Appaltopoli: come tutelarsi

28/mar/2007 16.49.00 Pro-Motion Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

Appaltopoli: chi ha acquistato casa dalle ditte indagate
può chiedere la restituzione dei soldi e il risarcimento
L’avvocato Marco Noferi: “Bisogna muoversi quanto prima”


L’inchiesta di appaltopoli a Campi Bisenzio interessa decine e decine di famiglie che hanno firmato contratti di acquisto e versato soldi per prendere casa nelle aree dove dovevano essere realizzate le costruzioni ‘incriminate’. Ma l’ordinanza del gip che ha posto sotto sequestro le aree rischia di essere solo la premessa alla non realizzazione dei complessi immobiliari. E chi ha già sognato una casa, teme di vedersela crollare insieme ai propri investimenti economici.

“Bisogna muoversi presto per verificare se sia il caso di chiedere la risoluzione del contratto, la restituzione di ciò che è stato pagato e il risarcimento di eventuali danni - spiega l’avvocato civilista Marco Noferi dello studio legale Cnttv. - Tutto dipende da quando è stato stipulato il contratto e se esso è ottemperante al decreto legislativo che tutela gli acquirenti”.
Chi ha acquistato un appartamento su carta, paga meno perché finanzia l’impresa costruttrice, ma rischia di più in quanto c’è il timore di un fallimento dell’impresa. Spesso in passato cooperative o aziende fasulle sfruttavano la carta del fallimento per ‘rubare’ soldi agli aspiranti possessori di case. Il decreto legislativo del 21 luglio 2005 in attuazione della legge 210 del 2004 prevede una serie di tutele per l’acquirente. I contratti preliminari per gli immobili devono avere al proprio interno delle garanzie precise: il costruttore deve consegnare al cliente una fideiussione di importo pari alle somme o al valore di quanto già versato e da versare.

Un ulteriore obbligo per il costruttore prevede una stipula di una polizza assicurativa decennale a favore dell’acquirente destinata a garantire il risarcimento dei danni conseguenti a vizi dell’immobile che si sono manifestati dopo la stipula del contratto.
L’accordo, poi, deve contenere la descrizione atta dell’immobile e tutte le notizie determinanti per l’acquisto, tra cui i termini massimi di esecuzione e consegna dell’opera

“Nel caso di Campi Bisenzio - spiega l’avvocato Noferi -, difficilmente gli immobili saranno realizzati nei tempi previsti, sempre che siano realizzati. Se il contratto adempie al decreto legislativo del 2005, allora l’acquirente può chiederne la rescissione per inadempienza da parte del costruttore e la restituzione totale della somma già versata che sarà coperta dalla fideiussione. Inoltre è possibile pensare di chiedere tutti i danni materiali, patrimoniali ed esistenziali legati alla mancata entrata in possesso dell’immobile o al ritardo della sua realizzazione”.

La prima mossa da fare è accertare la responsabilità dell’impresa costruttrice nella vicenda, se è responsabile direttamente avendo effettuato degli illeciti o se è rimasta coinvolta suo malgrado.
Più difficile la posizione di chi è entrato a far parte della cooperativa che ha ottenuto l’appalto per la realizzazione dell’immobile e in questo caso viene direttamente coinvolto nella vicenda. “In questo caso bisogna rifarsela con l’intermediario che ha portato avanti l’affare illecito danneggiando anche i soci cooperatori”.



Per contatti, documenti, interviste

Ufficio stampa
Pro-Motion

Joselia Pisano
Telefono 055 582428
Cellulare 320 1983444
staff@pro-motioneventi.it ; redazione@pro-motioneventi.it
Telefono
340 3669793
- 338 7593538 - 338 1026566

 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl