Buon Compleanno Maestro Verdi, 10 ottobre 2003, ore 20.30

09/ott/2003 14.26.00 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Teatro Regio di Parma
Fondazione
____________________
 
Buon Compleanno Maestro Verdi
 
Venerdì 10 ottobre 2003, ore 20.30 al Teatro Regio di Parma primo appuntamento
con il progetto che che sino al 2008 presenterà in ordine cronologico una selezione da tutte le Opere del Maestro Verdi, interpretate dalle voci più belle della lirica.
   

        Il 10 ottobre 1813 alle Roncole di Busseto nasceva Giuseppe Verdi. Una data che molti nonni appassionati melomani insegnano ai nipotini, una data che i parmigiani conoscono perché un cittadino illustre come il Maestro è motivo di orgoglio, una data che gli studenti di musicologia devono assolutamente ricordare agli esami. Un giorno importante, dunque, che la Fondazione Teatro Regio di Parma celebra con Buon Compleanno Maestro Verdi 2003 - 2008, sei grandi concerti dedicati alle opere di Giuseppe Verdi nel giorno della sua nascita.

        Venerdì 10 Ottobre 2003 al Teatro Regio di Parma alle ore 20.30 primo appuntamento per questo grande progetto, realizzato con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, prodotto dalla Fondazione Teatro Regio di Parma e da Mario Dradi, che sino al 2008 ogni 10 ottobre ci permetterà di ascoltare in ordine cronologico una selezione da tutte le Opere del Maestro Verdi. Ad officiare il genetliaco del cigno di Busseto venerdì sera alcune fra le voci più belle della lirica, quelle di Valter Borin, Marco Camastra, Luca Casalin, Arturo Cauli, Fiorenza Cedolins, Antonio De Gobbi, Gianluca Floris, Marcello Giordani, Elisabete Matos, Raul Melo, Zvetan Michailov, Sabrina Modena, Leo Nucci, Rossana Rinaldi, Michela Sburlati, Gloria Scalchi, Riccardo Zanellato, che intoneranno le arie, i duetti, ed i cori delle opere giovanili di Giuseppe Verdi: Oberto, Conte di San Bonifacio, Un giorno di regno, Nabucco, I Lombardi alla prima Crociata (anche nella versione francese della Jerusalem), Ernani ed I due Foscari.

        Sul podio il Maestro Bruno Bartoletti, a dirigere l’Orchestra e il Coro del Teatro Regio di Parma, quest’ultimo preparato dal Maestro Martino Faggiani. A intessere recitativi e quartetti, cabalette e cavatine in un’unica avvincente trama musicale sarà la voce recitante di Franco Nero, l’attore di origini parmigiane che interpreterà il testo drammaturgico scritto da Lorenzo Arruga, vestendo i panni dell’uomo di cultura “cha sa abbastanza di Verdi e d’altro, sicché è in grado di discuterne con qualche intelligente provocazione”. Con la collaborazione dello scenografo Marco Capuana, cura l’aspetto visivo della serata Lamberto Puggelli, che interviene in scena accanto a Franco Nero.

        Oberto, Conte di San Bonifacio è la prima composizione di Verdi, andata in scena al Teatro alla Scala di Milano nel 1839. È un’opera che risente dell’influsso belliniano e donizettiano, ma che già fa intravedere i germogli delle tematiche verdiane. Oberto, è il personaggio meglio caratterizzato dell’opera, un padre che ha in sé la caratura morale che piace a Verdi e che precorre la figura di Padre Germont di Traviata. Un giorno di regno è l’opera che costituisce una parentesi buffa nella storia compositiva del Maestro, un melodramma giocoso, che però non otterrà gli stessi esiti favorevoli dell’altra, unica, opera buffa, il Falstaff. Il 1842 è l’anno della svolta, Nabucco: l’opera che per prima mette in luce il talento di Verdi. Orchestrazione vigorosa, grandi masse, Zaccaria e Nabucco personaggi a tutto tondo, il Coro, vero protagonista. I successi continuano, nel 1843 è il turno de I Lombardi alla prima Crociata, accolto calorosamente dal pubblico, non solo per la bella musica, ma anche per il palese intento politico, i crociati liberatori di Gerusalemme metafora dei patrioti che vorrebbero cacciare gli austriaci invasori. La critica ne rivela, invece, l’incongruità del libretto e una discontinuità nelle soluzioni compositive. Verdi fece di quest’opera un adattamento per le scene parigine, Jerusalem, che ha molto in comune con I Lombardi, ma che vede anche delle nuove scene e musiche, come il balletto del terzo atto, obbligatorio nell’opera francese, che sarà uno dei punti di forza dell’Aida. Con Ernani, Giuseppe Verdi, si trasforma in compositore autenticamente romantico e incontra due personaggi che d’ora in poi lo accompagneranno per tutta la vita: Victor Hugo e Francesco Maria Piave. Il drammaturgo francese farà scoprire al Maestro il mondo del dramma borghese, un mondo fatto di passioni estreme, tragiche, che il giovane librettista Francesco Maria Piave saprà piegare alla supremazia della musica verdiana. “Una tinta, un colore troppo uniforme dal principio alla fine” a dire queste parole è Giuseppe Verdi parlando de I due Foscari. Un’opera che giudicò debole drammaturgicamente, i protagonisti statici, senza spessore, ma c’è qualcosa di buono, una tematica, cara a Verdi, che sarà ripresa e ampliata nel Don Carlo: la ragion di stato contro le ragioni del cuore.

 

 

_____________________________

 

 

Teatro Regio di Parma, venerdì 10 ottobre 2003, ore 20.30

 

Buon Compleanno Maestro Verdi

 

Direttore Bruno Bartoletti

Regia Lamberto Puggelli

Drammaturgia Lorenzo Arruga

Voce recitante Franco Nero

 

Orchestra e Coro del Teatro Regio di Parma

 

Maestro del Coro Martino Faggiani

 

_________________________________________

 

 

programma

 

Oberto, Conte di S. Bonifacio

Dramma in due atti

Libretto di Temistocle Solera

 

Recitativo e quartetto  -  atto II, scena IV, V

Eccolo è desso...Vili all’armi! Ah, donne eroi...

Oberto  -  basso Riccardo Zanellato

Riccardo  -  tenore Marcello Giordani

Leonora  -  soprano Elisabete Matos

Cuniza  -  mezzosoprano Gloria Scalchi

 

atto II, scena VII

Ciel, che feci!…

Riccardo  -  tenore Valter Borin

 

Un giorno di regno

Melodramma giocoso in due atti

Libretto di Felice Romani

 

Recitativo e sestetto  -  atto I, scena VII

Cara Giulia, alfin ti vedo!..

Edoardo  -  tenore Raul Melo

Giulietta  -  mezzosoprano Gloria Scalchi

Kelbar  -  basso Riccardo Zanellato

Belfiore  -  baritono Marco Camastra

La Rocca  -  basso Antonio De Gobbi

Marchesa  -  soprano Michela Sburlali

Un Servo  -  basso Arturo Cauli

 

Aria e cabaletta Edoardo  -  atto II, scena II

Pietoso al lungo pianto...

Edoardo  -  tenore Marcello Giordani

Coro

 

Recitativo e settimino  -  atto II, scena X

A tal colpo preparata...

Belfiore  -  baritono Marco Camastra

Edoardo  -  tenore Raul Melo

Giulietta  -  mezzosoprano Rossana Rinaldi

Kelbar  -  basso Riccardo Zanellato

Marchesa Del Poggio  -  soprano Michela Sburlati

La Rocca  -  basso Antonio De Gobbi

Il Conte Ivrea  -  tenore Luca Casalin

Delmonte  -  tenore Gianluca Floris

Coro

 

Nabucco

Dramma lirico in quattro parti

Libretto di Temistocle Solera

 

Cavatina Zaccaria  -  atto I, scena II

Sperate, o figli!…

Zaccaria  -  basso Riccardo Zanellato

Ismaele  -  tenore Raul Melo

Coro

 

Finale atto I, scena VII

Che tenti?...Tremin gli insani...

Zaccaria  -  basso Riccardo Zanellato

Nabucco  -  baritono Leo Nucci

Abigaille  -  soprano Elisabete Matos

Fenena - mezzosoprano Gloria Scalchi

Ismaele - tenore Valter Borin

Anna  -  soprano Sabrina Modena

Coro

 

Scena, aria e cabaletta Abigaille atto II, scena I, II

Ben io t'invenni... Salgo già del trono aurato...

Abigaille  -  soprano Elisabete Matos

Il Gran Sacerdote  -  basso Antonio De Gobbi

Coro

 

Coro  -  atto III, scena IV

Va, pensiero...

 

Preludio, scena, aria e cabaletta - atto IV, scena I, II

Son pur queste mie membra!... Dio di Giuda!... O prodi miei

Nabucco  - baritono Leo Nucci

Abdallo  - tenore Luca Casalin

Coro

 

 

intervallo

 

 

I Lombardi alla prima Crociata

Dramma lirico in quattro atti

Libretto di Temistocle Solera

 

Scena e cavatina  -  atto II, scena II

O madre mia... La mia letizia infondere...

Oronte  -  tenore Valter Borin

Sofia  -  soprano Michela Sburlati

 

Rondo, arioso e cabaletta Giselda  -  atto II, scena VII, VIII

Oh madre, dal ciel soccorri...

Giselda  -  soprano Fiorenza Cedolins

Sofia  -  soprano Sabrina Modena

Arvino  -  tenore Raul Melo

Pagano  -  basso Riccardo Zanellato

Coro

 

Jerusalem

Opera in quattro atti

Libretto di A. Royer e G. Vaëz

 

Terzetto  -  atto IV, scena II

Dieu nous sépare, Hélène!...

Gaston  -  tenore Marcello Giordani

Hélène  -  soprano Michela Sburlati

Roger  -  basso Antonio De Gobbi

 

I Lombardi alla prima Crociata

Dramma lirico in quattro atti

Libretto di Temistocle Solera

 

Coro - atto IV, scena III

O Signore, dal tetto natio...

 

Ernani

Dramma lirico in quattro parti

Libretto di Francesco Maria Piave

 

Scena e cavatina Elvira  -  atto I, scena III, IV

Surta è la notte,... Ernani involami...

Elvira  -  soprano Fiorenza Cedolins

Coro di donne

 

Scena, aria e cabaletta Silva atto I, scena IX

Che mai vegg'io!... Infelice e tu credevi...

Infin che un brando vindice...

Silva  -  basso Riccardo Zanellato

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl