere l’unica edizione e invece, ogni anno ci ritroviamo con una collezione di comparsucole squattrinate, ormai dichiaratamente rastrellate dagli scarti dell’avanspettacolo, le quali danno vita a un teatrino del clichè e della banalità sempre più imbarazzante. La banalità è pornografia e questi attoruncoli la interpretano pure male. Individui autenticamente poco attenti alla propria igiene (basti dare un’occhiata alla casa di Cinecittà che ha la sfortuna di ospitarli) ma costantemente impegnati a cospargersi di unguenti, trucchi e orpelli del genere, che forniscono anche l’occasione per mostrare il più recondito antro del proprio corpo (dare una passata al bidè ogni tanto sarebbe più utile). In sostanza si attiva nello spettatore la “sindrome del ginecologo”, ovvero di totale astrazione e indifferenza: ovvero, la costante esposizione della comparsa-a-scomparsa, in pose svaccatissime che… ooops… non si accorge di stare in perizoma, a gambe larghe davanti a una telecamera, guarda caso, perfettamente centrata rispetto all’obiettivo, scatena di tutto tranne eccitazione e desiderio. Poi c’è quella fastidiosa rincorsa a chi si accoppia per primo: non c’è nulla di erotico o pruriginoso nella visione di un gruppo di poveracci che dopo una decina di edizioni, ancora ricorrono al vecchio, noioso trucchetto della sifonata per far parlare di sé: cheppalle! Costumini-mini-mini scopiazzati dalle yespiche dell’Isola dei Famosi e sfoggio di aggressività isterica condita mediante abbondante utilizzo di scurrilità fine a sé stessa, priva di concetti di alcun tipo: cheppalle!
Domenica 18 Febbraio. Paola Perego a Buona Domenica ospita Luca Dorigo… Chiiiiii?! Un ex tronista della De Filippi, il quale, durante il proprio tronato aveva scelto la donna della sua vita, facendo sognare l’Italia: Amalia-senz’h. I due si amavano talmente tanto che dopo pochi giorni, lui la molla e si mette insieme alla futura gieffina Melita (CHECCASO!!!), mentre l’Ammmalia diventa una Pupa (figurante del pietoso show “La pupa e il secchione”, ancora più finto del GF se possibile).
Dorigo, ovvero “la scucchia che uccide”, è stato invitato a Buona Domenica in quanto cornutissimo fidanzato della gieffina, ancora in gara e tendente al materasso-dance con un altro sgallettato dell’Irreality di Canale 5. Ci siamo così puppati una cosa come un’ora di disquisizioni senza senso sulla differenza tra un bacio “a stampo” e uno vero, sul tradimento e sull’innocenza della dolce Melita che non è così porca come la si dipinge. Tutto questo, nonostante il fatto che Buona Domenica continui a perdere ascolti e sia stata dimezzata (finalmente) per lasciare spazio all’unico campione d’ascolti che possa recuperare lo sfacelo pereghino, ovvero Gerry Scotti e il suo Milionario.

Genesi di uno sfacelo annunciato: la corazzata Peregoschi è una cagata pazzesca.

Era prevedibile il fatto che Buona Domenica non avrebbe mai potuto diventare una grande trasmissione. La Perego si è trascinata nel carrozzone: 1) BETTARINI STEFANO, ex calciatore dalla carriera mediocre, dotato di una fissità nello sguardo che lo rende inquietante, famoso solo in quanto marito di Simona Ventura e quindi, meglio conosciuto come signor Ventura…
2) GREGORACI ELISABETTA, briatorina che nessuno ha mai notato nelle particine mediocri da sgallettina, ma che il grande pubblico ha conosciuto grazie ai metodi “tv-ortodossi” grazie ai quali ha ammesso di essere riuscita a lavorare in RAI, salvo poi ritrattare tutto naturalmente. Scusate, ero confusa, non sono la sporcacciona che sembro!...
3) VARONE SARA, una signorina che ha debuttato in tv attraverso alcune foto che la ritraevano in pose poco edificanti insieme al marito di Sabrina Ferilli, ovvero, il suddetto signor Ferilli e la sua amante hanno avuto il proprio momento di gloria televisiva esclusivamente in relazione al rapporto del corniere con l’attrice…
Per il resto, BD si appoggia ai figuranti del GF che, se il cielo vuole, non sta messo meglio e speriamo stia esalando l’ultimo fetidume.
La questione è che per parlare di mediocrità e sottosviluppo intellettivo, è necessario avere una grande intelligenza. L’esempio più calzante è quello di “Uomini e Donne”.

Ominidi e Gonne: megaminineuroni.

La signora Perego, peccando di presunzione, ha cercato di arrogarsi il ruolo di Nuova-De Filippi, cercando di riprodurre Uomini e Donne (in onda su Canale 5, dal lunedi al venerdi, alle 14.50) sul palcoscenico di BD, riuscendo ad affondare un domenicale che per anni ha battuto costantemente la concorrenza. In realtà, nessuno come la De Filippi riesce a dar vita a un mondo di microcefali come quello di Uomini e Donne, incalzando i protagonisti con domande e considerazioni tali da sottolineare e rendere suprema l’idiozia di tronisti e corteggiatori, i quali, grazie a lei, diventano incredibilmente divertenti e surreali. Infatti, i famigerati rintronisti, estrapolati dal contesto d’origine, non risultano più né divertenti né interessanti (ricordiamo, ad esempio, il fu Costantino, adesso inviato di Stranamore), bensì semplicemente banali. Consiglio a tutti i kuntiani di seguire Uomini e Donne all’interno di “grupponi d’ascolto”, per poter ridere e commentare insieme le interminabili disquisizioni pomicesche: divertimento grantito. Ore e ore di chiacchiere irresistibilmente sgrammaticate per raccontare un bacio da liceale, piuttosto che un weekend passato “senza telecamere” ma casto come un fiore di primavera. Giovani adulti, vestiti in maniera improponibile e atteggiati da star ollivudiane che si scannano come bambini delle medie per quel bacio che “serve a conoscersi meglio ma nulla di impegnativo”. Assolutamente irresistibile ma soprattutto INIMITABILE… povera Perego, qualcuno dovrebbe dirglielo!

Fumetta

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl