L'ITALIA BATTE TONGA 36 - 12 (pt. 9 - 7)

Allegati

15/ott/2003 18.57.37 Utente Non Registrato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Canberra, 15 ottobre 2003

 

L’ITALIA BATTE TONGA 36 – 12 (pt. 9 – 7)

ERIMANE IN CORSA PER I QUARTI

Canberra- L’Italia mantiene alte le speranze di entrare nei quarti superando l’aggressiva Tonga in maniera netta e decisa, mettendo sotto gli avversari proprio sul piano da loro preferito: la potenza e l’aggressività fisica. Dopo una strenua battaglia nel primo tempo, infatti, nella ripresa Tonga è andata man mano sfilacciandosi fino a rimanere in balia degli Azzurri che hanno dilagato, come compete alla squadra più forte.

E’ stata anche la giornata dei fratelli Dallan che hanno festeggiato il compleanno di Manuel realizzando ben 3 mete.

 

DAL PRESIDENTE DONDI I COMPLIMENTI  AGLI AZZURRI

Il presidente Dondi ha visto il match in televisione e subito dopo il fischio finale ha chiamato negli spogliatoi azzurri per fare le sue congratulazioni.

La sua analisi della partita è semplice e precisa: “Il primo tempo molto testo e con qualche errore di troppo. Nella ripresa, diminuita l’aggressività di Tonga, l’Italia ha sfruttato meglio il possesso, mentre Tonga senza il pallone si trovava facilmente scompaginata. Era importante vincere questa partita e va bene così. Andiamo avanti  vincendo partita per partita”

 

IL COMMENTO DI KIRWAN

L’analisi di Kirwan è molto serena: “Abbiamo giocato con lo stesso impegno dimostrato contro la Nuova Zelanda. Abbiamo avuto pazienza ed avuto il nostro momento. Abbiamo placcato. Denis ha giocato benissimo ed ha meritato due mete. Ci siamo divertiti e, come dico, sempre, abbiamo vinto.

Wakarua? Ha realizzato 8 tentativi su 9. Era in giornata. Avevo fiducia in lui.

Il nostro piano di gioco è stato rispettato: attaccare sui punti di incontro. Abbiamo vinto la battaglia fisica sugli avversari molto aggressivi. L’unico neo sono stati i troppi fuori gioco della linea arretrata sulla ruck.”

 

LA FELICITÀ SI CHIAMA FAMIGLIA DALLAN

TRE METE–PARTITA IN DUE

Inizia lo show Denis: “una vittoria importante, contro avversari fortissimi nell’esordio in Coppa del Mondo. Io mi porto sempre degli obbiettivi in campo. Il mio obiettivo, oggi, era di segnare due mete. E così è stato. Ho cercato il pallone incessantemente dall’inizio.

Contento che anche mio fratello abbia segnato? Assolutamente si! Non poteva festeggiare meglio il suo compleanno: la vittoria, due mete del fratello che le regala a lui e la prima meta della partita realizzata da lui stesso.  

Manuel: “E’ stato il più bel regalo che potessi farmi,  e quello che la squadra potesse fare a me.  Magari potessi festeggiare ancora così la prossima settimana (ndr. Martedì 21 ottobre c’è Canada). Ringrazio Denis per avermi regalato le sue mete!”

 

IL TABELLINO DEL MATCH

MARCATORI: 4’, 12’  e 30’  cp. Wakarua, 35’ mt. Payne tr Tu’ipulotu, 51’ mt. M. Dallan tr. Wakarua, 60’ mt. Tu’ifua, 61’, 67’  cp. Wakarua, 73’ mt. D. Dallan tr. Wakarua, 80’ mt. D. Dallan tr. Wakarua

NOTE: cartellini gialli: 2’ Fenukitau, 66’ Ngauamo, 68’ Ongaro

ITALIA 15 Canale, 14 Mazzucato, 13 Stoica (74’ Masi)  , 12 Manuel Dallan, 11 Denis Dallan; 10 Wakarua, 9 Troncon (Cap); 8 Parisse, 7 Persico, 6 De Rossi (71’ Festuccia); 5 Bortolami, 4 Dellapè (68’ Checchinato); 3 Castrogiovanni (74’ Perugini), 2 Ongaro, 1 Lo Cicero.

 

TONGA: 15 Hola; 14 Fonua (78’ Va’enuku),13 Leger (54’ Ngauamo),12 Payne (50’-52’ Johnny Ngauamo,), 11 Tu’ifua; 10 Tu’ipuloto, 9 Martens; 8 Kivalu (43’-45’  Latu, 79’ Fonua,)  , 7 Fenukitau (11’ S. Afeaki), 6 Inoke Afeaki (cap – 57’ Latu); 5 Milton Ngauamo, 4 Vaki; 3 Lavaka, 2 Taukata (69’ Ma’asi), 1 Lea’aetoa (72’ Pulu).

 

ARBITRO: Steve Walsh (Nuova Zelanda): Giudici di gara Alain Rolland (Irlanda) e  Ian Ramage (Scozia). Assessor  Nigel Williams (Galles); Video Referee :  Donald Courtney.

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl