Cosa può fare la famiglia per prevenire l'abuso sessuale dei bambini?

16/mar/2007 13.00.00 Le Parole Non Dette Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Cosapuò fare la famiglia per prevenire l’abuso sessuale dei bambini?

I genitori devono essere tra i primi eprincipali “promotori” degli interventi di prevenzione primaria dinatura educativa rivolti ai bambini. Devono effettuareazioni di educazione alla salute specificamente mirate a prevenirel’abuso sessuale e a fare sì che i bambini sappiano come comportarsi inalcune situazioni di rischio.

Per gli adulti è difficile, inriferimento alla sessualità, interagire e parlare con i bambini quando fannodomande, ancor di più quando manifestano in modo esplicito comportamenti oazioni a sfondo sessuale. E’ importante invece che gli adulti sappianocome agire e on ricorrano al semplice divieto oproibizione che comprime le spinte  gli impulsi del bambino senza dare adessi alcuna direzione educativa e capacità rielaborativa,ma rispondano rispettando questi due principi:

a) definizione chiara dei comportamenti che vengono messi in atto al bambino, che devono esserechiaramente descritti ed enunciati all’adulto (vedo che in questo momentotu stai....)

b) espressione delle emozioni suscitate dal comportamento(...questo mi fa sentire a disagio).

Prevedere che i bambini probabilmente risponderanno aicommenti egli adulti relativamente ai lorocomportamenti sessuali mostrando reazioni imbarazzate o difensive, devecondurre l’educatore, specie

segenitore, a facilitare la comunicazione e l’empatianell’interazione con il minore. Se questo succede, la comunicazione potràprocedere e l’adulto potrà in tale modo valutare quali altre cose ilbambino potrebbe avere bisogno di discutere oascoltare, potendo così correggere informazioni sbagliate, rinforzare ilconcetto di privatezza relativamente ai comportamenti sessuali e di limitazioniimplicite in molti di essi. Tutti gli interventi di prevenzionedell’abuso sessuale prevedono che ai bambini venganofornite le conoscenze per riconoscere le condizioni e le caratteristiche cherendono possibile connotare come abuso sessuale l’interazione tra unadulto e un bambino. Si devono, perciò, sviluppare nel bambino capacitàcritiche affinchè sia in grado di reagire di frontead una situazione di disagio per non restarne vittima,attuando la strategia di “GRIDO NO, SCAPPO VIA, CORRO A DIRLO AQUALCUNO”(cfr. paragrafoseguente). E’ fondamentale che i bambini imparino sempre a richiederel’aiuto dei genitori o di adulti di cui sifidano, in ogni situazione in cui non si sentono a proprio agio. E’importante, infine, che gli adulti aiutino i bambini a modificare eventualicomportamenti di eccessiva fiducia verso personesconosciute e conosciute che si comportano in modo anomalo.

http://www.leparolenondette.org

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl