Fotovoltaico: il Gse contro i cittadini

Il Gse, gestore della rete di trasmissione nazionale ha proposto infatti un appello contro l'accoglimento del ricorso avanzato dai cittadini contro lo Stato per lo sviluppo delle energie alternative, pulite e rinnovabili.

09/mar/2007 11.00.00 Pro-Motion Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

Appello agli aspiranti possessori di impianto in tutta Italia
FOTOVOLTAICO: IL GSE CONTRO I CITTADINI
L'avvocato Tarducci: “A rischio i diritti di 9121 cittadini”



E' ancora bufera sugli impianti fotovoltaici.Il Gse, gestore della rete di trasmissione nazionale ha proposto infatti un appello contro l'accoglimento del ricorso avanzato dai cittadini contro lo Stato per lo sviluppo delle energie alternative, pulite e rinnovabili.
Il ricorso contro il decreto statale sugli impianti per l'energia solare, accolto dal Tar della Lombardia lo scorso ottobre, aveva dato a 9121 aspiranti possessori di impianto la speranza di vedere finalmente applicate le condizioni incentivanti stabilite dal decreto del luglio 2005, invalidando quindi le modifiche apportate dal successivo provvedimento del febbraio 2006.

Il Tar della Lombardia, competente in materia, ha accolto il ricorso promosso dagli avvocati Alessandro Tarducci, Iacopo Tozzi e Riccardo Tagliaferri, dello studio legale Cnttv, contro una delibera che non prevedeva tra l'altro, l'aggiornamento Istat
delle tariffe, rendendo poco conveniente la realizzazione di impianti già approvati.
Poche settimane fa - spiegano gli avvocati Tarducci e Tozzi - il Gse in una comunicazione ufficiale aveva dichiarato la volontà di applicare l'aggiornamento Istat. Ora l'annuncio del ricorso rischia ancora una volta di compromettere i diritti dei cittadini".

L'appello dunque e' alla mobilitazione: i cittadini che hanno visti approvati i loro progetti di impianto devono unirsi per difendere in tribunale i propri diritti.

“Continueremo a rivendicare i nostri diritti in materia - dichiara Andrea Mansoldo, ingegnere elettrotecnico e portavoce dei cittadini ricorrenti- Riteniamo a questo punto importante prendere in considerazione, da parte di tutti coloro che sono interessati al Conto Energia e che dalla sentenza otterranno un indubbio vantaggio, di partecipare numerosi all'eventuale giudizio innanzi al Consiglio di Stato in modo da rafforzare la posizione sostenuta dai ricorrenti e confermata dal TAR Lombardia”.


Per informazioni o aderire al ricorso: SGLA - Sportello Giuridico Legislativo dell’Ambiente, Studio Legale CNTTV tel. 055/217989 sportello@studiolegalecnttv.191.it

Per interviste ed informazioni:

Ufficio stampa
Pro-Motion
Joselia Pisano
Telefono 055 582428
Cellulare 320 1983444
staff@pro-motioneventi.it ; redazione@pro-motioneventi.it
Telefono 340 3669793- 338 7593538 - 338 1026566

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl