APPELLO LIBERA STAMPA

Si prega chi volesse farlo, di aderire almeno con nome e cognome.

05/ott/2003 18.47.02 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Indignati dalla censura operata dalla RAI ai danni
di Massimo Fini (vedi http://www.osservatoriosullalegalita.org/03/comm10/01 )
e dalla mancanza di reazioni da parte dell'opposizione,
che invece per Biagi e Santoro aveva sollevato un polverone,
abbiamo lanciato un appello di solidarieta' e di difesa
del diritto all'informazione pluralista che e' stato sottoscritto,
fra i primi, da Marco Travaglio, Peter Gomez, Davide Pinardi,
Gianni Barbacetto e Claudio Sabelli Foretti, nonche' da
prestigiosi esponenti del mondo universitario e da
diverse associazioni.

Riteniamo sia importante sottoscrivere e divulgare l'appello,
dimostrando che su certi principi non si puo' transigere.

Si prega chi volesse farlo, di aderire almeno con nome e cognome.
Le associazioni aderiscono con sottoscrizione del responsabile.
Le redazioni che intendono aderire sono invece pregate di inviare
i nominativi dei singoli firmatari.

Non pensiamo che l'appello possa smuovere la RAI,
ma riteniamo che serva far riflettere cittadini e politici,
quindi appello e firme saranno inviati alla stampa nazionale.

Ci scusiamo con chi avesse gia' ricevuto questa segnalazione.

Grazie
__________

L'APPELLO:

Noi sottoscritti, dopo la lettera aperta di Massimo Fini, che denuncia un
pregiudizio della RAI nei confronti della sua persona - episodio che e'
solo l'ultimo di una lunga serie di censure d'opinione da parte della TV di
Stato - desideriamo

1- esprimere solidarieta' a Massimo Fini, del quale sottolineiamo la
cultura, la capacita' di fare informazione e l'indipendenza intellettuale;

2- riaffermare la liberta' di espressione sancita dalla Costituzione, che
si traduce anche nel diritto ad informare ed essere informati con qualsiasi
strumento di diffusione;

3- ribadire il nostro diritto al pluralismo nella comunicazione, che
dovrebbe esplicarsi soprattutto nell'azienda radiotelevisiva di Stato, con
la presenza di voci anche fra loro antitetiche, in accordo con le finalita'
del servizio pubblico e con le direttive europee.

per aderire fare un semplice replay alla presente


Osservatorio sulla legalita'
www.osservatoriosullalegalita.org

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl