La Dottrina di Scientology

La Dottrina di Scientology Anche se Scientology ha un debito spirituale con le fedi orientali, essa ha avuto origine in occidente e pertanto le sue credenze sono espresse nel linguaggio tecnologico della metà del ventesimo secolo.

28/mar/2007 12.10.00 Affari Pubblici Chiesa di Scientology Milano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



Anche se Scientology ha un debito spirituale con le fedi orientali, essa ha avuto origine in occidente e pertanto le sue credenze sono espresse nel linguaggio tecnologico della metà del ventesimo secolo. Scientology aggiunge a questi concetti spirituali, una tecnologia esatta e realizzabile per l'applicazione degli stessi alla vita .

La dottrina religiosa di Scientology include certe verità fondamentali. Prima fra tutte è che l'uomo è un essere spirituale la cui esistenza si estende oltre il ciclo di una singola vita ed è dotato di capacità ben al di là di quelle che egli di norma crede di possedere. L'uomo non solo è in grado di risolvere i propri problemi e di raggiungere i propri obiettivi ed una felicità duratura, ma anche di raggiungere nuovi forme di consapevolezza spirituale di cui non avrebbe mai sognato l'esistenza.
Scientology sostiene che l'uomo è fondamentalmente buono e che la sua salvezza spirituale dipende da se stesso, dai suoi rapporti con i propri simili e dal conseguimento di un senso di fratellanza con l'universo. A questo riguardo, Scientology è una filosofia religiosa nel senso più profondo della parola, in quanto affronta niente di meno che la piena riabilitazione dell'io spirituale che è innato nell'uomo, delle sue capacità, della sua consapevolezza e della certezza della propria immortalità.
Inoltre, all'interno di un'arena più vasta, attraverso la salvezza spirituale dell'uomo Scientology vuole conseguire una trasformazione definitiva, "una civiltà senza pazzie, senza criminali e senza guerre, in cui coloro che hanno talenti possano avere successo, gli onesti godere dei loro diritti e l'uomo vivere libero di ascendere alle somme vette".
In un modo o nell'altro, tutte le grandi religioni aspirano alla libertà spirituale - una condizione libera da limitazioni materiali e dalla sofferenza. Scientology offre un approccio molto pratico per conseguire questo obiettivo.
Sull'argomento, L. Ron Hubbard ha scritto: "Per secoli e secoli la religione ha avuto come obiettivo la salvezza dello spirito umano. L'uomo ha tentato, attraverso molteplici pratiche, di trovare la via della salvezza, continuando sempre a sperare che un giorno, in qualche modo, avrebbe raggiunto la libertà". Hubbard prosegue: "Ed oggi, dopo secoli di dolore e sofferenza, dopo terribili guerre e catastrofi, la speranza è ancora viva e, con la speranza, il conseguimento".

Pertanto, se da un lato la speranza di libertà è antica, ciò che Scientology sta facendo per conseguirla è nuovo. E le tecnologie di cui si serve per realizzare un nuovo stato dell'esistenza umana sono altrettanto nuove. Una comprensione di queste credenze dimostrerà come Scientology sia parte integrante delle tradizioni spirituali e religiose del mondo.
 
tratto da:
 
Scientology
Teologia e Pratica di una Religione Contemporanea
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl